lunedì 20 aprile 2015

SIMENON SIMENON. L'OMICIDIO DI MADAME SIMENON... PRONIPOTE DEL ROMANZIERE

E' il pomeriggio del 27 giugno del 2002. Bruxelles. Scena del crimine. Protagonista Simenon. Ma ovviamente non é Georges, il romanziere scomparso tredici anni prima a Losanna, ma Geneviève, medico reumatologo, (42 anni), che è però la sua pronipote.
In quel pomeriggio dopo l'ennesimo litigio con il suo secondo marito Georges Temperman (55 anni), la Simenon lo colpisce ripetutamente al capo (diciotto volte secondo l'autopsia) con una mazzetta, dopo avergli somministrato una notevole dose di valium. I due, al risveglio pomeridiano del marito, avevano litigato violentemente e lui l'aveva picchiatà e poi afferrata alla gola. Ma essendo malato di cuore aveva accusato una forte crisi,  evento che aveva dato a Geneviève l'opprtunità di stordire il marito con il tranquillante e poi di colpirlo mortalmente alla testa.
Il giorno dopo ottiene da un suo vecchio compagno di studi un certificato di morte naturale, senza che il collega nemmeno esamini il morto. A questo punto deve procedere alla cremazione più in fretta possibile, affinchè nessuno noti le tracce dei colpi inferti alla testa.
La fretta viene comunicata all'agenzia funebre che deve svolgere velocemente  la preparazione e poi la cremazione secondo le volontà della cliente. Ma il congegno che sembrava così ben oliato, ad un certo momento s'inceppa. E la causa è Fernand Goossen, impiegato delle pompe funebri ma anche ex-poliziotto che, mentre sta preparando il corpo per la cremazione che avrebbe dovuto aver luogo il giorno dopo, si accorge delle tracce dei colpi alla testa e inizia ad avere più di un sospetto. Avverte quindi la polizia giudiziaria, la quale inizia a fare accertamenti, interroga Geneviève Simenon e, tra l'altro, scopre che nella camera da letto dei coniugi Temperman-Simenon ci sono delle macchie di sangue addirittura sul soffitto!
Ormai non ci sono dubbi. E infatti dopo qualche giorno di strane spiegazioni la Simenon confessa. Viene così fuori una storia di vessazioni e continue violenze subite dal marito. Il motivo di tali contrasti? I tre figli che la donna aveva avuto dal precedente matrimonio (con il morto aveva avuto una figlia).
Il dibattito che anima il processo non è sull'indubbia colpevolezza o meno della Genevève, ma se la sua sia stata una reazione istintiva, provocata dalla furia del marito, oppure un'esecuzione accuratamente premeditata.
La sentenza arriva ai primi di giugno. La Simenon è riconosciuta colpevole d'omicidio, condannata a cinque anni, ma ci sono molte attenuanti (come i sei anni di violenze subite dal marito), la sua irreprensibile condotto prima dell'omicidio, il periodo di carcerazione preventiva e la sua totale disponibilità a sottoporsi ad un intensa terapia psicologica. Tutto sommato quindia a Geneviève SImenon viene concessa la condizionale e quindi alla fine del processo viene lasciata libera.
Fin qui una storia di cronaca nera che vi abbiamo succintamente riassunto e che abbiamo citato perchè vedeva implicata la pronipote del nostro romanziere, ma.... C'è un ma. Infatti questa storia ci ricorda, i temi trattati nel famoso romanzo "Lettre à mon juge", scritto da Simenon nel dicembre del '46 in Florida, dove Charles, un omicida, scrive in prima persona al suo giudice analizzando e raccontando la sua vita, le sue traversie, la storia d'amore con la sua amante Martine. Il protagonista vedovo, padre di due figlie, risposato con una donna che non lo soddisfa, trova in Martine la sua donna ideale. Ma la loro storia non dura, anzi va sempre più peggiorando, il loro rapporto diventa infine violento, lui la picchia spesso ed un giorno succede l'irreparabile e Martine muore per causa sua. Nella sua lettera al giudice, Charles, non si difende, non chiede attenuanti,
ma racconta come una grande passione possa trasformarsi in un grande tormento e arrivare al più tragico degli epiloghi. Non molto lontano a quello che é poi in realtà successo a Genevève Simenon.    

1 commento:

Andrea Franco ha detto...

Non conoscevo questo fatto di cronaca nera..da rimarcare che il giudice a cui è indirizzata la lettera del romanzo"lettre à mon juge"è il tante volte co-protagonista dei maigret(nonchè "antagonista"del commissario)comeliau