domenica 23 novembre 2014

SIMENON SIMENON. L'IMPORTANZA DELLE ILLUSTRAZIONI IN UN BLOG DEDICATO A GEORGES SIMENON


Parlare di un romanziere come Simenon, che ha dedicato gran parte della sua vita a scrivere oltre quattrocento romanzi, centinaia di racconti, romanzi brevi, articoli, saggi... quindi non solo vocazione per la scrittura, ma anche una considerevole quantità di tempo impiegato per produrre un numero di opere non comune. E sappiamo, che nonostante la sua naturale propensione ad esprimersi per iscritto, e di conseguenza la naturale velocità con cui completava un romanzo, poneva una certa cura per le parole che utilizzava. Basterebbe ricordare il suo concetto di "mots-matière" o la sua scelta di pochissimi e selezionati aggettivi con cui riusciva a creare delle atmosfere, non di maniera, non posticce, ma che s'integravano con i personaggi, con la vicenda... Ma tanta attenzione alle parole non gli impediva di attribuire molta importanza alle immagini. Ieri citavamo le sue inedite copertine fotografiche dei primi Maigret,  le sperimentazioni nel romanzo fotografico con Germaine Krull, ma vale la pena ricordare che Simenon proponeva spesso dei paralleli tra la scrittura e la pittura, lui stesso era amico di pittori come Vlaminck, Derain, Kisling, Buffet... e la sua prima moglie, Tigy, era anche lei una pittrice.
Tutto ciò ci ha spinto (in realtà non ce ne sarebbe stato gran bisogno) a fare un gran utilizzo di foto, di disegni, di elaborazione fotografiche, di patchwork d'immagini. Una parte importante, per lo meno nell'impiego del tempo, nella confezione delle quotidiane pagine del blog.
Abbiamo cercato di trasmettere, anche attraverso le immagini, informazioni, sensazioni, riflessioni, atmosfere che essendo complementari al testo dei post, avrebbero dovuto completare e rendere più efficace la nostra comunicazione.
O almeno speriamo di esserci riusciti.
Per fare questo ci siamo serviti delle migliaia di fotografie che sono state scattate a Simenon (anche questa disponibilità dello scrittore a farsi fotografare così spesso e nelle più disparate situazioni dimostra la sua sensibilità alle potenzialità comunicative dell'immagine), ma abbiamo utilizzato anche delle illustrazioni. Tra queste, la maggior parte sono quelle del grande illustratore Ferenc Pinter che secondo noi ha catturato tratti e caratteristiche di quello che scriveva Simenon (per non parlare del suo Maigret con le fattezze di Gino Cervi)... al punto che possiamo dire che, se questo è un blog che parla di Simenon, non lo farebbe altrettanto bene se non potesse contare sulle immagini uscite dalla penna di Pinter.
E godiamo da qualche tempo della collaborazione di un illustratore, Giancarlo Malagutti, che già è presente e lo sarà sempre più assiduamente (lo speriamo davvero) contribuendo a contraddistinguere Simenon-Simenon con un suo profilo originale, anche nella sua dimensione visiva.  

Nessun commento: