giovedì 30 ottobre 2014

SIMENON SIMENON. PERCHE' MAIGRET NON POTEVA NASCERE CHE DALLA PENNA DI SIMENON?

Forse non tutti sanno con quante prove si cimentò Simenon, nell'ultimo periodo della letteratura popolare, per trovare il personaggio giusto... quello che gli avrebbe fatto fare il salto dalla letteratura poplare su ordinazione, ad una letteratura espressione delle sue scelte e delle sue capacità.
Certo ci voleva l'intuizione giusta. Ma anche per uno intuitivo come Simenon ci fu un periodo d'incertezza. La figura di Maigret già appriva qua e là abbozzata in qualche romanzo popolare, ma anche quella di un altro eroe... agli antipodi del commissario, quel Yves Jarry, e poi l'ispettore Sancette, senza scordare le figure dei futuri ispettori di Maigret, che avevano tentato la via dei protagonisti... Come ci ricorda la nostra Murielle Wenger nel suo studio, Le quatre fidèles de Maigret, nel romanzo Fièvre  Lucas è un ispettore agli ordini addirittura del commissario Torrence, mentre ne L'inconnue è Torrence ad essere l'ispettore che dipende dal commissario Torrence. Entrambe i romanzi sono contemporaneti all'uscita di Maigret e firmati con uno dei venti pseudonimi simenoniani: Christian Brulls.
Possiamo dire che tutti questi tentativi, portati avanti sin all'uscità dei Maigret, nonostante la convinzione di Simenon sulla bontà del personaggio Maigret, possono essere conisderate degli outsider, in caso il commissario avesse fatto fiasco.
Ma, come si sa, alla fine fu lui che vinse. Vuoi per la caparbietà con cui il romanziere aveva iniziato a scrivere un discreto numero d'inchieste prima che fosse lanciata la serie e pubblicati i primi titoli e vuoi perché quell'investigatore, assolutamente fuori dai canoni dei detective letterari di successo, era quello che evidentemente il pubblico aspettava... finalmente un personaggio con cui potersi identificare, praticamente un qualsiasi funzionario dello stato, un piccolo borghese, senza tratti eroici e senza le qualità del superuomo. Non è giovane, non è bello, non porta la pistola, non guida l'automobile, non flirta con le donne, non si serve di congegni tecnologici o futuristici. E, come diceva Simenon stesso "...non è nemmano intelligente, è intuitivo...".
E poi, come ci fa notare il grande studioso simenoniano Pierre Assouline "... Jules Maigret, un poliziotto così francese, non poteva che nascere dallo spirito di un romanziere di gran fiuto... Maigret è la profonda Francia fatta uomo, ma la Francia d'un tempo, quella di Moulins (Allier), tale e quale appare ne L'Affaire Saint-Fiacre de Jean Delannoy...".
Abbiamo prima sia parlato dell'intuitività dello scrittore che citato quella del commissario.
Uno come Simenon, che affidava la complessità dei suoi romanzi e la profondità psicologica dell'interazione dei suoi personaggi alla trance creativa dell'état del roman, quale tipologia d'indagine avrebbe potuto immaginare per il suo personaggio? Ancora una volta Assouline dice parole definitive sull'argomento "...il suo fiuto (ma forse meglio il suo odorato come scrive Assouline stesso n.d.r), ben prima della sua capacità di riflessione, lo conduce alle più audaci deduzioni. Ragiona meno di quanto non proceda per associazione d'idee...".
E' l'uomo semplice  che Simenon, più volte idealizza nei suoi romanzi, ma anche nelle sue parole, che è talmente suo che, quando ritiene di potersene sbarazzare (finito il contratto dei primi diciannove titoli per Fayard), dovrà fare i conti, certo con il mercarto e i suoi editori (persino Gallimard) che gli chiedevano di riprendere la serie e il personaggio. Ma forse in quel semplice e schivo commissario c'era molto di sè, molto più di quanto lui stesso non potesse supporne... più di quanto qualsiasi personaggio letterario si porti dentro frammenti della mente e dell'animo dell'autore. 
Qui il legame è particolare e si protrae, in modo del tutto inconsueto per la letteratura, anche per quella seriale, per ben quarant'anni e con oltre un centinaio d'inchieste (75 romanzi e 28 racconti), in quadro che vede l'autore dedicarsi alla produzione di otre un centinaio di romanzi che lo hanno portato un paio di volte vicino al Nobel.
"...un uomo con delle precise abitudini, di poche chiacchiere, con una struttura plebea, un blocco imressionate di fiducia in sè stesso, la pipa sempre tra i denti - ci spiega mirabilmente ancora Pierre Assuoline - vicino agli umili e alla povera gente, identificandosi sempre negli altri, ma concedendo maggior empatia al colpevole che alla vittima... che s'interessa più alla qualità di un'atmosfera, alle caratteristiche di un ambiente e alle debolezze dei personaggi che all'intrigo, agli inidizi e alla suspense...".
Conclude Assouline: "... i migliori Maigret sono quelli dove non  c'è nemmeno il morto. Simenonianissimo....".
E ciò letto, non crediamo ci sia bisogno di aggiungere nemmeno di  una parola.

mercoledì 29 ottobre 2014

SIMENON SIMENON. ARRIVA "PIETR" DALLA LETTONIA ALLA FRANCIA IN ISRAELE... E POI TUTTI GLI ALTRI


Continua la fuga di Pietr Le Letton, il personaggio del primo Maigret scritto da Simenon (ma, ricordiamo, non il primo ad essere pubblicato) Il profugo che proveniva dalla Lettonia creato da Simenon in Francia adesso approderà i primi di novembre nello stato d'Israele, come viene annunciato sul sito ufficiale di Simenon. Lo citiamo, perchè nella rassegna stampa che abbiamo aggiornato oggi riportiamo una notizia di un sito culturale greco, che annunciava la riedizione de L'homme de Londre (la seconda dopo 12 anni) nelle librerie elleniche. E da qui alla fine dell'anno con nuove edizioni o ristampe troviamo titoli in uscita nella repubblica Ceca, in Ucraina, oltre agli Usa, alla Francia, all'Italia, la Gran Bretagna...
Insomma continua l'onda lunga della produzione simenoniana. Per l'Italia in particolare ci aspettiamo nel breve-medio termine, altre racconte dei romanzi di Maigret (il 6 e il 7), la riedizione del roman-dur, Hotel ritorno alla natura... Per ora vedremo l'effetto classifica su La pipa di Maigret che da sabato prossimo potrebbe far capolino tra i libri più venduti, soprattutto nella sezione della narrativa straniera... Sono aperte le scommesse.

 

martedì 28 ottobre 2014

SIMENON SIMENON. SI APRE LA CACCIA AI "BLOOPERS" SIMENONIANI....


Abbiamo voluto rendere più visibile il commento che Rudi, un nostro affezionato lettore, ha argutamente fatto ad un post pubblicato da Simenon-Simenon il 14 settembre dell'anno passato. E, come leggerete, se non l'avete già fatto, mette in evidenza una svista, un'incongruenza, insomma uno di quelli che al cinema chiamano bloopers. Una papere, un errore che sfugge alla macchina produttiva, in questo caso: lo scrittore, chi fa le correzioni, oppure il curatore editoriale e magari anche il traduttore. Non si tratta di errori gravi, ma di svarioni e mancanze di congruenza così palesi che non inificiano la validità dell'opera, ma che invece  suscitano la curiosità e addirittura la caccia... Ad esempio i cinefili sono da tempo degli infessibili settacciatori dei film, tanto che è nato addirittura un sito italiano dedicato a questi svarioni (http://www.bloopers.it).
Questo ci ha fatto venire l'idea che, con tanti e attenti lettori di Simenon, potremmo anche noi lanciare una sorta di "caccia al blooper simenoniano". Vogliamo provarci... La caccia è aperta. Intanto leggetevi "il primo blooper" segnalato da Rudi, che per altro esprime anche qualche altro dubbio.

Ho cominciato a leggere "Maigret e i testimoni reticenti", mi pare sia il 53esimo della serie, e ho trovato due sciatterie che vorrei verificare con un vero esperto. Nella traduzione di Emanuela Fubini, alla fine del primo capitolo c'è questa frase, che descrive il giudice istruttore Angelot:
“apparteneva alla nuova scuola, quella che riteneva che l’inchiesta appartenesse al giudice istruttore dall’inizio alla fine, e che la polizia dovesse limitarsi ad agire agli ordini del magistrato”.
Lo stesso verbo usato a poche parole di distanza?
Forse Simenon non ha dedicato sufficiente attenzione alla revisione del testo, e il sospetto si acuisce quando, all’inizio del secondo capitolo, c’è un errore evidente: sul luogo del delitto, il commissario è stato accompagnato dall’ispettore Janvier, non da Lapointe.

Sono dettagli, ovvio. Ma sono curioso di sapere come li spieghi?
Rudi 

*Ovviamente è aperta anche la caccia ai bloopers di Simenon-Simenon!

lunedì 27 ottobre 2014

SIMENON SIMENON. UNA PERIFERIA DI OTTANTANT'ANNI FA' CHE PIACE ANCORA


Faubourg. Periferia, traducendolo in italiano. Un'ambiente, ma anche una regione dell'anima. Come i sobborghi sembrano lontani dal centro pulsante di una città, così appaiono il luoghi e le persone che abbiamo allontanato dal cuore della nostra vita.
Sembra. Perchè in realtà le persone vanno e vengono dal centro alla periferia, ma anche le situazioni e gli eventi si ripetono e a volte ritornano, più o meno inaspettatamente nelle pieghe della vita.
Stiamo parlando  di un tema caro a Simenon e in particolare di un romanzo, Faubourg, finito di scrivere proprio nell'ottobre di ottanta anni fa'. E' un romanzo di grande attrazione dove la figura principale, De Ritter, un avventuriero di piccolo cabotaggio, non troppo furfante per essere un malvivente, ma troppo furbetto per essere una persona perbene, è il simbolo di certi personaggi simenoniani, borderline, non cattivi, ma predisposti alla cattiva sorte, ingenui e presuntuosi, millantatori e meschini, compagnoni ma in realtà soli.
De Ritter aveva abbandonato quella provincia, percepita come un'asfittica periferia dell'anima ed era approdato ad un esistenza nient'affatto cosmopolita, ma tutt'al più apolide, caratterizzata da truffe, piccoli imbrogli, velleità di facili successi regolarmente abortite, con fughe e sostamenti altrettanto rpentini quanto frequenti. L'ideae era forse quella di far fortuna e tornare in quella periferia per dimostrare quello di cui era stato capace.
Ma così in effetti non è. Quando De Ritter con la sua compagana Lea, un'ex prostituta, scendono dal treno alla stazione della sua cittadina, lui non è davvero nessuno e la baldanza e le arie che lo circondano non hanno motivo di essere.
Ben deciso a rimanere in disparte e a spiare personaggi, ambienti e farsi un'idea di cosa è diventata la sua cittadina, De Ritter sulle prime rimane quasi nascosto, nell'ombra, ma poi piano piano non resiste all'attrazione di farsi vedere in giro e di farsi riconsocere. Ma perchè?
La stessa domanda bisognerebbe porsela in merito ai motivi che l'hanno spinto a ritornare. Evidentemente è una spinta interna cui uno come De Ritter non riesce a resistere. Probabilmente è più forte di lui e delle intenzioni più o meno razionali con cui parte. E, come René, uomo d'affari in attesa di ricevere dei soldi dai propri soci, inizia chiedere soldi a delle vecchie conoscenze, mentre Lea ricomincia ad esercitare la sua antica professione, per guadagnare quello che consente ai due di sopravvivere. Ma la cose non vanno come René-De Ritter vorrebbe. Il credito di cui gode in città si esaurisce ben presto, Lea allaccia una relazione con il propietario dell'albergo din cui alloggiano. La moglie dell'albergatore si dice pronta a pagare il nostro protagonista pur di allontanare Lea.
De Ritter prende i soldi e scappa. Anzi scappano insieme, lui e Lea, si  stabiliscono in un altro punto della città e ricominiciano i loro traffici. I passi successivi di De Ritter saranno quello di andare dalla madre, portandole costosi regali, per farle credere di esser diventato ricco e poi quello di riallacciare i rapporti con una sua vecchia fiamma, Marthe, che poi, in pieno accordo con Lea sposa solo per interesse. Ma in realtà Lea non prende così bene la cosa o perlomeno si consola in un gratificante rapporto con un giovane redattore.
Quando De Ritter lo scopre, si comporta da quel provinciale, gretto ed egoista che evidentemente è, e non da quell'uomo di mondo, evoluto e cosmopolita che cerca di far credere agli altri. Preda della più vecchia, banale e cieca passione, la gelosia, uccide il giovane amante di Lea e decreta così lo sgretolamento di quel castello di carte che era riuscito fin ad allora a tenere in piedi.
Simenon teneva molto a questo roman-dur, al punto di fare a Gallimard una rischiesta per lui insolita.: spendere dei soldi in messaggio radiofonici per fare pubblicità a Faubourg. Il vecchio Gaston non lo prese in considerazione, ma comunque l'episodio dimostra quanto Simenon ci contasse.
E non aveva torto perchè ancor oggi, ad ottant'anni passati dalla sua stesura, Faubourg riscuote ancora l'interesse degli appasionati e l'attenzione dei critici.

domenica 26 ottobre 2014

SIMENON SIMENON. MAIGRET, UN COMMISSARIO SPECIALE CHE NON AGGIUSTA SOLO I DESTINI...


Ancora uno studio-analisi che la nostra Murielle ci propone stavolta sulle motivazioni che spingono Maigret a scoprire il colpevole, e soprattutto sulle sue remore nel momento di consegnarlo alla giustizia. Quello che è stato chiamato "l'accomodatore dei destini" è qui analizzato nella fase in cui, finita l'indagine, il commissario deve consegnare il colpevole alla giustizia. E qui si palesano tutte le perplessità che lo stesso Simenon nutriva nei confronti del sistema giudiziario e che si riflette nella mentalità e nel comportamento del suo personaggio. E il saggio di Murielle analizza a fondo questa tematica, affondando le sue affermazioni, tra le righe dei romanzi di Maigret, fornendo un ricco panorama di esempi che ci fà capire molte cose... (m.t.)    


Il ruolo di Maigret, in quanto poliziotto, è prima di tutto quello di un investigatore, alla ricerca della verità. Ma il suo lavoro deve concludersi, spesso contro la sua volontà, con l'arresto di un colpevole e soprattutto con la condanna di quest'ultimo da parte della giustizia degli uomini. Si sa, è proprio questo che costituisce per lui il lato più sgradevole del suo compito ed è per questo che non è raro trovare nella sua serie dei casi in cui tenta di cambiare la situazione affinchè questo ultimo atto, quello della condanna, non abbia luogo. E, quando non ci riesce, lo vediamo molto a disagio nel dover consegnare il colpevole alla giustizia.
Per convincerci quanto Maigret non ami il ruolo di colui che consegna i colpevoli, basta scorrere i suoi romanzi e rilevare nelle ultime pagine di ciascuno, quello che avviene ai presunti colpevoli. Ed è quello che ho fatto. Ecco quali sono i risultati della mia analisi. 
Dal principio notiamo che, contrariamente a quello che si ci potrebbe aspettare da una serie poliziesca (ma i Maigret sono solamente un serie poliziesca? Non è improprio porsi questa domanda e probabilmente non lo è nemmeno rispondersi negativamente...), non tutti i romanzi della serie sono costruiti sullo stesso schema (crimine, inchiesta, scoperta del colpevole e confessione di questo): non soltanto sono dei romanzi dove il crimine non si verifica all'inizio della narrazione (per esempio "Les scrupules de Maigret" o "Maigret hésite"), ma ce ne sono alcuni dove non c'è affatto un omicidio (come "Maigret chez le ministre"),o altri in cui l'omicidio si rivela essere un suicidio (come
"Monsieur Gallet décédé", "Maigret chez les vieillards") cioè il contrario delle famose regole dettate a suo tempo da Van Dine.
Consideriamo ora i romanzi dove viene commesso un crimine, in cui Maigret ha condotto la propria indagine e in cui ha scoperto il colpevole. Cosa succede adesso? Nella maggior parte dei casi Maigret dovrebbe consegnare il colpevole alla giustizia, ma questo non accade così normalmente con il nostro commissario. Facciamo qualche passo indietro.
Prima di tutto sottolineiamo che in parecchi romanzi Maigret - e l'autore insieme a lui... -  trovano un modo per evitare la condanna al colpevole;  ci sono quelli in cui il responsabile di un omicidio scappa alla gustizia perchè viene ucciso a sua volta: così succede per esempio a Oscar Bonvoisin in Maigret au Picratt's, o al Grand Marcel ne La folle de Maigret. Poi ci sono quelli in cui il colpevole si fa giustizia da solo... suicidandosi: vedi Any in Un crime en Hollande, Jean-Charles Gaillard ne La colère de Maigret o Ernest Grandmaison ne Le port des brumes. E non dimentichiamo Pietr alias Hans Johannson (Pietr le Letton), il cui suicidio è quasi offerto da Maigret stesso... Ci sono dei colpevoli che approdano ad una sorta di redenzione nella morte, come Darchambaux ne Le charretier de la Providence, la cui saprizione evita a Maigret di dover proseguire un'inchiesta su un personaggio per il quale nutre una notevole compassione. A volte Maigret non si contenta di lasciar morire o sparire il colpevole, ma evita di condurre l'inchiesta fino alla conclusione e, dopo aver ottenuto la confessione e quindi scoperta la verità alla scoperta della quale si era impegnato, lascia i colpevoli continuare la loro vita senza consegnarli alla giustzia: si possono citare i casi de Les "compagnons de l'Apocalypse", de Le pendu de Saint-Pholien, Anna Peeters (Chez les Flamands), Jaja (Liberty Bar), o Etienne Naud (L'inspecteur Cadavre). Inutile dire che in questi utimi casi i coplevoli avevano beneficiato della benevolenza del commissario fin dall'inizio dell'inchiesta...
A parte qualche caso in cui il colpevole evita la giustizia a causa della follia (ad esempio M.me Martin dans L'ombre chinoise, Hubert Vernoux dans Maigret a peur), nella maggior parte dei romanzi Maigret conduce le proprie indagini fino in fondo e consegna al giudice il colpevole o i colpevoli.
Ma se Maigret non può sottrarsi a questa parte del suo lavoro, la fà più spesso suo malgrado e non senza resistenze, nonostante egli debba compiere il suo dovere di poliziotto, portare a termine il compito cui è preposto in ossequio alla legge spesso gli costa non poco.
Ed è là, dove il personaggio prende una dimensione talmente  umana, al punto di porsi ben aldilà delle figure consuete degli investigatori che si trovano nella letteratura poliziesca. Come per esempio Hercule Poirot, che con nessuna crisi di coscienza: soddisfatto d'aver dimostrato il suo talento di detective, è senza patemi d'animo che consegna il colpevole  il quale, riconosciamolo, passa alla confessione con un fair-play tutto britannico al termine di un... muder-party...  nel frattempo che Maigret invece soffre per tutta l'inchiesta le stesse pene del sospettato e si identifica nel suo calvario, e se lo spinge alla confessione, è in qualche modo per liberarlo da sè stesso e non tanto per consegnarlo alla giustizia, alla quale il commissario stesso fà fatica a credere... 
Va notato inoltre che più si va avanti con le inchieste e più Maigret è reticente nei confronti della giustizia, dei tribunali, delle corti d'assise, più evoca i suoi dubbi nei confronti del sistema giudiziario, facedosi portavoce del suo autore...  
Dall'inizio del corpus maigrettiano, si avverte la reticenza riguardo la giustizia degli uomini: come ne La tête d'un homme, ha arrestato Radek (più con lo scopo di provare l'innocenza di Heurtin piuttosto che la colpevolezza del tchèque) ed è con un gran turbamento che assiste alla sua esecuzione.
Si trovano anche dei casi in cui Maigret apparentemente non prova nessun sentimento in realzione alla condanna: è quando ha a che fare con dei veri malviventi o dei killer spesso delle comparse, "colpevoli dell'ultimo minuto" nella narrazione, che si rivelano essere gli assassini di un omicidio su commissione come Pepito Moretto in Pietr le Letton, Guido Ferrari ne La nuit du carrefour ou Justin le Toulonnais in Signé Picpus, sacrificando la tradizione, evoca seccamente la condanna in qualche riga alla fine del romanzo.
Altre volte Maigret consegna un colpevole alla giustizia, avendo il senso di aver compiuto il proprio dovere: sono i casi in cui il colpevole ha commesso un crimine sordido, spesso per interesse e in cui, questa volta, è la vittima o un presunto colpevole che si rivela innnocente e che hanno goduto la simpatia del commissario, si può citare per esempio il Dr Michoux ne Le chien jaune, Ramuel ne Les caves du Majestic, Dandurand in Cécile est morte, Valentine Besson in Maigret et la vieille dame, Mme Serre in Maigret et la Grande Perche, Roger Prou e Renée Planchon in Maigret et le client du samedi
Ma nella gran parte dei casi in cui Maigret è andato fino in fondo con le sue indagini, l'ha fatto per lo meno con non poca esitazione, con una certa dose di scrupoli e con la speranza, talvolta, che il colpevole non sia condannato. Si potrà citare James ne La guinguette à deux sous in cui il commissario, dopo aver ascoltato la patetica confessione del colpevole, prende letteralmente un fugone per raggiungere la consolatoria M.me Maigret in Alsazia.
Oppure il Dr. Bellamy dans Les vacances de Maigret, in cui il poliziotto si sostituisce, in qualche modo, facendo il guardiano della donna amata e adorata dal copevole; e ancora più eclatanti sono i casi di Julien Foucrier in Maigret en meublé che Maigret arresta "perchè era per il suo bene" secondo le sue stesse parole; di John T. Arnold in Maigret voyage, sulla spalle del quale, dopo la confessione, il commissario posa una mano colma d'empatia; di François Mélan in Maigret se défend per il quale il commissario si costituirà testimone a suo favore; di Louis Pélardeau in Maigret à Vichy, per il quale Maigret spera nell'assoluzione; o di Robert Bureau dans Maigret et le tueur,
per il quale si pone la questione, così spesso evocata dall'autore, della responsabilità.
Vittima del suo dovere di poliziotto, costretto per forza di cose a condurre le proprie inchieste fino ad un punto che, pur contrario ai propri principi morali, è reso  indispensabile dal suo ruolo giudiziario, Maigret è a volte obbligato a mostrarsi come giutiziere, ma capita spesso suo  malgrado e la sua coscienza professionale non gli impedisce di provare numerosi scrupoli, cosa che lo rende ai nostri occhi dotato d'umanità, cosa rara in di tanti altri eroi di carta...


