domenica 1 giugno 2014

SIMENON SIMENON. LA COLLERA "ROSSA" DI MAIGRET PER L'AFFARE STRIP-TEASE


Il titolo di questo post è un pasticcio. Non perchè sia sbagliato, ma perchè mischia alcuni elementi molto diversi, ma che ovviamente hanno sempre a che vedere con il commissario simenoniano.
La Colére de Maigret è un'inchiesta che il romanziere ha scritto proprio nel mese di giugno, anno 1962. Si tratta del caso di una scomparsa tramutatasi nell'omicidio di un proprietario di tre cabaret "Paris-Strip", "Lotus" e "Train-bleu".
Diciamo subito questo perchè spiega la traduzione che ne fece Mondadori nel '67: Maigret e l'affare strip-tease (da non confondere con la "La collera di Maigret" che fu invece la traduzione, sempre mondadoriana, di "Maigret se fache", pubblicato nel 1947 - Adelphi ha invece tradotto "La colére de Maigret" in "Maigret perde le staffe" e "Maigret se fache" in "La furia di Maigret" ).
Ciò detto continuiamo a parlare ancora del titolo perchè c'è un'aggettivo che va spiegato, quello che specifica la collera del commissario. E il "rosso". E' uno dei colori delle inchieste di Maigret, a cura di Murielle Wenger, la cui serie avrete letto i giorni scorsi e del quale abbiamo dimenticato di publicare la pur sintetica puntata sul "rosso" e che qui riporteremo, e, visto che parliamo di un Maigret arrabbiato, il colore si abbinerà perfettamente.
Torniamo quindi a La colére de Maigret, che è stato scritto a Enchandens (Svizzera) e racconta di questo monsieur Émile Boulay, un malavitoso... per bene. Certo è proprietario di tre locali dove le ragazze si spogliano e non solo, ma, lui è in regola, non ha problemi con la giustizia e viene descritto come un uomo tranquillo e la moglie Marina spiega come fosse un "uomo calmo riflessivo, che sbrigava i suoi affari molto seriamente".
Un lavoratore insomma, presidiava personalmene tutte le sere i tre locali, non giocava alle corse dei cavalli, né alle carte, nè ad altri giochi. Metodico e attento a quello che accadeva nei suoi locali, Boulay era solito ripetere:"... non si è dei gangster solo perché ci si guadagna la vita faceno vedere donne che si spogliano. Sono un commerciante rispettabile e voglio che lo si sappia...". Insomma un "travet" dello stri-tease, con le sue regole, le sue abitudini che sera dopo sera regolavano la sua vità. Poi quel declic, che Simenon usa per ribaltare una vita. Boulay una sera imbocca rue Notre Dame de Lorette, direzione Pigalle e sparisce. Sarà ripescato qualche giorno dopo nella Senna.
E' un caso duro per Maigret, da una parte dei comportmenti inspiegabili, dall'altra un muro di omertà da parte di chi cirondava Boulay e, a complicare il tutto, c'era anche il caso Mazzotti, un caporione della malavita organizzata ucciso in quei giorni. I due omicidi erano legati o no?
Insomma Maigret "... non era venuto ancora a capo di nulla! Aveva l'aria grave, imbronciata, dei momenti peggiori di un'inchiesta...". Possiamo suppore l'umore  nero del commissario e le folate rosse che infiammavano a ondate il suo viso.
Ma il rosso lo ritroviamo, come ci suggerisce Murielle Wenger, in diverse inchieste."... in Un crime en Hollande è proprio il rosso che domina, il rosso dei mattoni del selciato di Delfzijl. Ne La danseuse du Gai-Moulin é il granata del velluto dei sedili del cabaret. E in Maigret au Picratt's, c'è l'insegna rossa che proiettava luci rosse sul marciapiede come fossero delle macchie di sangue. E per finire, torniamo a La colère de Maigret dove il rosso è rappresentato dalla colore della vettura sportiva di Farano, il cognato del morto. Rosso brillante, acceso, lusso e voluttà, sangue di crimini..." . 

Nessun commento: