mercoledì 1 agosto 2012

SIMENON... GRAND MASTER SENZA ENTUSIASMO?

Mystery Writers of America - Georges Simenon, Grand Master Award 1966

E' uno dei più prestigiosi riconoscimenti americano che l'associazione dei giallisti statunitensi conferisce ogni anno ad uno scrittore che si è particolarmente distinto nella letteratura di genere. Il premio arrivò una buona decina d'anni dopo che Simenon aveva lasciato l'America. A quell'epoca aveva ormai all'attivo oltre ottanta inchieste del suo commissario tradotte in tutto il mondo, con svariate versioni cinematografiche e sceneggiati televisivi in diversi paesi. Insomma il suo Maigret era diventato un'icona e vendeva più dei suoi romans-durs, come pure contribuivano in misura maggiore alla sua popolarità. Ma sappiamo che Simenon non amava la definizione di "romanziere poliziesco", tutti i suoi sforzi andavano nella direzione di affermare la sua opera come romanzi tout court. Inoltre, forse per la delusione del mancato Nobel (che un paio di volte era sembrato a portata di mano), il suo atteggiamento nei confronti dei premi era di indifferenza, quando non d'insoffernza vera e propria. Pubblicamente snobbava un po' questi riconoscimenti, anche se questo non era certo un premio di provincia visto che era in compagnia di nomi come  Graham Green, Elmore Leonard, Agatha Christie, Rex Stout ed Erle Stanley Gardner... Ma Simenon era così, nel '66 era in Svizzera, tutto preso dalla preparazione della pubblicazione della sua Opera Omnia che avrebbe visto uscire ben 82 volumi.

1 commento:

Andrea Franco ha detto...

un riconoscimento importante,ma credo che il successo piu importante x simenon(e lo sarebbe x ogni altro scrittore)è che a oltre 90 anni da quando iniziò a scrivere noi siamo qui a parlarne ogni giorno