Murielle Wenger


sabato 25 ottobre 2014

SIMENON SIMENON. DESTINO MALEDETTO... DESTINO BENEDETTO...

Un'intreccio praticamente indissolubile. Stiamo parlando delle tematiche dell'opera di Simenon legate al destino, soprattutto dei romans durs, e della sua vena creativa.
Sappiamo che quella che lui chiamava état de roman era una specie di trance che s'impossessava di lui e lo portava allo sviluppo della vicenda e al percorso del protagonista che lo scrittore ha sempre sostenuto di ignorare al momento in cui si metteva seduto ad iniziare un nuovo romanzo.
"... non ho mai saputo, quando iniziavo un romanzo, come sarebbe andato a finire, mai, mai mai..."
L'affermazione così categorica è ovviamente di Simenon e rilasciata, tra le altre, in un'intervista concessa al professor Piron e al giornalista Sacré nell'82 a Losanna.
La preparazione di Simenon, si limitava agli appunti sulle foamose buste gialle. qualche cognome, qualche data, alcuni legami tra certi personaggi, il nome di qualche via... Ma la fase centrale era quella di "entrare nella pelle del protagonista". Proprio la parte che Simenon avrebbe vissuto durante gli otto/dieci giorni che gli ci volevano per terminare il suo romanzo.
"...una volta che ho il mio personaggio bene in testa, la questione che si pone è: Cosa può capitare improvvisamente a quest'uomo da obbligarlo a seguire il suo destino fino alle più estreme conseguenze? In realtà noi siamo tutti personaggi da tragedia - spiegava Simenon ai due - Noi siamo tutti dei santi e dei criminali. sono solo le circostanze che fanno sì che qualcuno diventi criminale e altri dei santi...".
Siamo nel dominio assoluto del caso. Dove un avvenimento insignificante può rovesciare la vita di un essere umano e a quel punto è il suo destino, al quale non può opporsi, e che guiderà tutte le vicende del protagonista.
E qui Simenon chiama in causa la tragedia come genere letterario facendo delle affermazioni singolari...
"...io penso che il romanzo oggi dovrebbe essere... (non dico che lo sia, ma io ho tentato di farlo, anche se credo di essere lontano dall'esserci riuscito) l'equivalente della tragedia, di quello che era la tragedia ...".
Siamo in piena tragedia greca dove c'è un universo ordinato rigorosamente e dominato da una necesità assoluta, all'interno della quale l'uomo sembre muoversi secondo schemi prestabiliti, senz'alcuna possibilità di modificare il corso degli eventi, insomma l'uomo, come la materia, soggiace alla ferrea legge naturale che regola il divenire cosmico.
Allo stesso modo Simenon s'infila nel suo protagonista che "passa la linea" suo malgrado e si ritrova trascinato in una spirale che lo porterà dalla parte peggiore della società, respinto e rifiutato da chi prima era un suo simile. Ma un maledetto declic l'ha spinto fuori dagli ordinati binari della sua vita per gettarlo nella terra di nessuno dove il suo destino è già segnato e mai in un senso positivo.

venerdì 24 ottobre 2014

SIMENON SIMENON. ANCHE I ROMANS-DURS DA LEGGERE A FUMETTI

Immagine di Les Introuvalbles, versione strip di Andréas Rosemberg
(G.M.) Proseguendo nella ricerca di fumetti del Commissario Maigret ci siamo imbattutti in una piacevole e inattesa scoperta, due riduzioni - in versione striscia giornaliera - ricavate da romanzi di Georges Simenon. Che del nostro commissario esistessero molte versioni disegnate si sapeva, ma fumetti tratti dalle opere di narrativa erano ignote ai più.
La prima è tratta dal romanzo Cour d'assises pubblicato la prima volta nel 1941 e apparso in Italia con titolo Corte d'Assise, tradotto solo nel 2010. Pubblicato nella "Biblioteca Adelphi" (n° 559). La versione a fumetti fu invece realizzata dall'agenzia Opera Mundi (molto conosciuta all'epoca e che distribuiva in giro per l'Europa parecchie strips famose americane - fu pubblicato solo sul quotidiano Le Parisien, nel 1951, per un totale di 72 strips). Disegni di Francis Josse mentre, come al solito - secondo la pessima abitudine francese dell'epoca - gli sceneggiatori sono ignorati.
La seconda scoperta è ancora più interessante in quanto si tratta di una produzione molto più corposa ricavata dalla serie di romazi Les Introuvables.
Come i lettori di questo blog sanno Les Introuvables è una serie di romanzi di Georges Simenon indipendenti l'uno dagli altri rieditati in volume da Presses de la Cité, Parigi, 1980.
La versione a fumetti per i quotidiani è stata fatta meno di un anno dopo l'uscita della raccolta. I vari episodi furono pubblicati sui quotidiani, Le Parisien, l'Union, l'Est Républicain nel periodo 1981/86. Adattato in strisce da Odile Reynaud e disegnato da Andréas Rosemberg.
 Questi i titoli:
• Chair de Beaute (228 strips)
• L'inconnue (210 strips)
• Dolorosa(294 strips),
• Le roi du Pacifique (210 strips
• Nez d'argent (240 strips)
• Les pirates du Tex as (138 strips)
• La panthere borgne (210 strips). 
Di altre versioni a fumetti - semi sconosciute - tratte dalle opere di Georges Simenon parleremo in un prossimo post.

Giancarlo Malagutti

mercoledì 22 ottobre 2014

SIMENON SIMENON. E' ARRIVATA UNA PIPA DA FUMARE... MOLTO LENTAMENTE

E' appena arrivato. Sta per arrivare. Se non è oggi sarà domani, al massimo... Dipende in quale zona dell'Italia siete, ma anche dalla libreria in cui siete entrati, ma possiamo dire che l'attesa è finità. La pipa di Maigret è uscito ufficialmente e, dopo la lunga attesa di circa sei mesi, gli appassionati si possono precipitare (se non l'hanno già fatto) ad acquistarlo. Il solito rituale. L'attesa (stavolta davvero lunga), gli acquisti e poi in un più di un paio di settimane, ma anche meno, l'ingresso della Pipa nelle classifiche dei libri più venduti.
Siamo al penultimo Maigret, più precisamente alla penultima raccolta dei racconti di Maigret, e, come abbiamo detto già più volte, tra i racconti rimasti c'è anche Un Natale di Maigret che essendo lungo, quasi un romanzo breve,  potrebbe essere pubblicato da solo.
Per quanto riguarda i tre titoli, vi ricordiamo che sono : La pipa di Maigret, Maigret e la testimonianza del chierichetto e Maigret e l'ispettore scontroso. 
Per la loro trama vi rimandiamo al post di una settimana fa' Si iniziano a vedere i segnali di fumo della pipa di Maigret.
Chiunque volesse acquistarlo on-line, potrà trovarlo qui.
Finalmente possiamo augurare: buona lettura a tutti.

martedì 21 ottobre 2014

SIMENON SIMENON. LE SUE... MEMORIE INFINITE

I ricordi e la memoria. Uno come Simenon che ha avuto una vita intensa, che ha vissuto in due continenti, in cinque paesi, in trentatre case, che ha viaggiato in lungo e in largo per tutto il mondo, con tre mogli e compagne, quattro figli, che ha conosciuto molti uomini e moltissime donne, che ha immaginato trame, personaggi e situazioni per centinaia di romanzi, quale rapporto ha avuto con i propri ricordi e quale funzione ha avuto la memoria nella sua vita e nella sua creatività letteraria?
E' una domanda che ci siamo fatti spesso, visto il rimando non episodico che si riscontra tra la sua vita, le sue esperienze e le vicende, i protagonisti e le ambientazioni delle sue opere.
Si è spesso detto che la memoria di Simenon, funzionava come un archivio a cassetti e che, quando si metteva a scrivere, apriva i cassetti che gli servivano e tirava fuori un paesaggio, il modo di parlare di un uomo, lo sguardo di una donna, certe piogge o certi tramonti...
Ma ovviamente nessuno più del romanziere stesso ci può spiegare come funzionava questa memoria e come utilizzava i suoi ricordi. In una delle sue più famose interviste, quella televisiva con Bernard Pivot (Apostrophes - Antenne 2 - 27 novembre 1981) proprio a ridosso dell'uscita di Mémoires intimes, lo scrittore parla di questo argomento sollecitato dall'intervistatore
"...in tutti i miei romanzi non c'e n'è uno solo in cui non parlo di personaggi che non abbia conosciuto, ma tuttavia non è sempre lo stesso personaggio, qualche volta sono tre o quattro personaggi di un certo tipo, che ho riunito, ma che comunque conosco molto bene...".
Quindi non solo memoria, ma anche capacità di elaborazione nella creazione di certi suoi protagonisti, come risultato dell'integrazione di ricordi diversi, di persone differenti che non a caso danno vita a personaggi estremamente realistici, complessi, sfaccettati, ricchi di chiaro-scuri e con un notevole spessore psicologico. Capacità quindi di ricordare e rielaborare di altissimo livello
"... l'ambiente, le atmosfere, come dicono i critici, queste famose atmosfere... no, tutto questo è dovuto alla memoria- spiega Simenon - Ho tutte queste immagini nella mia testa...". Come dire che niente nasce dal nulla, ma le sue costruzioni si sono sempre poggiate sui suoi ricordi, gelosamente e tenacemente custoditi nella sua memoria.
Certo questo significava anche una disposizione, o meglio una predisposizione all'osservazione... non fine a sè stessa ma finalizzata a creare quell'archivio mentale cui facevamo riferimento più sopra. E queste immagini non servivano solo per la creazione dei romanzi, ma erano poi delle rappresentazioni per lui stesso "... quando vado a coricarmi la sera, dico a Teresa: 'Vado a fare il mio piccolo cinema'. Ed è sufficiente che io chiuda gli occhi affinchè arrivino delle immagini che girano, girano, girano e che diventano sempre più evanescenti, finchè mi addormento...".

lunedì 20 ottobre 2014

SIMENON SIMENON. DOMANI NOTTE NON PERDETE... LE LUCI NELLA NOTTE


Domani una chicca sul Laeffe, il canale della Feltrinelli. Si tratta di Luci nella notte, il film realizzato da Cédric Kahn basato su romanzo di Simenon Feux rouges, scritto nel '53 in America a Shadow Rock Farm. Film con Carol Bouquet che interpreta Helen, una donna sposata con Antoine, interpretato da Jean-Pierre Daroussin. La coppia è partita da Parigi per le vacanze, ma il viaggio che compiono presenta delle difficoltà che diventano ben presto il simbolo dei problemi che i due attraversano da tempo e che danno luogo ad una separazione. Nel viaggio come nella vita, Helen sembrerà prendere una sua via, sparendo dalla vita di Antoine che darà un passaggio ad uno strano individuo che si porta dietro un passato poco rassicurante. Ma Helen sembra essere davvero sparita nel nulla e Antoine inizia a sospettare che il misterioso autostoppista, con cui in un primo tempo ha familarizzato, non si affatto estraneo alla scomparsa della donna...
Il film, sarà trasmesso da Laeffe (che trasmette sul canale 50 del digitale terrestre o su Sky canale 139)  martedì 21 ottobre, alle ore 21.00
Chi volesse poi leggere il romanzo di Simenon potrà farlo con le edizioni Adelphi, sia in volume cartaceo che in ebook. Vedi qui

SIMENON SIMENON. IL "POLAR" A "L'ESACALIER DE FER"


Si è concluso ieri a Cognac (Charente) l'edizione 2014 del Festival du Polar che tra venderdì, sabato e domenica ha proposto ai visitatori una serie di opere cinematografiche, televisive e letterarie, fumettistiche di genere poliziesco. Questa 19a edizione ha dato vita, come di tradizione, ad un concorso diviso in vari generi. Il premio Polar per il miglior telefilm è stato assegnato a L'Escalier de Fer, diretto da Denis Malleval. E' una produzione televisiva dell'anno scorso, tratta dall'omonimo romanzo di Georges Simenon e trasmessa nel novembre del 2013 su France 3.
Il romanzo, scritto negli States (a Shadow Rock Farm - Conneticut), nel 1953, nella trasposizione cinematografica  è stato ambientato invece nei primi anni '60. Narra di una coppia, Etienne e Louise, amanti prima e poi, dopo la morte del marito di lei, coniugati. Etienne, che è succube di una moglie dominante, da qualche tempo accusa dei dolori allo stomaco. Proprio questo gli suscita dei dubbi su come sia morto il precedente marito della sua attuale consorte. Le voci che gli giungono all'orecchio non lo confortano. Sembra che il poveretto fosse deperito a vista d'occhio, per poi morire. Etienne comincia a temere che la moglie lo stia avvelendando a poco a poco... La sua tesi viene avvalorata da una serie di analisi cui Etienne di sottopone, ma c'è di più. Dal momento che è certo che Luoise vuole avvelenarlo, inizia a spiarla. Ed  è così che scopre che la moglie ha una relazione con un giovanotto... La reazione di Etienne, che vorrebbe tenersi la moglie, ma ovviamente anche non morire avvelenato, stupisce il lettore del romanzo o lo spettatore del film.

venerdì 17 ottobre 2014

SIMENON SIMENON. INCREDIBILE: SIMENON VIAGGIA AD OLTRE 900 ALL'ORA!


A oltre quarant'anni dal giorno che smise di scrivere, e a venticinque anni dalla sua scomparsa, Georges Simenon continua a vendere libri come fosse, vivo, vegeto e impegnato nelle sue sedute di scrittura in état de roman.
Le ultime cifre, fatte in relazione alle sue opere vendute in tutto il mondo, ruotano attorno ai 700 milioni di copie da quando iniziò la sua carriera di scrittore fino ad oggi.
Se nel 1989, anno della sua morte, il venduto totale era stimato intorno a 500 milioni di copie, vuol dire che negli ultimi venticinque anni il mercato editoriale ha assorbito 200 milioni di copie dei suoi romanzi. 
Tanto per giocare, questo significa 8 milioni di copie all'anno, 650.000 o poco più al mese, oltre 22.000 al giorno, quindi 916 ogni ora e una quindicina di copie al minuto... in ogni parte del mondo!
Già detta così sembra uno scherzo, ma sembra diventare addirittura inverosimile detta in quest'altro modo: nel mondo si vende un libro di Simenon circa ogni 5 secondi!
Lo ripetiamo.
Georges Simenon, nei venticinque anni dalla sua scomparsa, ha venduto un libro ogni cinque secondi scarsi!
Il calcolo è semplice, ma noi lo abbiamo rifatto più di una volta. Sono numeri da capogiro. Non dire che Simenon, a tutt'oggi, è un fenomeno editoriale, non è proprio possibile. Lo sappiamo che la definizione non gli faceva affatto piacere, ma con questi numeri a quali altre definizioni possiamo approdare? . 
Perchè un conto  è dire che Simenon è ormai un classico, ma anche un long-seller, un caso rarissimo... Un conto è mettersi a fare le quattro operazioni con queste centinaia di milioni di copie e vedere le cifre che compaiono sul display della calcolatrice.
E ha smesso di scrivere diciassette anni prima di morire (con l'eccezione di "Mémoires intimes")! Insomma il ritmo che aveva impresso alla sua produzione letteraria sembra essersi trasferito alla vendita dei suoi libri, una spinta che sembra non esaurirsi. E, almeno a nostro avviso, non si avvertono motivi per cui debba attenuarsi, almeno nei prossimi dieci/quindici anni. Scommettiamo?

giovedì 16 ottobre 2014

SIMENON SIMENON. ROMANZI, COLLANE, EDITORI... DEL GEORGES "POPOLARE"...

