mercoledì 22 aprile 2015

SIMENON SIMENON. NOVANT'ANNI FA' UN FULMINE TRA GEORGES E JOSEPHINE


Proprio in questo mese si celebra il quarantesimo anniversario della scomparsa di Josephine Baker "la troublante Joséphine Baker" come la chiama il simenonologo Michel Carly. La donna che fece impazzire negli anni '20 tutti i parigini e che fece perder la testa ad un giovane Georges, poco più che ventenne, che come abbiamo già più volte scritto in questo blog, per lei stava smarrendo il proprio obiettivo principale, quello di diventare un romanziere. I due si conobbero il 25 ottobre del 1925, al teatro dei Champs Elysées, dopo la rappresentazione dello spettacolo della Baker, La revue négre. Vent'anni lei, ventidue lui, entrambe spinti dalla forza della giovinezza e dalla tendenza alla trasgressione, i due s'infilarono in un ciclone che li fece impazzire per poco più di un anno 
[(vedi i post  L'incontro tra Georges Simenon e Josephine Baker (20 novembre 2010... un dei primissimi post di Simenon-Simenon!),  Simenon. Un uragano chiamato Josephine Baker (marzo 2012), Simenon, cosa scriveva di Josephine Baker (settembre 2012)]
Un periodo di fuoco per i due giovani amanti, la cui relazione non sembrava soffrire il fatto che Simenon fosse, tutto sommato, sposato da poco. Fu una relazione che,  soprattutto per la fama raggiunta all'epoca dalla Baker, non era facile mantenere segreta e che andò a colpire l'immaginario collettivo della gente e a lungo se è vero, come è vero, che nel 2003 si allestì a Parigi uno spettacolo musicale intitolato "Simenon e Josephine".
Il giovane Georges non poteva immaginare che quella favolosa mulatta arrivata da Saint-Louis, gli portava quegli stessi Stati Uniti in cui vent'anni dopo si sarebbe stabilito per ben un decennio.
Arrivata a Parigi con l'orchestra jazz di Sidney Bechet, sì esibì prima al teatro dei
Champs Elysées, poi alle famosissime Folies Bergères e poi tournée in Europa e quindi di ritorno negli Stati Uniti, dove però non ebbe lo stesso successo che le aveva tributato il Vecchio Continente. Tornò in Francia quindi, dove prese la cittadinanza, si sposò (matrimonio con un certo siciliano, sedicente nobile, che rispondeva al nome di Giuseppe Abatino e che finì per diventare il suo impresario), negli anni della seconda guerra mondiale si arruolò come agente segreto per il movimento di liberazione della Francia,  fece il testimonial della Croce Rossa, nelle lotte antirazziste fu a fianco di Martin Luther King e terminò la sua vita in Costa Azzura, nel Principato di Monaco dove era entrata in sintonia (anche lei americana ed "emigrata" in Francia) con Grace Kelly. 
Simenon si ispirò alla sua figura per due romanzi della fase "popolare": Dolorosa, firmato Christian Brulls e Chair de beauté pubblicato sotto lo pseudonimo Georges Sim.

Nessun commento: