giovedì 26 giugno 2014

SIMENON SIMENON. VELOCITA' MASSIMA DI... SCRITTURA: 80 ALL...ORA

Si è spesso parlato del "Simenon-fenomeno". Questa allocuzione veniva riferita soprattutto alla velocità con cui il romanziere scriveva. In particolare quando, arrivato a Parigi, aveva iniziato a scrivere racconti, novelle, romanzi brevi che gli venivano commissionati da editori che pubblicavano letteratura popolare. E allora era pagato a quantità, più ordini riusciva a raccogliere e più guadagnava. Scriveva ottanta pagine al giorno... allora!
Un Simenon appena ventenne, da una parte divorato dalla voglia di arrivare ad essere un vero scrittore, anzi un romanziere, ma dall'altra consapevole di aver bisogno di un periodo di "apprendistato", come lo chiamava lui stesso. E quindi riuscire a soddisfare al più presto le richieste di un editore in merito alla consegna di un racconto d'avventura, di una serie di novelle d'amore, di un romanzo breve poliziesco, era il modo di guadagnare di più. Ma non solo. A quel tempo Simenon, che firmava questi lavori con una ventina di pseudonimi diversi, si era conquistato la fama di un recordman della scrittura veloce. E chiaramente questo in quel momento gli faceva gioco e gli aumentava le ordinazioni. Ma in seguito proprio questa sarà la sua persecuzione. Per quanto avesse ridotto la...velocità, era ancora di gran lunga molto più rapido della media degli altri scrittori. E, nel giudizio generale, questa cosa disturbava... come poteva conciliarsi la gran quantità di quello che produceva con una  qualità accettabile? Spesso era un pregiudizio più che un vero giudizio, talvolta addirittura un'invidiosa critica di qualche collega che lavorava tutto il giorno su una pagina, mentre lui scriveva uno o addirittura due capitoli!
A questo proposito è interessante riportare quello che lo stesso Simenon raccontò a Roger Stéphane, in una serie di interviste poi raccolte nel volume Portait souvenir de Georges Simenon (Tallandier - 1963).
A Stéphane che gli chiedeva quanta concentrazione e quanto tempo gli fosse costata la stesura del primo Maigret (i Maigret che Simenon non considerava più letteratura popolare, ma già semi-letteratura) lo scrittore rispondeva:"... no, in quel tempo scrivevo allo stesso ritmo i romanzi polizieschi che quelli popolari, vale a dire due capitoli al giorno, uno la mattina e l'altro nel pomeriggio...".
Una risposta semplice su un argomento scontato per lo scrittore, si trattava di un ritmo che non era il risultato di un sforzo eccezionale, ma quello normale cui ormai si era abituato. E' quasi divertente percepire il candore con cui lo scrittore dava queste risposte... quasi quasi si stupisse che gli si chiedessero cose così ovvie.
"... I romanzi popolari erano scritti nella misura di ottanta pagine al giorno... E' un po' ridicolo, ma alla fine si arriva a contare automaticamente: romanzi popolari ottanta pagine al giorno, romanzi polizieschi, all'inizio, quaranta pagine al giorno, una seduta la mattina e una il pomeriggio - racconta Simenon a Stéphane - Allora dicevo a me stesso: quando non avrò da scrivere che venti pagine al giorno, sarò un re...".
E la conclusione ci fà sembrare Simenon un pigrone sfaccendato:"... in effetti dopo i primi Maigret, non ho battuto più di venti pagine al giorno, e soltanto per sessanta giorni all'anno...".
Senza parole.

Nessun commento: