martedì 10 settembre 2013

SIMENON, IL SUO ANGIOLETTO HA GIA' SPICCATO IL VOLO

Le ali de L'angioletto si sono mosse prima di quanto avessimo previsto e con un volo felice è arrivato non solo in libreria, ma anche sulle classifiche dei supplementi dei quotidiani che già registrano le presenza del più recente romanzo di Simenon, pubblicato da Adelphi, in una inevitabile livrea azzurra...
Per esempio su TuttoLibri de La Stampa di sabato scorso lo troviamo nella sezione "Tascabili" al 10° posto. Mentre La Lettura del Corriere della Sera di domenica lo dà al 15° della "Narrativa Straniera".
Scritto ad Epalinges (Svizzera) nel 1964, uscì l'anno dopo per i tipi di Presses de La Cité, con il titolo di Le Petit Saint. Il romanzo ci presenta la parabola di un famoso pittore iniziando dalla sua origine povera. Famiglia numerosa, cinque fratelli da cinque padri diversi, una madre che cambiava continuamente amanti. In quella sordida camera di rue Mouffettard la promiscuità e il vizio andavano a braccetto. Ma "l'angioletto", era diverso dagli altri. Aiutava la madre andando con lei all'alba al mercato e poi con il passare del tempo, quando i fratelli e le sorelle avevano abbandonato la casa, lui unico rimase con la madre, ormai sola, non più appetibile per gli uomini... insomma un vero angioletto!
Louis Couchas, questo è il suo nome, cresce, di notte lavora ai mercati generali e il giorno dedica tutto il suo tempo alla passione che ha scoperto e che ormai gli riempie la vita: la pittura. Fin da bambino aveva avuto una percezione diversa dagli altri delle cose, degli uomini e dei particolari. E questa sensibilità finsce per esplodere nell'arte figurativa, che sarà la sua salvezza e che lo porterà a diventare un pittore riconosciuto e famoso.
Simenon qui ci racconta una vicenda un po' particolare per lui. Questa volta c'è il famoso "passaggio della linea", ma Louis passa dalla parte oscura a quella luminosa, dalla povertà e dall'abiezione all'agiatezza e alla rispettabilità. Insomma questa volta il destino non sembra essere cinico e baro, ma promettente e benevolo.
Qualche parola la riserviamo alla traduzione del titolo che ha suscitato qualche critica... In effetti L'angioletto, non piace neanche a noi e chissà se sarebbe piaciuto a Simenon. (Mondadori l'aveva pubblicato nel '65 con il titolo "Il piccolo santo", certo anche questo...).

1 commento:

Andrea Franco ha detto...

eh si,io lo avrei ri-pubblicato con il titolo originale tradotto dal francese..
i risultati sono ottimi se consideriamo che questo titolo è disponible nel secondo volume della raccolta di romanzi dedicata a simenon