 
Ritorniamo anche oggi a parlare del primo periodo di Simenon degli anni '20 in cui era uno scrittore di letteratura popolare. Qualche giorno fa' abbiamo parlato di certi suoi racconti, oggi invece ci occupiamo dei romanzi, quelli scritti sotto pseudonimo. Si tratta di un periodo e di opere di cui si parla molto più rarament francese non è affatto facile da trovare. Questa volta ce ne parla il nostro Andrea Franco che è si è dedicato a compiere un'analisi dei romanzi divisi per editore e lì dove c'era anche per collana, per fare una conta dei titoli. Si tratta di quasi dieci anni, un periodo che ci può svelare molto del Simenon dei Maigret e dell'autore dei romans-durs e sul quale torneremo più di una volta.
 
Questa divisione per editore e per collane dei romanzi di Simenon scritti sotto pseudonimo prevede anche  raccolte di racconti. A fianco del nome della collana è indicato il numero dei titoli pubblicati.

• Romanzi sentimentali-brevi
Editore Ferenczi  
Collane:
- Le petit livre - 21
- Mon livre favori - 14
- Le Livre épatant -7
- Le Roman policier - 1
- Le Petit Roman - 38
• Romanzi d'avventura brevi:
Editore Ferenczi 
Romanzi brevi:
- Le Petit Roman d'aventures - 2
Romanzi lunghi: 
- Les Romans d'aventures - 4
- Le Livre de l'Aventure - 5
 
• Romanzi sentimental-avventurosi lunghi
Editore Fayard
- Les Maîtres du roman populaire - 14
- Le Livre populaire - 12 
- L'Aventure - 5
- A puntate sulle riviste - 5
 
• Romanzi sentimentali brevi
Éditions F. Rouff - 2
Edizioni Tallandier, tutti lunghi, tranne se diversamente segnalato,
- Romanzi d'avventura e popolari con punte di poliziesco:
- Collection "Grandes Aventures et voyages excentriques" (Collection Bleue) -13
- Collection "Romans Populaires" (Collection Rouge) - 3
- Collection "Romans célèbres de drame et d'amour" - 2
- Le Livre de poche - 2 (brevi)
- Criminels et policiers - 5

• Romanzi e  racconti umoristico-erotici
- Paris-plaisirs (giornale) - 1
- Editions Prima - 4 (lunghi)
- Collection "Gauloise" - 17

• Romanzi brevi
Ferenczi Collection:
- Les Romans drôles - 4
- Collection "Les Romans folâtres" - 3
 Société Parisienne d'Édition - 1 (a puntate su riviste - pseudonimo Luc DORSAN, Les Mannequins du docteur Cup, in "Le Pêle-Mêle)

Andrea Franco

mercoledì 15 ottobre 2014

SIMENON SIMENON. SI INIZIANO A VEDERE I SEGNALI DI FUMO DELLA PIPA DI MAIGRET...

 Siamo alle prime avvisaglie. La sospirata pipa di Maigret, intesa come la raccolta di racconti che porterà questo nome, dovrebbe uscire tra poco più di una decina di giorni (qualcuno azzarda al data di fine mese).
Una pipa surriscldata da tanta attesa. La immaginiamo tra i denti di Maigret che scalpita da aprile. Sette mesi dopo l'ultima raccolta. Questo significa che la prossima (che potrebbe essere anche l'ultima) dobbiamo aspettarcela per aprile/maggio 2015? Oppure, visto che tra i racconti c'è anche Un Natale di Maigret, che è quasi un romanzo breve,  questo potremmo vedercelo proporre come strenna natalizia?
Abbiamo visto che a fare previsioni si sbaglia sempre. Gustiamoci quindi questi tre racconti.
La pipe de Maigret che dà il titolo alla raccolta, è un racconto scritto nel '45 a Parigi, prima della partenza per l'America, ma pubblicato poi nel 1947.
L'inchiesta inizia con una denuncia che una vedova, M.me Leroy, va a fare nell'ufficio del commissario al Quai des Orfèvres. La donna che ha un'aria triste e sconsolata, si è portata dietro il figlio adolescente, Joseph. Racconta a Maigret di un intrusione in casa sua, avvenuta o in sua assenza o durante la notte, mentre lei e il figlio dormivano. Ma nessun furto o altro reato è stato commesso. Chi ha interesse a introdursi nella casa di quella vedova e per fare cosa? Maigret avrà il suo bel da fare per risolvere l'enigma.
Altro racconto è la testimonianza del chierichetto ("Le Témoignage de l'enfant de chœur "scritto nel '46 e pubblicato anch'esso nel '47), dove tutto comincia con la testimonianza di un bambino che dice di aver assistito ad un crimine, la mattina presto mentre andava a servire messa. Il commissario si indentifica con lui, perchè si ricorda di sè stesso, alla stessa età del ragazzo, quando pure lui si svegliava presto per andare a fare il chierichetto. Ma riscontri a quello che il ragazzo racconta non ce ne sono. Sta mentendo o qualcuno riesce a nascondere molto bene il reato? Insomma il ragazzo è credibile oppure no? O forse dice la verità, ma non fino in fondo...
L'ultimo racconto s'intitola Maigret e l'ispettore scontroso ("Maigret et l'Inspecteur malgracieux" sempre pubblicato nel 1947), dove s'indaga sulla morte di un commerciante di gioielli: omicidio o suicidio? Il caso ricorda un'altro di qualche tempo prima. Maigret affida il caso all'ispettore Lognon, soprannominato dai colleghi "il lamentoso" o "lo scontroso". Un uomo sempre pieno di problemi, con la moglie spesso malata... insomma uno di quelli di cui si dice che i guai se li tiri dietro, ma tutto sommato un buon poliziotto. Le analogie con il caso precendente non sono poche nè casuali, e Maigret, senza darlo a vedere a Lognon, sarà quello che terrà le briglia dell'inchiesta fino alla soluzione.

martedì 14 ottobre 2014

SIMENON SIMENON, 1923-1931 GLI ANNI DELLA SCRITTURA... AD OGNI COSTO...

 Sappiamo che nel cosiddetto periodo della "letteratura alimentare", il giovane Simenon, scriveva su commissione. Sosteneva lui stesso "come un artigiano, come mi ordinassero un tavolo... una sedia... un comodino...". Aggiungeremmo noi: quanto grande? Quanto lungo? Di che colore? Con quale legno?...
Ed era esattamente così. Gli editori gli indicavano il genere, quali protagonisti e personaggi dovevano esserci, il tipo di finale a seconda del genere, la lunghezza... insomma tutto in modo che rispondessero il più possibile ai gusti in voga tra il pubblico di questa letteratura popolare. E ovviamente fissavano il tempo entro cui il racconto, o il romanzo breve (più raramente un romanzo lungo) doveva essere consegnato. Periodo che, per quanto breve fosse, non riusciva mai a mettere in crisi Simenon.
Come abbiamo già detto, tra questi generi, i più richiesti erano quelli scollacciati, umoristici, licenziosi, satirici, erotici... scegliete voi il termine che vi piace di più. Danielle Bajomée (autrice della biografia "Simenon une myhtologie di XX siècle" - 2003, e presidente del "Centro Studi Simenon", presso l'Università di Liegi) ne elenca addirittura un quindicina nel suo saggio "Flirt, abbracci e sospiri", apparso sul Chaier de L'Erne: Simenon (2013). In questo studio piuttosto approfondito sugli exploit letterari del primo Simenon quello che ci ha colpito è stata una tabella in cui fà un sorta di censimento di questi racconti, divisi per anno e per le testate che li pubblicarono: Frou-Frou, Le Sourire, Sans Gêne, Paris-Flirt, Le Rire, Mon Flirt, L'Humour, Gens qui rient, Paris Soir, Miousic, Le Merle blanc, Paris-Plasir e le Merle Rose.
Tra il'23 e il '31 quello che pubblicò il maggior numero di tali racconti fu Frou-Frou: 589, di cui l'anno record fu il 1926 con ben 153 titoli.
Paris-Soir, un quotidiano serio, ne conta invece solo quattro, nel 1924.
L'anno più prolifico per questo genere di racconti risulta essere il '26, con 278 titoli, ma anche l'anno precedente non era andato molto lontano con 270 racconti.
Il Simenon  tra i 20 e i 28 anni non si faceva scrupoli di pubblicare qualsiasi cosa? Beh, sappiamo che era consapevole che in quel periodo di apprendistato avrebbe dovuto adattarsi a soddifare ogni tipo di richiesta, ma non doveva essere granché gratificato se affermava, come riporta al stessa Bajomée, "... avevo bisogno, per tenere la testa alta, di ripetermi che Balzac e qualche altro avevano iniziato nello stesso modo...".

lunedì 13 ottobre 2014

SIMENON SIMENON. E ADESSO DOPO GRASSET VI PROPONIAMO ANCHE... LE COMMISSAIRE GROSSET


Qualche giorno fa' in un post del nostro illustratore Gianfcarlo Malagutti avevamo presentato la parodia italiana di Maigret, pubblicata dal Il Monello negli anni '60: Il commissario Grasset.
Tra i nostri collaboratori vennero fuori altre parodie, versioni a fumetti e pastiches vari, tra cui anche il nome di una serie belga, questa volta scritta non a fumetti, il cui protagonista è il Commissaire Grosset. In una nota il nostro specialista, Andrea Franco, ci ha informato che si tratta di una serie di tre titoli e precisamente:
• Grosset et le spatiandre percé (Les enquêtes du commissaire Grosset - 1)
Grosset et le Monstre des Ardennes (Les enquêtes du commissaire Grosset - 2)
Grosset dans la chambre close (Les enquêtes du commissaire Grosset - 3)

Questo personaggio è dovuto alla penna di Alain le Bussy, uno scrittore anche lui belga, anche lui nato a Liegi, ma una buona quarantina d'anni dopo Simenon. E per di più ha frequentato lo stesso collegio di Saint Servais dove il piccolo Georges andò a scuola e dove era compagno proprio del padre di le Bussy.
Qui riproduciamo le copertine di due dei libri citati del commissario Grosset, che furono pubblicati dalle Edizioni Robert Demeyer all'inizio degli anni 2000.

domenica 12 ottobre 2014

SIMENON SIMENON. INCONTRI DI ICONE... B.B. E SIM

Bellezza e talento. Bravura e charme. Lei 24 anni lui 55.
Una attrice simbolo della gioventù libera e della sensualità liberata. Uno scrittore senza confini, con già allora centina di milioni copie vendute in tutto il mondo.
Bri Bri (come la chiamavano da bambina) e Sim (come lui si firmava da giovane).
L'occasione? L'ennesimo film tratto da un romanzo di Simenon. Siamo nel 1958, quando uscì appunto En cas de malheur, diretto da Claude Autant-Lara e interpretato dalla Bardot a fianco di Jean Gabin, amico di Simenon e interprete di una decina di film tratti dai romanzi dello scrittore.
Cosa starà pensando Georges al momento dello scatto? Deve essere stato un'incontro non certo... dimenticabile... Ma d'altronde lui non era più il giovanotto che a poco più di vent'anni aveva incontrato un'altra bomba del sesso: Josephine Baker. Adesso era il famoso romanziere, sposato per la seconda volta, con tre figli e un'immagine cui teneva non poco.
Come sarebbe stata una storia tra i due? A lui certo non mancava il fascino e l'esperienza per essere un verosimile oggetto delle attenzioni di B.B. una ribelle che già a sedici anni aveva sposato il ventiquattrenne regista Roger Vadim e che all'epoca delle riprese del film aveva una storia con l'attore italiano Raf Vallone allora poco più che quarantenne.  A lei davvero non difettavano i motivi per far girare la testa anche ad uno navigat come Simenon. Ma... Ma, no... non c'è traccia alcuna di una loro relazione... E però...  se la Bardot rientrasse tra la indecifrabile galassia delle famose diecimila donne di Simenon? Pioveranno smentite come non mai...

sabato 11 ottobre 2014

SIMENON SIMENON. MODIANO: IL NOBEL CUI PIACE IL ROMANZIERE SIMENON

Ne parlano tutti. Si tratta dell'ambitissimo Nobel per la letteratura assegnato pochi giorni fa' a Patrick Modiano, romanziere francese di origini italiane. Gli vogliamo qui renedere omaggio, non solo per il suo valore letterario, ma anche per il suo impegno nel descrivere e nell'analizzare il terribile periodo dell'occupazione dei nazisti, con implicazioni familiari davvero non facili (il padre ebbe all'epoca traffici loschi e relazioni con i tedeschi). Ma qui vogliamo parlare del romanziere che è un efficace testimone della sua epoca ma anche uno scrittore che scava nella psicologia e nella memoria collettiva e individuale. Non per niente uno dei suoi romanzi s'intitola Un Pedigree, proprio in omaggio all'autobiografico Pedigree di Simenon. Già, perché come capita non di rado tra letterati e intellettuali, Modiano è un ammiratore di Simenon "... ho letto molto Simenon. Questa precisione (quella della sua scrittura n.d.r) mi aiuta ad esprimere delle cose delle atmosfere in cui tutto si diluisce..." ha affermato in un intervista a Pierre Maury.
E in occasione della morte del padre di Maigret scriveva su Le Figaro "... da qualche anno il passaporto di Georges Simenon riportava la seguente dicitura - senza professione -. Simenon in precedenza aveva tenuto particolarmente a che ci fosse scritto - romanziere -. Non - uomo di lettere -  né - scrittore -. Ma - romanziere -. E' stato senza dubbio l'ultimo ad incarnare quel tipo d'uomo che si chiama romanziere, così diverso dai poeti, dai saggisti e dagli uomini di lettere...".
Ma c'è di più. Uno che conosce molto bene Simenon, Pierre Assouline, nel 2007 scrisse che "...se Georges Simenon ha un erede di lingua francese, questo è sicuramente Modiano - salvo credere che Simenon sia stato un autore di romanzi polizieschi, ma chi lo crede ancora? -  L'uno e l'altro esaminano degli elenchi ed ebbri di nomi, assaporano il gusto di allinearne un certo numero come fossero una cornice del loro prossimo romanzo, felici di sottomettersi alla magia dei patronimi e confidando nella loro capacità di rovesciare l'ordine delle cose; l'uno e l'altro possiedono la genialità di evocare tutto un mondo, con una economia di mezzi che spingerebbe al suicidio tanti dei nostri romanzieri invischiati delle chiacchiere dei loro eroi...".
Modiano è stato insignito del Nobel. Simenon no. Ci è andato vicino un paio di volte. E lui che non amava medaglie, nomination e riconoscimenti, il Nobel era l'unico premio che avrebbe voluto.
Congratulazioni a Patrick Modiano.

venerdì 10 ottobre 2014

SIMENON SIMENON. MAIGRET: IMITAZIONI, PARODIE, CARICATURE...



