venerdì 28 novembre 2014

SIMENON SIMENON. GLI ANNI DEL TERRORE E LA FUGA IN AMERICA


Ne abbiamo accennato più volte. Uno dei motivi, diremmo quello fondamentale, per cui Simenon lasciò piuttosto in fretta la Francia, dopo la fine della seconda guerra mondiale, era rappresentato dall'accusa di collaborazionismo con i filo-nazisti.
Ora vogliamo proporvi, sia pure in sintesi, una delle più complete ricostruzioni di quel periodo ad opera di Gianni Da Campo (1943-2014), uno dei grandi studiosi italiani di Simenon che con la sua traduzione e il corposo apparato delle sue note (oltre 100 pagine su 450) ha reso molto più ricca ed interessante la versione italiana, dell'opera di Stanley G. Eskin Simenon A critical biography (1987).
Nelle note appunto, ci racconta come il calvario di Simenon inizi nell'autunno del 1944, quando lui è a letto per una pleurite nella pensione-albergo Les Roches Noires a Sable d'Olonne. Jean Huguet, giovanissimo capo locale delle FFL (Forze Francesi di Liberazione) lo sta cercando e, una soffiata del proprietario dell'albergo, glielo fà trovare. E' così che Simenon viene a sapere da Huguet che c'è un mandato d'arresto a suo nome. La malattia lo salva, o perlomeno rimanda l'arresto. Tigy - ci spiega Da Campo - vorrebbe portarlo a Parigi per farelo curare meglio, ma il comitato d'epurazione di La Roche-sur-Yon glielo impedisce.
Ma quali sono le accuse? In realtà il dossier che riguarda Simenon non solo sembra che sia mezzo vuoto, ma pealtro non si trova nemmeno. 
Primo colpo di scena.
Dopo una serie di ricerche, accertamenti, confronti ci si accorge che l'uomo destinato all'arresto e quindi al plotone d'esecuzione è un certo Simon! Comunque l'incubo non è finito perchè comunque la giustizia militare gli ha trattienuto i documenti e gli ha bloccato il conto in banca.
Intanto le condizioni di salute diSimenon peggiorano e occorrerebbe portarlo urgentemente a Parigi.
In quel momento sono gli amici dello scrittore ad intervenire presso le autorità. Maurice Garçon, Gaston Gallimard e Félix Garas riescono finalmente ad entrare in possesso della copia del dossier con lo scopo di conoscere e poter controbattere le accuse.
Ecco i famosi capi d'imputazione:
- collaborazioni continue ai grandi giornali parigini
- la vendita dei diritti per la realizzazione di film alla Continental
- l'ottenimento di un lasciapassare per la zona libera della Francia
- essere un notorio propagandista pericoloso per la sicurezza dello Stato
Anche l'ambasciata del Belgio vuole conoscere il dossier. Questo sortisce un risultato positivo in quanto viene constatato che "il dossier contiene prove troppo deboli" e quindi viene revocato il provvedimento di "internamento amministrativo"... insomma sembra che Simenon possa iniziare di nuovo a vivere e a credere che la faccenda potrà risolversi in breve.
Ma un'altra delusione è dietro l'angolo.
Le prove del dossier prendono peso con un'ulteriore accusa: aver versato del denaro alla filo-nazista LVF (Lega dei volontari francesi contro il bolscevismo).
Nel gennaio del '45 Simenon si difende affermando di aver sempre dato soldi a numerose associazioni e ad opere assistenziali e, se questo versamente fosse mai avvenuto, si sarebbe verificato in maniera del tutto inconsapevole. Insomma a febbraio la situazione è peggiorata e si inizia temere l'arresto e la prigione.
Ma Da Campo di presenta un altro colpo di scena.
Nell'aprile del '45 il commissario del governo a La Roche-sur-Yon, dopo un attento esame del dossier, dichiara:
- Dalle indagini condotte, risulta che libri e articoli non hanno nessuna tendenza politica
- Nessun fatto preciso attesta la collaborazione con il nemico tedesco
Il prefetto, il giorno dop, dichiara che Simenon è libero, può rientrare in possesso dei suoi soldi e può lasciare il domicilio coatto in Vandea, dove nessuno ha più nulla da contestargli.
La ricostruzione di Da Campo continua con il trasferimento a Parigi, dove un'altra amara sorpresa attende lo scrittore. Viene infatti a sapere dalla radio di essere accusato di "intesa con il nemnico" e che sarebbe "in  stato d'arresto". La notizia non sembra attendibile e tutto sommato infondata anche alla luce di quello che era successoo a La Roche-sur-Yon.
Eppure l'incubo ricomnicia.
Simenon scopre di essere nelle liste d'epurazione, sempre per quella storia della collaborazione con la casa di produzione cinematografica Continental (e non è il solo). A peggiorare le cose c'è la situazione del fratello che in Belgio non solo si è schierato apertamente con i nazisti, ma ha addirittura partecipato a rappresaglie ed esecuzioni, sembra quasi una trentina, come capo di un commando.
Dopo tutte queste docce scozzesi, Simenon è sempre più pessimista e tra l'altro teme una presa del potere da parte dei comunisti francesi, quindi immagina un futuro a tinte fosche e niente affatt sicure per sè e per la sua famiglia. Da qui la decisione di approfittare di quel momenti di libertà, recarsi in Gran Bretagna dove imbarcarsi per l'America. Ma gli serve un visto. In questo l'aiuta l'ambasciatore del belgio che ad agosto del 1945 gli fà ottenere un'autorizzazione dal Ministro degli Affari Esteri francese con la dicitura: Scopo del viaggio "Contatti con giornali ed editori canadesi". Data di partenza "Appena possibile". Data di ritorno "A missione compiuta".
Dopo un mese d'attesa a Londra, Georges, Tigy e Marc, s'imbarcano il 3 ottobre a Southampton su un cargo battente bandiera finlandese e, dopo dodici giorni di traversata, sbarcano a New York.

Nessun commento: