martedì 17 settembre 2013

SIMENON... "TOUT SIMENON" 20 ANNI FA' A LIEGI


Vent'anni fa'. Era il 1993 e si festeggiavano i 100 anni dalla nascita di Simenon. A Liegi venne inaugurata una "exposition" che aprì i battenti a fine giugno e li chiuse a fine ottobre. Quattro mesi per uno dei più importanti tributi dedicati allo scrittore belga. L'esposizione attirò 220.000 visitatori ed era stata organizzata in grande stile. Si sviluppava su quattro piani e ospitava oltre 300  teche espositive e alcune ricostruzioni di ambienti. C'era di tutto, manoscritti, libri di Simenon di tutti i paesi, epistolari, fotografie, giornali su cui Simenon aveva scritto, gallerie di Maigret al cinema, in televisione, documenti personali e le sue fotografie di viaggio... Tutto seguendo un percorso ordinato cronologicamente dalla sua nascita nel febbraio del 1903 a Liegi in Rue Léopold 26, alla sua morte nel settebre del 1989 a Losanna, in avenue des Figuiers 12.
L'ingresso alla mostra era costituito da uno di quei famosi bus con la piattaforma aperta in cui Maigret sostava così volentieri a fumare la sua pipa. Ma la maggior sorpresa per un italiano che come me andava a visitare la mostra, era il grande manifesto esposto sopra la biglietteria. Si trattava della locandina dell'unico film italiano sul commissario simenoniano: Maigret a Pigalle, del '67 che riproponeva sul grande schermo la coppia regista-attore che aveva spopolato alla televisione italiana: Mario Landi e Gino Cervi, con il bel faccione dell'attore bolognese in primo piano.
Attraversato il bus, si accedeva al primo piano dove tra l'altro c'era una replica della brasserie Dauphine. Altre ricostruzioni che ci colpirono furono quelle dell'ufficio di Maigret, del camerino di Josephine Baker, dello studio di Simenon... Insomma era un'esposizione organizzata con tutti i crismi con una serie di iniziative collaterali come la galleria delle locandine dei film tratti dai romanzi di Simenon, un concorso di lettura dei brani dello scrittore, programmi radiofonici su Radio Une RTBF, crociere sui canali che  riporcorrevano quelle del romanziere, giochi, proiezioni video, attività nelle biblioteche... e l'onnipresente  variopinto merchandising di gadget. All'inugurazione erano presenti i figli Marc e John e parteciparono all'esposizione la Fondazione Simenon, l'Università di Liegi, l'Associazione Amici di Simenon e le istituzioni di Liegi.

2 commenti:

  1. Caspita,dev essere stato bellisimo

    RispondiElimina
  2. unica correzione:era per i 90 anni dalla nascita di simenon :)

    RispondiElimina

LASCIATE QUI I VOSTRI COMMENTI, LE VOSTRE IMPRESSIONI LE PRECISAZIONI ANCHE LE CRITICHE E I VOSTRI CONTRIBUTI.