domenica 27 gennaio 2013

SIMENON, I SUOI DIRITTI ALLA "THE RIGHT HOUSE"?

La notizia è apparsa ieri sul quotidiano britannico The Telegraph. L'agenzia inglese The Rights House, riporta il giornale, ha acquistato dalla Chorion (agenzia ormai dall'anno scorso in amministrazione controllata) il 90% della proprietà di tutti i diritti di Georges Simenon, letterari, cinematografici, televisivi, mandando in fumo le intenzioni del figlio dello scrittore, John, che, come abbiamo già scritto, stava cercando di raggrupparli tutti con una società belga. Alla famiglia Simenon (quindi i figli John e Pierre) rimane così solo il restante 10%.
Alla base di questa operazione ci sarebbe l'intenzione della The Rights House, tramite la sua sezione che si occupa dei diritti letterari, la Peters Fraser Dunlop, di rilanciare il marchio Simenon in tutto il mondo partendo dall'Inghilterra. Infatti mentre  Simenon è uno scrittore di successo in tutta Europa, in Gran Bretagna le vendite dei suoi libri sono trascurabili. A questo proposito si starebbe perfezionando un accordo con la casa editrice internazionale Penguin per ripubblicare tutte le opere di Simenon, addirittura a partire già dal prossimo autunno.
Ma le novità non finirebbero qui. Infatti The Right House avrebbe intenzione anche di rilanciare una nuova serie televisiva (accordi in vista con la BBC... Per replicare quello che è stato realizzato con la serie "Sherlock"?), ma anche audiolibri (in partnership con Amazon), ebook e altre iniziative.
Per ora la fonte è solo il The Telegraph e non siamo riusciti a trovare conferma altrove. Comunque seguiremo l'evolversi della situazione, cercando di appurare l'esattezza di quanto pubblicato oppure eventuali smentite o correzioni.

2 commenti:

Andrea Franco ha detto...

Per quel che ne so non sarebbe una gran bella notizia..personalemnte preferivo il progetto del figlio john

Armidoro Sulpizio ha detto...

come scriveva Maurizio in un commento precedente, "colpa" di Simenon che dopo tanto tempo vende ancora.....
si calcola che Simenon abbia venduto in tutto il mondo piu di cinquecento milioni di copie!!!!!!!
evidentemente il "business" continua...