mercoledì 4 febbraio 2015

SIMENON SIMENON. HENRY PRENDE LA PENNA E SCRIVE A... L'IMPERATORE GEORGES!

"Vi saluto cordialmente, sperando che ci regaliate ancora almeno un centinaio dei vostri romanzi così seducenti".
Questi sono i saluti finali di una lettera scritta nel '54 da Henry Miller a Georges Simenon. I due si erano conosciuti in occasione di un precedente viaggio in Europa. Miller non si sbagliava più di tanto in questa sua previsione-desiderio. Infatti la produzione Simenon dal 1954 in poi, compresi romanzi, Maigret, autobiografie, raccolte di racconti e dictées, ammonta ad oltre 95 titoli.
Henry Miller era un grandissimo ammiratore del romanziere e ne diverrà nel tempo anche un buon amico.
Le voci lo raccontano come un appassionato che andava a comprare un libro di Simenon appena veniva pubblicato e non poteva far a meno di iniziarlo a leggere mentre tornava a casa in... automobile! E infatti, si dice, che un giorno, a causa di questa abitudine, finisse per tamponare l'auto che lo precedeva. E mentre l'altro automobilista scendeva per accertare i danni, imprecando contro l'imperizia di Miller, questi usciva dalla macchina ancora con il libro in mano e iniziava a dire. "Ma non sapete che è uscito questo nuovo romanzo di Simenon.... è bellissimo...  dovete assolutamente leggerlo..." E via di questo tono.
A testimoniare la passione che nutriva per Simenon c'è anche il famoso appellativo che gli affibbiò: "l'imperatore della notte". Chiamato a darne spiegazione, Miller disse: "Ci sono milioni di persone che la sera vanno a letto e tengono sul loro comodino un libro di Simenon. Una volta sotto le coperte iniziano a leggere e, come per tutti, è una fatica smettere... si andrebbe avanti tutta la notte... e qualcuno lo fa... Ecco, io vedo Simenon come l'imperatore di tutti questi uomini che nel silenzio della notte, alla fioca luce di abat-jour, sono soggiogati dai suoi libri...".
Per tornare alla lettera, Miller si spertica ancora in lodi "...per noi americani che iniziamo a scoprire i vostri libri (grazie alle traduzioni) è come se una nuova stella si levasse all'orizzonte. Voi siete assolutamente unico tra gli autori che riscuotono un grande successo presso il grande pubblico. Con questa vostra essenzialità, non perdete nulla. Tutto è là, nelle vostre opere e soprattutto il senso d'umanità e di conoscenza della vita...".
Miller scrive ad un Simenon che appena un anno dopo lascerà gli Usa e tornerà nella sua Europa, stabilendosi in Svizzera. Ma i due si rivedranno ancora ogni volta che Miller verrà in Europa. E soprattutto si ritrovarono nella giuria del Festival di Cannes del 1960, Henry come giurato e Georges come presidente.

Nessun commento: