giovedì 30 gennaio 2014

SIMENON SIMENON. TRE FRATELLI TRA "ONORE" E DISONORE...

Con qualche anticipo sulle nostre previsioni, esce I fratelli Rico, nella collezione Biblioteca Adephi, un romanzo scritto in America a Shadow Rock Farm nel 1952. Sono gli ultimi anni di permanenza di Simenon negli Usa, ma la sua produzione non cala di ritmo e di qualità. Il romanziere non ancor cinquantenne, é nel fiore della sua creatività, scrive questo romanzo i cui protagonisti vengono dal cuore dell'America, da New York, da uno dei suoi quartieri più tipici, Brooklyn. I fratelli citati nel titolo fanno parte di un'organizzazione criminale (la mafia?) che opera ora in Forida e nel sud degli Usa.
E come tutte le organizzazioni criminali c'è un codice che il più anziano dei tre rispetta, ligio alle gerarchie e a quelle leggi della mala (viene anche per questo chiamato il Ragioniere) che lo ha fatto ricco e benestante. Poi c'è Gino e quindi Tony, il più piccolo, che é invece insofferente alle regole del gioco, fà uno sgarro all'organizzazione, si sposa senza la benedizione dei boss, alla fine sparisce e gira addirittura voce che potrebbe collaborare con la polizia. La vicenda volge in tragedia perchè, anche quando sembra che l'organizzazione voglia essere clemente, in verità è spietata, non perdona più nessuno di quella famiglia, a meno che non sia lei stessa ad eliminare il deviato e, in questo caso, il boia prescelto sarà proprio il fratello Eddy.
L'incontro della narrativa simenoniana con i temi legati alla "famiglia", intesa come organizzazione criminale, crea l'ocasione di esplorare i temi del benessere e dell'agiatezza, frutto di un attività criminosa, ma anche di un'osservanza, inderogabile, di certe leggi e di precise gerarchie. Tony, la scheggia impazzita che manda in frantumi questo castello di obblighi e di tradizioni, è l'occasione per Simenon per sondare quell'atmosfera fatta di silenzi, segni convenzionali e di teste chinate, ma anche della ribellione dei giovani pure a questo genere di "onorata società". Un romanzo molto "americano" che forse Simenon volle proprio così per allinearsi a quelli che considerava i migliori romanzieri del mondo, quelli made in Usa.
Dal libro fu tratto anche un film The Brothers Rico, nel 1957 di Phil Karlson con Richard Conte e Dianne Foster.

2 commenti:

Andrea Franco ha detto...

l illustrazione di copertina è quella dell edizione francese illustrata da jacques de loustal
rappresenta la scena finale,abbastanza toccante come epilogo secondo me

Andrea Franco ha detto...

non èun inedito essendo già stato pubblicato da mondadori nel '58