venerdì 3 agosto 2012

SIMENON. LA SUA "PENNA" SPEZZATA DA DENYSE?

Abbiamo già parlato di quella fine settembre 1972. Era il giorno in cui Simenon avrebbe dovuto dare inizio ad un nuovo romanzo, come aveva fatto centinaia di volte. Preparativi, riti, piccole manie... insomma tutto pronto come al solito.



ll titolo scelto è il nome di un uomo, Victor. Sarebbe dovuto essere di buon auspicio visto che deriva dal latino victor-victoris che vuol dire vincitore.
E invece quella fu una sconfitta. Se vogliamo, la peggior sconfitta della sua vita.
Come è noto il romanzo non decollò, ma possiamo anche dire che non partì proprio. E come abbiamo avuto modo di dire (vedi il post del 20 settembre 2011 Simenon. Il Victor non parte e tutto si ferma) l'inarrestabile macchina da romanzi si ferma, per sempre. Oggi vogliamo guardare questo momento così grave e importante attraverso le parole che lo stesso scrittore volle dedicare all'evento (Simenon che dopo cinquant'anni e quattrocento titoli smette di scrivere è davvero un evento), nel suo monumentale Mémoires intimes (1981).
"... scendo nel mio studio per preparare la busta gialla del nuovo romanzo che avevo deciso di scrivere. Saranno state le nove, quandi mi sono chiuso nello studio. Si trattava di trovare i nomi dei miei personaggi, il loro stato civile, le loro origini, a volte le loro amicizie infantili, tutte cose cui non dedico più di tanto tempo..." Insomma un'atmosfera e uno stato d'animo che non faceva presagire nulla di strano e infatti Simenon inizia scrivere il nome del protagonista che probabilmente sarebbe stato anche il titolo del romanzo, il famoso Victor.
"... Teresa al piano di sopra inizia a preoccuparsi, infatti questo lavoro preparatorio non mi prende mai più di un'ora.... Qualche nome ancora, alcune annotazioni. Quelli che chiamo i miei piani...".
Simenon esce dallo studio, ma la famosa fase preparatoria non è completata, anzi è appena abbozzata. Lascia tutto lì e torna dalla sua compagna.
"... trovo una Teresa un po' ansiosa, le dico che va tutto bene e insieme andiamo a pranzare. Il giorno dopo mi concedo il tempo per pensare al mio punto di partenza, come sempre aspetto quel déclic che porterà il mio protagonista ad andare incontro al suo destino...". Ma la concentrazione di Simenon viene interrotta da una telefonata della banca per delle questioni finanziare con la sua "ancora" moglie Denyse, per cui Simenon è costretto a telefonare anche al suo avvocato... " ... ne ho abbastanza di lottare e mi ricordo che un giorno minacciandomi, Denyse si vantò che prima o poi avrebbe "rotto la mia penna". C'era riuscita. Ma non mi perdo d'animo e raggiungo Teresa: Se domani continuerò a sentirmi come oggi, ti potrò dire se continuerò a scrivere o no...".
Il giorno dopo Simenon, sempre nello stesso stato d'animo, comunicò a Teresa che non avrebbe mai più scritto. (vedi anche il post del 23 luglio 2011 Simenon come finisce un romanziere).

1 commento:

Andrea Franco ha detto...

Proprio cosi,purtroppo"victor"non ebbe mai luce..rimarrà sempre incompiuta la consueta busta gialla con appuntati i nomi dei personaggi e le loro principali caratteristiche(tra l altro simenon le aveva ben specificate).ma poi,come scritto nel post,avvenne il declic..