venerdì 26 settembre 2014

SIMENON SIMENON. CARO JULES TI SCRIVO... COSI' MI RICORDO UN PO'...

Una lettera. Il post di oggi è una lettera immaginaria, ma per questo non meno "vera" scritta da Simenon al suo commissario, e alla sua signora, parecchi anni dopo l'ultima indagine Maigret e M.Charles. 
Lo scrittore lo fa in occasione del cinquantesimo anno dal loro primo incontro, cioè da quando, sempre secondo il romanziere, a Delfzjil, fu creato il personaggio di Maigret. E' una lettera piena di tenerezza indirizzata a qualcuno che lo accompagnato per quasi tutta la vita, e che anche se ora è lontano, è però rimasto ben ancorato nell'animo e nella mente di Simenon. Lui e la sua signora.
 

Lausanne, le 26 septembre 1979
M.et M.me Maigret
Retraités
F- Meung-sur-Loire
 

Mio caro Maigret,

sarete probabilmente sorpreso di ricevere una lettera da me dopo circa sette anni che ci siamo lasciati. Quest'anno è il cinquentesimo anniversario del giorno in cui a Delfzjil ci siamo conosciuti. Voi avevate circa quaranticinque anni. Io ne avevo venticinque. Ma in seguito voi avete avuto la fortuna di passare parecchi anni senza invecchiare. E' soltanto alla fine delle vostre avventure che avete raggiunto l'età di 53 anni, perchè il limite d'età per la pensione era, per i poliziotti, ma anche per i commissari divisionari come eravate voi, di 55 anni.
Che età avete quindi oggi? Non lo so, dato il privilegio di cui abbiamo parlato prima. Al contrario io sono invecchiato molto più in fretta di voi, come tutti i comuni mortali, e adesso ho abbondantemente passato i miei 76 anni. Non so nemmeno se voi abitiate ancora nella vostra casa di Meung-sur-Loire e se vi dedichiate alla pesca alla lenza, se con un largo cappello di paglia vi occupiate sempre del vostro giardino; se M.me Maigret vi cucina sempre quei piatti che voi amate, e se vi capita, come capita a me, alla vostra stessa età, di andare a giocare a carte al bistrot del villaggio.
Eccoci tutti e due in pensione e, spero per voi, assaporando, sia io che voi, fin le più piccole gioie della vita, respirando l'aria del mattino, osservando con curiosità la natura e le persone intorno a noi.
Ci tengo ad augurare un buon anniversario a voi e a M.me Maigret. Ditele che grazie ad un certo M. Courtine, che meriterebbe il titolo di re degli chef, le sue ricette di cucina hanno fatto il giro del mondo  e che, per esempio, sia in Giappone come in America Latina dei gourmand non mancano di aggiungere qualche goccia di prunella d'Alsazia nel loro pollo al vino.
Quanto ai vostri successori al Quai des Orfèvres, ce ne sono parecchi che hanno adottato il vostro stile, le vostre abitudini, e alcuni, dopo il loro pensionamento, hanno scritto le loro Mémoires facendo seguire il loro nome dalla dicitura "alias commissaire Maigret" .
Voi l'avete davvero meritato. Vi abbraccio emozionato voi e la vostra signora, che non sa probabilmente quante donne la invidiano e quanti uomini vorrebbero aver sposato una donna come lei e che una deliziosa giapponese, tra le altre, interpreta il suo ruolo in televisione, mentre un giapponese si mette nei vostri panni.

Affettuosamente
Georges Simenon

Nessun commento: