venerdì 23 marzo 2012

SIMENON. IL ROMANZO E' SCRITTO, MA USCIRA' IL....

Georges Simenon e Sven Nielsen di Presses de La Cité
I primi esempi che saltano agli occhi sono quelli dei primi Maigret. stiamo parlando di quel décalage che spesso si verificava tra la scrittura di un romanzo o di un 'inchiesta del commissario di Quai des Orfèvres e la loro pubblicazionie.
Torniamo ai primi Maigret.
Secondo l'informata e documentatisma bibliogrfia di Francis Lacassin Pietr-le-Letton fu finito a settembre del 1929 e publicato nel maggio 1931, sei mesi dopo. Stessa sorte per M.Gallet décédé terminato nell'estate del 1930 e pubblicato a febbraio 1931. E potremo continuare con il Charretier de la Providence, stesso intervallo. Ma per L'homme de la Tour Eiffel Simenon terminò la stesura nel settembre del 1930 e per la pubblicazione dovette aspettare esattamente un anno. Ma qui sappiamo che tra Simenon e il suo editore c'era stato un duro scontro per far partire i Maigret, di cui Fayard non era assolutamente convinto, tanto che, a mo' di deterrente (!), impose allo scrittore di consegnargli sei titoli completi, prima di lanciare la serie. Bazzecole per uno come Simenon.
Sicché, quando fu il momento del debutto, Simenon ne aveva già scritti diversi. Basti pensare che dal 20 febbraio 1931, con il lancio durante la festa alla Boule Blanche, alla fine dell'anno, uscirono dieci (si avete letto bene 10) inchieste del commissario Maigret in altrettanti mesi. La cadenza di un mensile!
Mentre per Le fou de Bergerac scritto nel marzo del 1932, ci fu una pubblicazione lampo: addirittura il mese dopo.
Altri come Vente à la bougie fu scritto nel '39, ma pubblicato ormai da Presses de La Cité nel 1950. Ma qui di mezzo c'era stato il periodo con Gallimard, poi la guerra, il trasferimento negli Usa... Insomma tranne eccezioni il tempo tra fine stesura ed uscita oscillava mediamente tra i quattro e i sei mesi  (non bisogna scordare che nel periodo 'Presses de La Cité', durato 34 anni, 1947- 1981, Simenon era anche un azionista della casa editrice).
Per i romanzi i tempi di Fayard erano decisamente veloci fino ad arrivare, per titoli come Les Fiancailles de M. Hire o Le coupe de Lune, ad un paio di mesi tra consegna all'editore e uscità in libreria.
Con Gallimard, altro standard. I primi romanzi attesero anche due anni prima di vedere la pubblicazione ('Les Demoiselles de Concarneau' finito nella primavera del '34, uscì nell'ottobre del 1936 e anche '45° à l'ombre' finito nel '34 arrivò in libreria nel '36). E pensate, Faubourg aspettò adirittura tre anni (scritto nel '34, uscito nel '37).
Come dicevamo con il passaggio a Presses de La Cité le cose cambiarono molto. Tanto per parlare di un libro d'attualità (l'ultimo pubblicato da Adelphi) Le Destin de Malou, finito a febbraio del '47 nell'atunno dello stesso anno era già negli scaffali delle librerie.

1 commento:

Andrea Franco ha detto...

il citato L'homme de la Tour Eiffel è il titolo di un adattamento cinematografico del romanzo
La tête d'un homme(di cui ricordo sempre le pagine conclusive con la fine di radek)