E' probabilmente tipico dei grandi personaggi suscitare la voglia di imitarli, replicarli sia in un rispettoso pastiche, che in un'irriverente caricatura... E Simenon non scappa certo a questa regola e tanto meno il suo simbolo - sto parlando del commissario Maigret - non può non suscitare nei suoi appassionati ammiratori il desiderio di inventare delle sue nuove avventure... Se ci sono degli scrittori in erba - e io modestamente mi metto tra loro -  che hanno pubblicato qualche "imitazione" di buona qualità con l'intento di omaggiare il grande romaziere, ce ne sono altri che hanno pubblicato alcuni testi in varie contesti.
Per trovare qualche informazione a tale proposito ho cercato nella mia biblioteca simenoniana, trovando essenzialmente tre fonti:
Pour copie conforme - Bibliografie des pastiches, caricatures e parodies de Simenon - Claude Menguy - Chaiers Simenon n°8 - 1994
• Le nombreuses vies de Maigret - Jacques Badou - edizione Les moutons électriques - 2007
• Simenon Pastiches - Paul Aron in Chaier de L'Herne - 2013 
Ho scelto in queste tre fonti alcuni elementi che trattano di Maigret, e per chi volesse approfondire il tema, rinvio ai testi suddetti. E spero inoltre che altri simenoniani e maigrettofili possano arricchire queste informazioni...
Nell'ottobre  del 1934 Yves Gandon scrisse  La page arrachée … à la "Guinguette à deux sous" (si può leggere cercando in Google Books, "Usage de Faux" di Pierre Benoît).
Nel dicembre del 1964 il grande chef Robert Courtine pubblica un pastiche, Le Réveillon de Maigret, in Cuisine et vins de France . Lo stesso autore scrive nel 1984 Maigret au Fouquet's che si può leggere sul sito di Steve Trussel (http://www.trussel.com/maig/fouquetf.htm).
Maggio 1968, stavolta si tratta di un italiano che pubblica L'affare Simenon - ovvero le contro-imprese del commissario Maigret. Una parodia poliziesca dell'attuale serie televisiva, che apparve sul quotidiano di Palermo, L'Ora.
Julyan Simons ha scritto nel 1981 About Maigret and the Stolen papers, che è possibile leggere anch'esso sul sito di Steve Trussel (http://www.trussel.com/maig/stolen.htm).
Lo scrittore belga René Henoumont ha pubblicato tra il 1985 e il 1991 diverse inchieste del commissario Fluet.
L'autore di romanzi polizieschi Thomas Narcejac (autore dell'ottimo studio "Le Cas Simenon") ha scritto nel 1946 L'avant-dernière enquête de Maigret.
Nel 2007 Pierre Veys e Christophe Alvès hanno pubblicato delle strips Malgret e l'affaire Saint-Pouacre, di cui potete trovare qualche disegno  su questo sito
http://www.actuabd.com/Malgret-et-l-affaire-Saint-Pouacre-par-Veys-et-Alves-Robert-Laffont.html



Murielle Wenger

giovedì 9 ottobre 2014

SIMENON SIMENON. BLUE ROOM IN FEST... OVVERO "LA CHAMBRE BLEUE" SU TUTTI GLI SCHERMI


Il film tratto dal romanzo di Simenon La chambre bleue, diretto e interpretato da Mathieu Amalric, dopo essere stato presentato allo scorso Festival di Cannes, ha iniziato a girare per altre manifestazioni cinematografiche. Ma è soprattutto dopo l'estate che va, per così dire, rimbalzando tra diversi festival in verie parti del mondo.
Vediamo un po' tra queste partecipazioni già passate e quelle in arrivo. Il 21 settembre è stato proiettato al 62° Festival San Sebastian. Dalla penisola iberica, passato l'Atlantico, sempre a fine settembre, il 29, è sbarcato a New York per l'importante "prima" americana in occasione del 52° New York Film Festival. Altro spsotamento intercontinentale ed ecco che pochi giorni fà, il 5 ottobre, è stato invece proiettato al 14° Beirut International Film Festival. Dal Medio-Oriente si torna in Europa dove il 15 ottobre sarà presente al London Film Festival, nella sezione "Love". Salta invece l'immminente Festival internazionale del film di Roma, ma intanto si prepara ad un'altra prestigiosa passerella americana a fine gennaio 2015, quella del Sundance Film Festival a Park City nell' Utah.
Come si vede, l'accoppiata Simenon-Amalric va forte anche nei festival cinematografici. Ci dispiace che a Roma non sia presente, ma soprattutto che non ci siano previsioni per la distribuzione della pellicola nel nostro paese.
Dovremo aspettare che esca il solito dvd e ordinarlo magari con Amazon?

mercoledì 8 ottobre 2014

SIMENON SIMENON. MAIGRET, ADIEU O... AU REVOIR?


Gli appassionati per ora rimangono a secco. Le voci che annunciavano l'uscita del prossimo Maigret nella prima decina di ottobre, si sono rivelate infondate. E tutti che l'aspettavano sono rimasti delusi. E noi con loro, visto che avevamo avuto da varie fonti questa data, confortati anche dalle informazioni del nostro sempre aggiornato Andrea Franco. Già, infatti ad oggi La pipa di Maigret non risulta in uscita a breve, ma nemmeno inserito nelle anteprime.
Ci sarebbe da dire, come il nostro illustratore Giancarlo Malagutti, nella sua vignetta faceva dire a Maigret, "Signora Maigret, prova a fare uno squillo all'Adelphi...è da marzo che non usciamo!".
Già da marzo... o aprile? Beh...sei o sette mesi che differenza fà? Mezzo anno a digiuno, se non contiamo le raccolte di romanzi. Ma come abbiamo già detto, questo potrebbe essere il penultimo Maigret. Forse il terzultimo visto che uno dei racconti rimasti è piuttosto lungo e potrebbe addirittura far volume a sé.
E' come sapere che un nostro caro amico, che ci ha accompagnato per anni, adesso se va... é il guaio dei seriali. Di quelli ben fatti. Ti fanno entrare in un ambiente, ti fanno conoscere i personaggi i protagonisti, riescono a farti sentire uno di loro. Quando ognuno di noi apre le pagine di un nuovo Maigret gli pare di aprire la propria porta di casa e ritrovarsi... chez soi. Ma poi ad un certo punto anche i seriali finiscono ed è un po' come trovarsi senza casa...
Chi ha un bel po' di capelli bianchi (e noi ce li abbiamo) si ricorda di un altro distacco. Quando finì l'avventura del Simenon della Mondadori. Ma lì le cose andarono diversamente. L'editore di Segrate non aveva pubblicato nè l'intera  serie dei romanzi, e nemmeno tutto dei Maigret. Ma era già in atto il passaggio ad Adelphi che aveva iniziato a pubblicare i romans-durs e addirittura, per un periodo, sia Adelphi che Mondadori pubblicarono entrambe i Maigret, il primo iniziando dai titoli dell'esordio, l'altro partendo a ritroso dall'ultimo per più di una decina di titoli. Poi tutto passò nelle mani di Adelphi.
Invece adesso sappiamo che ci sono ancora molti romanzi da pubblicare, mentre Maigret è stato "spremuto" tutto e mancano solo alcuni racconti.  E non si sa se Adlphi abbia o non i diritti per ricominciare dal primo... Potremmo ritrovarci tra qualche anno che i Maigret non si trovino più... e allora tutti a cercare su  Ebay o sui siti di mercatini on-line di libri usati... Come succedeva anni fa', ma allora si andava a spulciare sulle bancarelle dei vecchi libri, o da qualche rigattiere. Ma anche allora di Simenon non se ne trovavano. Perchè? Semplice, chi ce l'aveva se li teneva stretti... e i pochi in circolazione sparivano subito. Non vediamo perchè non dovrebbe erssere ancora così...
Insomma quando, con il contagocce saranno finiti i Maigret dovremo dirgli adieu o potrebbe bastare un au revoir?