martedì 18 novembre 2014

SIMENON SIMENON.IL NOVEMBRE DI MAIGRET

Novembre è un mese abbastanza presente nel'opera di Simenon. E' anche il titolo di un romanzo, bello e triste ... "Novembre", per Simenon, questo è il mese di Ognissanti, un mese di pioggia, vento, nebbia, gelo. Il mese che evoca probabilmente per molti lettori la famosa "atmosfera Simenon", anche se sappiamo che la serie può bearsi anche della mitezza della primavera e del caldo estivo, più volte di quanto non si potrebbe pensare (vedi http://www.trussel.com/maig/meteof.htm).
Iniziamo con una rassegna di quanto succede a
Maigret in questo mese di novembre. Domani invece presenteremo un sintetica panoramica degli eventi che hanno avuto luogo nel mese di novembre nella bio-bibliografia Simenon.




 
Una dozzina di indagini Maigret raccontate da Simenon si svolgono nel mese di novembre. L'indagine, che apre il ciclo "ufficialmente", vale a dire Pietr Le Letton, ha luogo a novembre, si sa fin dall'inizio: le raffiche di vento soffiavano, stava piovendo "grandi gocce di pioggia come noci, il freddo era come il ghiaccio" questa è la tempesta, sia a Parigi che a e Fécamp e Maigret abbandona a malincuore il suo ufficio, riscaldato dalla sua stufa infuocata, per impantanarsi nel fango vicino alla riva del mare ...
La seconda indagine nel mese di novembre è Le pendu de Saint-Pholien: questa volta, la pioggia è accompagnata dalla nebbia che offusca la luce di lampioni. Ma, grazie ai ricordi dell'autore, Maigret scopre Liegi sotto il sole, nonostante il freddo: "La nebbia si era dissipata, lasciando sugli alberi e su ogni filo d'erba [...] perline di brina bianca. Nel cielo azzurro splendeva un sole freddo, che però minuto dopo minuto, trasformava le brina in gocce d'acqua che cadeva, chiara, sulla ghiaia. "
Troviamo mareggiate di novembre ne Le chien jaune, con le parole di apertura magistrali del romanzo .. "Venerdì 7 novembre, Concarneau. La luce del vecchio orologio della città, che si vede al di sopra delle mura, segna le unidici, meno cinque. Siamo in piena marea e una tempesta da sud-ovest si intrufola tra le barche nel porto. Il vento si infila per le strade "...
Dopo, L'ombra Cinese, in cui la maggior parte dell'indagine si svolge nel mese di novembre, ecco quindi  di L'affaire San Fiacre, e la messa del giorno dei morti. Maigret procede con i suoi passi pesanti nel freddo e tra le foglie morte portate dal vento ...
Il mese di tre racconti sotto la pioggia e novembre (
La péniche aux deux pendus, L'affaire du boulevard Beaumarchais, Tempête sur la Manche), e con Maigret alle prese con il mondo del crimine venuto da oltreoceano (Maigret, Lognon et les gangsters): c'è una "pioggia lunga e fredda che cade fuori dalla finestra."
In 
Maigret se trompe, la pioggia ha preso il posto della nebbia, una "aria gialla" che alla fine si trasforma di nuovo "in una bella pioggia fredda." E ancora è Maigret, a causa di un eminente chirurgo, a porsi un sacco di domande sul suo rapporto con gli esseri umani... e allora piovono "ancora  pietre, mattoni e cemento" ...
Maigret et les témoins récalcitrants , è un romanzo dal tono molto nostalgico e che si apre piovoso, all'indomani di Ognissanti: "Eravamo nel nel mese di novembre - il 3 Novembre - e non era affatto freddo. Cadeva da un cielo basso ed uniforme una di quelle piogge che, soprattutto al mattino, sono più sottili e più insidiose delle altre. "
Infine, l'indagine di
Maigret et le fantôme , condotta in un sol giorno, a metà novembre, si svolge ancora una volta sotto la pioggia, in un ambiente umido che si adatta bene alla indole dell'ispettore sfortunato come è Lognon, e come dimostrano queste poche note del primo capitolo: "... la pioggia rimbalza sul marciapiede [...] la giornata era di un grigio sporco e pioveva sempre [...] Gli alberi perdevano le loro foglie che, bagnate, s'incollavano sul selciato. "

Murielle Wenger

1 commento:

Andrea Franco ha detto...

sono concorde:il clima novembrino è lo sfondo ideale per la classica atmosfera simenoniana