mercoledì 15 ottobre 2014

SIMENON SIMENON. SI INIZIANO A VEDERE I SEGNALI DI FUMO DELLA PIPA DI MAIGRET...

 Siamo alle prime avvisaglie. La sospirata pipa di Maigret, intesa come la raccolta di racconti che porterà questo nome, dovrebbe uscire tra poco più di una decina di giorni (qualcuno azzarda al data di fine mese).
Una pipa surriscldata da tanta attesa. La immaginiamo tra i denti di Maigret che scalpita da aprile. Sette mesi dopo l'ultima raccolta. Questo significa che la prossima (che potrebbe essere anche l'ultima) dobbiamo aspettarcela per aprile/maggio 2015? Oppure, visto che tra i racconti c'è anche Un Natale di Maigret, che è quasi un romanzo breve,  questo potremmo vedercelo proporre come strenna natalizia?
Abbiamo visto che a fare previsioni si sbaglia sempre. Gustiamoci quindi questi tre racconti.
La pipe de Maigret che dà il titolo alla raccolta, è un racconto scritto nel '45 a Parigi, prima della partenza per l'America, ma pubblicato poi nel 1947.
L'inchiesta inizia con una denuncia che una vedova, M.me Leroy, va a fare nell'ufficio del commissario al Quai des Orfèvres. La donna che ha un'aria triste e sconsolata, si è portata dietro il figlio adolescente, Joseph. Racconta a Maigret di un intrusione in casa sua, avvenuta o in sua assenza o durante la notte, mentre lei e il figlio dormivano. Ma nessun furto o altro reato è stato commesso. Chi ha interesse a introdursi nella casa di quella vedova e per fare cosa? Maigret avrà il suo bel da fare per risolvere l'enigma.
Altro racconto è la testimonianza del chierichetto ("Le Témoignage de l'enfant de chœur "scritto nel '46 e pubblicato anch'esso nel '47), dove tutto comincia con la testimonianza di un bambino che dice di aver assistito ad un crimine, la mattina presto mentre andava a servire messa. Il commissario si indentifica con lui, perchè si ricorda di sè stesso, alla stessa età del ragazzo, quando pure lui si svegliava presto per andare a fare il chierichetto. Ma riscontri a quello che il ragazzo racconta non ce ne sono. Sta mentendo o qualcuno riesce a nascondere molto bene il reato? Insomma il ragazzo è credibile oppure no? O forse dice la verità, ma non fino in fondo...
L'ultimo racconto s'intitola Maigret e l'ispettore scontroso ("Maigret et l'Inspecteur malgracieux" sempre pubblicato nel 1947), dove s'indaga sulla morte di un commerciante di gioielli: omicidio o suicidio? Il caso ricorda un'altro di qualche tempo prima. Maigret affida il caso all'ispettore Lognon, soprannominato dai colleghi "il lamentoso" o "lo scontroso". Un uomo sempre pieno di problemi, con la moglie spesso malata... insomma uno di quelli di cui si dice che i guai se li tiri dietro, ma tutto sommato un buon poliziotto. Le analogie con il caso precendente non sono poche nè casuali, e Maigret, senza darlo a vedere a Lognon, sarà quello che terrà le briglia dell'inchiesta fino alla soluzione.

4 commenti:

Anonimo ha detto...

Ciao Maurizio, il libro è fra le anteprime di Adelphi; inoltre Amazon lo da in uscita per il 22 ottobre ed è già prenotabile: direi che a questo punto ci siamo!
Saluti.
Guido

Maurizio Testa ha detto...

Ci siamo... sì, ci siamo...!

Andrea Franco ha detto...

Le Témoignage de l'enfant de chœur secondo alcune correnti di pensiero è ambientato a Liegi(secondo altre a Nantes,simenon,uno dei pochi casi in cui succede ciò,non specifica la città in cui si svolge):quel che è certo è che è impregnato di ricordi d infanzia dello scrittore e proprio per questo motivo direi che va collocato tra i racconti più degni di nota dei 28 scritti col commissario protagonista

Anonimo ha detto...

Condivido in pieno quanto dice Andrea: io lo colloco in cima alla lista dei racconti con Maigret!
Guido