mercoledì 11 dicembre 2013

SIMENON SIMENON. FRANCIA: DAL GRANDE AL PICCOLO SCHERMO NOTIZIE E NOVITA'

Ci arrivano dalla stampa francese dei giorni scorsi due notizie che hanno a che fare con la trasposizione cinematografica delle opere di Simenon. 
 
• La prima é riportata dal quotidiano Le Monde 
e riguarda la scomparsa di Edouard Molinaro, 
un famoso regista francese, mancato a 85 anni, 
autore di innumerevoli film e tra gli altri 
anche di una versione cinematografica 
de La Morte de Belle girata nel 1961, con Jean Desailly e Yves Robert.
 
 
 
 
• L'altra notizia riguarda invece una produzione 
che stiamo seguendo da un po' di tempo:
La Chambre bleue, diretta e interpretata da Mathieu Amalric. 
Come ha dichiarato lui stesso in un'intervista di ieri a L'Autre Radio, il suo film, ispirato all'omonimo romanzo di Simenon del 1964, ha completato le riprese ed ora, dopo l'ultimo ciak, il girato passerà alla post produzione. Le voci che girano e di ci vi abbiamo già riferito, danno in film in uscita nelle sale francesi per aprile del prossimo anno.
 
• Completiamo questi flash dalla Francia, con una notizia televisiva che riguarda gli indici di ascolto della televisione francese di ieri. Notizia non di grande interesse per i telespettatori italiani, ma ancora volta indice di quale e quanto seguito abbiano le opere simenoniane, anche quando sono trasposizioni sul piccolo schermo e anche di non-Maigret. Ieri sera infatti è passato il telefilm di Christian Vincent Les complices (2013), con Thierry Godard et Marie Kremer, tratto dal romanzo simenoniano del 1956. Bene, il programma ha totalizzato 2,9 milioni di telespettatori contro lo stravisto Pretty Woman (con Julia Roberts e Richard Gere) che su TNT è stato visto da 1,5 milioni di spettatori. E il pubblico del telefilm è risultato più numeroso anche di quello della telecronaca del funerale di Nelson Mandela che, trasmesso la mattina da France 2, ha raccolto 1,6 milioni di spettatori. Ogni commmento è superfluo.

.

1 commento:

Andrea Franco ha detto...

La versione di Molinaro che realizzò oltre 50 anni fa la morte di belle è molto ben riuscita nel rendere il carattere di angoscia che pervade il protagonista,da notare che l azione dagli stati uniti è spostata in svizzera(ginevra).e beati i francesi che possono godersi film tratti dai romanzi di simenon in prime time durante l inverno..