sabato 14 settembre 2013

SIMENON - SIMENON. MAIGRET E UN MURO DI SILENZIO

MAIGRET E I TESTIMONI RETICENTI 
(Maigret et les témoins récalcitrants) - anno 1959 - Edizioni Presses de La Cité

Simenon in questa inchiesta del suo commissario dà il meglio di sè, descrivendo, in modo affascinante, quello strano mondo costituito da una famiglia una volta ricca proprietaria di una fabbrica di biscotti assai famosa. Ma al momento dell'inchiesta è una famiglia decaduta, la fabbrica sta in piedi per scommessa, la fastosa dimora in cui vivevano è ormai un ammasso di polverose vestigia che nemmeno gli sforzi di salvare le apparenze riescono a coprire... arredi consunti e passati, stanze cadenti, mobilio in sfacelo. E le persone, sia i vecchi fondatori che la seconda generazione, cercano in qualche modo di non perdere quella rispettabilità che lì regnava un tempo. In questa cornice, Léonard Lachaume, il maggiore dei figli, quello che gestisce la difficile situazione, viene ucciso. Maigret inizia la sua indagine, con la famiglia  che si chiude in un silenzio che non può non essere sospetto e in più il nuovo giudice istruttore, Angelot che ha sostituito Comeliau ormai in pensione. Ed è lì sulla scena del delitto. E' lì che controlla l'operato del commissario, che è decisamente infastdito da quel fiato sul collo. Si muove in quella casa come in un viaggio indietro nel tempo... tutto è fuori tempo, vecchio, demodé, tutto appartiene ad un'epoca felice, ma tutto ora si é spento nel grigiore delle difficoltà economiche.
I personaggi, vanno a fuoco a poco a poco e Maigret ostinato scava e piano piano, trova la sua pista, con i suoi metodi che, se non piacevano a Comeliau lasciano perplesso il giudice Angelot. Ma lui va avanti, lento, ma inesorabile tra le storie di un tempo passato, le piccinerie e i vizi in cui si imbatte in ogni inchiesta e la diffidenza del giovane giudice... 







" -Non dimenticare l'ombrello.
- No.
La porta si stava per chiudere e Maigret si era voltato verso le scale.
- Farai meglio a metterti la sciarpa.
La moglie lo richiamò, senza sospettare che quella piccola frase lo avrebbe messo di cattivo umore e gli avrebbe ispirato pensieri malinconici.
Era novembre, il 3 novembre, e non faceva particolarmente freddo. Ma da un cielo basso e uniforme cadeva una di quelle piogge che, soprattutto all'alba, sembrano più fluide e più subdole delle altre. 
Poco prima quando si era alzato dal letto, aveva arricciato il naso perché voltando il capo aveva sentito il collo dolorante. Non si poteva parlare di torcicollo ma piuttosto di una certa rigidità, di una sensibilità eccessiva.
La sera precedente, uscendo dal cinema, avevano passeggiato a lungo sui boulevard e già pioveva.
Poco importava. Ma a causa della sciarpa, forse anche perché era una grossa sciarpa che la moglie aveva fatto a maglia, si sentì vecchio..."  

Edizione: Oscar Mondadori 1992 - "Maigret e i testimoni reticenti" - Traduzione: Emanuela Fubini

PER ACQUISTARLO - I.B.S. sconto 15%

2 commenti:

Andrea Franco ha detto...

maigret et les temoins recalcitrants è una bella inchiesta autunnale,in cui, a mio avviso, piu della trama gialla è la decadenza della famiglia lachaume ,descritta nei vari componenti della famiglia ,a rendere il libro interessante

Rudi ha detto...

Ho cominciato a leggere questo Maigret, mi pare sia il 53esimo della serie, e ho trovato due sciatterie che vorrei verificare con un vero esperto.

Nella traduzione di Emanuela Fubini, alla fine del primo capitolo c'è questa frase, che descrive il giudice istruttore Angelot:
“apparteneva alla nuova scuola, quella che riteneva che l’inchiesta appartenesse al giudice istruttore dall’inizio alla fine, e che la polizia dovesse limitarsi ad agire agli ordini del magistrato”.
Lo stesso verbo usato a poche parole di distanza?
Forse Simenon non ha dedicato sufficiente attenzione alla revisione del testo, e il sospetto si acuisce quando, all’inizio del secondo capitolo, c’è un errore evidente: sul luogo del delitto, il commissario è stato accompagnato dall’ispettore Janvier, non da Lapointe.

Sono dettagli, ovvio. Ma sono curioso di sapere come li spieghi?