sabato 15 novembre 2014

SIMENON SIMENON. IL MIO MAIGRET PERSONALE E'....


A volte il mio Maigret personale ha la morbidezza e il sorriso bonario di Jean Richard e si muove in una Parigi in bianconero degi anni '70 , o tra i colori della televisione degli anni '80...

A volte il mio Maigret personale ha lo sguardo di Bruno Crémer e si mostra sottile, serio o allegro, tutto sfumature in una scenografia costruita, ma ugualmente credibile...
Certe volte il mio Maigret personale diventa italiano e Gino Cervi gli dona il suo entusiasmo, le sue collere, e suoi scatti di voci, affiancato da una singora Maigret i cui talenti culinari non le impediscono le raffinatezze dell'analisi...
Invece ci sono delle volte che il mio Maigret personale si cala nella flemma tutta britannica di Rupert Davies e si mette a parlare inglese come se fosse nato sui bordi del Tamigi...
Alcune volte  il mio Maigret personale si mette a somigliare al suo autore, la pipa tra i denti, il cappello moscio ben piantato in testa, passeggiando con la sua andatura liegiese nei cafè di Parigi...
Ci sono delle volte in cui il mio Maigret personale diventa viaggiatore e ecco che mi porta sulla Costa Azzurra; lungo la Promenade des Anglais con le sue immagini di mare, i riflessi, mentre Sidney Bechet crea un'atmosfera jazzy con Dans les rues d'Antibes
Certe volte il mio Maigret personale preferisce il Nord, ed eccomi nella nebbia di un canale, un chiatta passa e Brel ci canta Le plat pays
Addirittura ci sono delle volte che il mio Maigret personale diventa un seduttore: ha la voce di Paolo Conte, il sorriso di Lino Ventura,  la camminata di John Wayne e viene voglia di preparargli uno spezzatino per essere sicuri di conservarlo...
A volte il mio Maigret personale diventa papà: è domenica a Meung-sur-Loire seduto sul giardino, con i fiori che sentono l'estate, il fumo della pipa che si sparge con le sue volute e Maigret è il nonno che avrei potuto avere 
Ci sono delle volte che il mio Maigret personale diventa un pungolo: su! e se faccio degli studi di "Maigret e questo" o "Maigret e quello" e mi immergo nella mia colezione di romanzi...
A volte il mio Maigret personale diventa delle sensazioni e con lui si annusano gli odori dei croissant caldi, si addenta un sandwich croccante,  mentre Parigi è invasa dai colori e si sente un rimorchiatore sibilare sotto l'arco del ponte... 
Alcune volte il mio Maigret personale è un poliziotto e con lui conduco un'inchiesta, divento uno dei suoi collaboratori, e gioco alla detective: "Capo, credo di averlo trovato!"...
Ci sono delle volte che il mio Maigret personale ridiventa un eroe di carta, ma così umano, così vicino a noi che ancora una volta prendo un romanzo a caso; questa volta, stavolta sarà, perché no, Signé Picpus, ed eccolo là, ha messo le sue bretelle, pesca in riva a Morsang, ha ritrovato Le Cloaguen grazie alla sua formidabile intuizione e arriva, una volta di più, a scoprire la verità...
A volte il mio Maigret personale è un compagnone, e grazie a lui io divido una passione con tutti voi, amici maigrettofili...

Murielle Wenger

1 commento:

  1. Murielle Wenger15 novembre 2014 16:21

    Che splendida traduzione, Maurizio ! Tante grazie !

    RispondiElimina

LASCIATE QUI I VOSTRI COMMENTI, LE VOSTRE IMPRESSIONI LE PRECISAZIONI ANCHE LE CRITICHE E I VOSTRI CONTRIBUTI.