sabato 18 aprile 2015

SIMENON SIMENON. MAIGRET: "MA ALMENO SCRIVA QUALCUN'ALTRA DELLE MIE INCHIESTE !..."


Quanti vorrebbero che Simenon, in quel fatidico 1972 non avesse smesso di scrivere. O almeno, se proprio non riusciva più ad entrare  nel suo "état de roman", avrebbe potuto continuare  a scrivere altre inchieste del commissario Maigret (ne abbiamo parlato nel post di mercoldì scorso). Prendendo spunto da questo tema, la nostra Murielle Wenger, ha immaginato una visita di Maigret a Simenon, nella sua casa rosa di Losanna, quella con il piccolo giardino e il grande cedro del Libano... vediamo un po' cosa si sarebbero detti... 


Era seduto nel suo giardino, sotto il grande cedro del Libano e guardava sorridente due passeri che si litigavano la stessa briciola di pane. Lo distrasse da quello spettacolo la voce di Teresa. "Ci sono visite!". Si alzò e, voltandosi, vide una sagoma massiccia che riempiva l'intera porta finistra.
L'uomo grande e grosso, cappello in mano, fumava una pipa le cui volute di fumo si perdevano nell'aria primaverile.
Avanzarono uno verso l'altro. L'uomo tese una grossa mano:
- Mi riconoscete?
Non rispose subito. Con gli anni la sua vista era a poco a poco dimìnuita, ma il timbro della voce risvegliava in lui dei ricordi... Ma certo! Parigi. Quai des Orfévres!  E prima ancora un porto perso ai confini dell'Olanda... L'altro riprese:
- Voi non siete molto cambiato... Siete dritto come un "I" ...
- Anche voi siete empre lo stesso cappotto, lo stesso cappello... i capelli un po' più grigi, forse...
Risero tutti e due.
- Venite -  disse - Staremo meglio dentro a bere un buon bicchiere.
- Perché? si sta così bene in questo giardino, sotto questo magnifico albero. Sapete che a Meung i miei peri sono cresciuti un bel po'? Abbiamo fatto una raccolta straordinaria l'autunno passato...
Venne loro servita una caraffa di vino dorato  dai riflessi verdastri. La bevadìnda era gradevolmente fresca e l'uomo fece schioccare la lingua per la soddisfazione
- Un piccolo vino della Côte I vignaioli sono dei miei amici...
Silenzio.
- Vi domandere sicuramente perchè io sia venuto a disturbarvi?
- Ma non mi disturbate affatto...
- Andiamo! Tutti sanno che preferite rimanere da solo, nella vostra casa, con la vostra amata compaga... A proposito, sapete a chi mi fà pensare?
- Sì... a  M.me Maigret
Ci fu di nuovo silenzio. Visibilmente l'uomo cercava il modo migliore per  affrontare il motivo della sua visita. Buttò giù una nuova sorsata, si scharì la voce poi, esitante...
- Sapete Georges, che mi fate una certa pena?
Sorpreso, non seppe cosa rispondere.
- Si, ne discutevamo ancora l'altro giorno con mia moglie... sono parecchi anni che non siete più venuto a trovarci, e... 
- Sa, l'età, i piccoli problemi di salute...
- Sì, lo so. Anche io inizio a sentire le mie articolazioni, soprattutto dopo una giornata di lavoro in giardino... Ma veramente questo non é di questo che si tratta... Beh io, con il passare degli anni ho cominciato a leggere parecchio, strano... una passione come questa che mi è venutà con l'età... In breve, a Natale passato mia moglie e mia cognata mi hanno fatto un regalo: mi hanno donato la collezione completa di Tout Maigret. La settimana scorsa, quando ho finto di leggere il volume n° 10, ho detto a mia moglie così... ridendo e scherzando... "Beh... il prossimo Natale, potresti regalarmi i dieci volumi seguenti!"  E indovinate cosa mi ha risposto?
- Eh.. come no -  ha risposto brontolando... - non ci sono altri volumi...
- Sono rimasto un po' deluso! Sapete che ci sono molte inchieste di cui non avete parlato nei vostri libri! Ce ne sarebbe da riempire un'intera biblioteca!
- Certamente,  ma siccome ormai ho smesso di scrivere i romanzi...
- Sì, me l'hanno detto, adesso raccontate i vostri ricordi... Va bene, ma siete davvero sicuro di non aver più voglia di scrivere delle storie... delle mie storie? Sapete che venendo qui un tassista mi ha riconosciuto e mi ha detto: "Peccato che Simenon non parli più di voi. Sono talmente amate le vostre inchieste!". L'altro giorno, alla televisione, un giornalista diceva che occorrerebbe trovare qualcuno che continuasse la saga "maigrettiana", come la chiamano. E mia moglie che naviga su internet (sì... che volete abbiamo comprato anche noi un computer.... é stata lei a volerlo... Sa, mi ha detto che interessante per trovare delle ricette di cucina,  e poi con internet può avere notizie di sua nipote che si è trasferita negli Stati Uniti...), mia moglie insomma mi ha detto che ha trovato un bloc.. o un bric o una cosa del genere...
- Un blog...
- Sì quello,  ed é un blog su di voi... E il signore che scrive il blog ha detto che gli sarebbe piaciuto molto che voi aveste continuato a scrivere  altre inchieste di Maigret.... E' mia moglie che me l'ha letto, perché, lo sapete, io di queste diavolerie moderne non ci capisco davvero niente...
- E allora che cosa vi aspettatereste in concreto da me? - era quasi arrabbiato.
- Su Georges, non fate così! Vi chiedevo solamente di provarci... E poi questo farebbe così piacere a mia moglie...
Esitò... Allora Maigret lo prese sottobraccio e facendo a grandi passi dei giri del giardino, passando e ripassando davanti al grande cedro del Libano, gli raccontò:
- Un giorno, nel mio ufficio, ricevetti una strana visita. Era ormai primavera...

Murielle Wenger

1 commento:

  1. Murielle Wenger19 aprile 2015 10:54

    Molto grazie per la traduzione, Maurizio ! Et très chouette illustration !

    RispondiElimina

LASCIATE QUI I VOSTRI COMMENTI, LE VOSTRE IMPRESSIONI LE PRECISAZIONI ANCHE LE CRITICHE E I VOSTRI CONTRIBUTI.