mercoledì 15 aprile 2015

SIMENON SIMENON. E SE NEL 1972 SIMENON AVESSE CONTINUATO A SCRIVERE ALMENO I MAIGRET?...

I prossimi giorni saranno giorni da ricordare. Li ricorderano, ovviamente i parecchi) anni ci hanno fatto assistere anche alla fine dei Maigret di Mondadori, una storia che andava avanti dal 1933... cioè da una sessantina d'anni, ma che poi continuò, anzi ricominciò con Adelphi. Un passagio dunque morbido perchè per un certo periodo le due case editrici pubblicarono contemporaneamente le inchieste del commissario Maigret: Adelphi partendo dai primi e Mondadori partendo a ritroso dagli ultimi.
simenoniani e i maigrettiani. Finisce la serie dei Maigret di Adelphi. I nostri (
Non si incontrarono mai. Ovviamente
I diritti passarono poi tutti all'Adelphi (che già deteneva quelli dei romans-durs) ma con l'uscita dei prossimi giorni, anche questo ciclo si conclude. Grande successo editoriale quello di Simenon e più in particolare quello di Maigret che non deve essere indifferente per i bilanci della casa editrice. Insomma a spanne non ci sembra ci sia un altro autore della scuderia che venda più di Simenon... Certo la produzione di Adelphi è assai vasta, ma abbiamo motivo di ritenere che l'intero corpus delle opere simenoniane (e di romans-durs da pubblicare ce ne sono ancora) "pesi" (o almeno fin'ora abbia pesato) in modo considerevole sul fatturato dell'editrice. Basti pensare che per alcuni titoli maigrettiani si è arrivati alla sedicesima e per altri addirittura alla diciannovesima edizione.
Ma questo non toglie quel senso di disagio che ci coglie quando un caro amico, che era entrato nella nostra vita, si trasferisce in un paese lontano. Oppure quando una persona cara ci lascia. C'è quella sensazione di vuoto, quella sorta di ansia di non saper come rimpiazzare quella consuetudine, quell'abitudine (la lettura dei Maigret) che ci ha accompagnato per tanto tempo.
Si certo si può ricomniciare a rileggerli (e chi non l'ha fatto?), magari non subito tra un anno o due, ma... Ma intanto il loop della lettura seriale si è interrotto e ripristinarlo non è facile. E' una sorta di interscambio tra il personaggio/l'autore e il lettore che viene troncato...
Qualcuno ha scritto, "...ma perchè nel '72 Simenon che non riusciva a trovare il modo di scrivere il romanzo "Victor", invece di smettere di scrivere non si dedicò solo ai Maigret? Quanti ne avrebbe potuti scrivere ancora?...."
E' una domanda che fà parte del mondo dell'irrealtà... ma se volessimo stare al gioco, perchè rispondere ad un domanda del genere può significare soltanto giocare, potremmo immmaginare che avrebbe potuto scrivere fino alla soglia degli ottanta anni... almeno tre inchieste l'anno... per un totale di circa trenta titoli in più... E vorrebbe dire che ql'odierno addio sarebbe stato posposto di un quindicina di anni (visto i due Maigret l'anno cui l'Adelphi ci ha abitutato)... un addio nel 2030... Ma siamo nella fanta-letteratura e nella fanta-editoria... e queste fantasie non servono a cambiare le cose.

1 commento:

Andrea Franco ha detto...

Le uscite di Maigret però non sono ancora terminate: a giugno uscirà il tomo 9 della raccolta i Maigret(Maigret et l’homme du banc,Maigret a peur,Maigret se trompe,Maigret à l’école,Maigret et la jeune morte).i tomi per i romanzi dovrebbero essere 15 ,contando sempre 5 inchieste per ogni uscita.
Sempre a giugno atteso "le haut mal"-"l alto male"disponibile in italiano per ora solo nell edizione del 1934 del super romanzo delle vacanze con il titolo il delitto della signora pontreau.(raccolta comprendente anche :l inglese(l uomo di londra)il colpo di luna,la casa del canale,l asino rosso e quelli di fronte