lunedì 8 settembre 2014

SIMENON SIMENON. UN PICCOLO SFOGO... UN PO' DI AMAREZZA...

Nei giorni passati abbiamo seguito con una certa attenzione sia le rassegne stampa sul web, che le manifestazioni sul giallo di questi ultimi tempi, che gli inserti culturali dei quotidiani.
Perchè? Ovviamente per il 25° anniversario dalla scomparsa di Simenon. Dobbiamo dire che abbiamo notato poco interesse, nessun articolo negli appuntamenti settimanali della cultura nei quotidiani, poche cose sul web, qualcosa sulla stampa francese e tedesca...
Sia ben chiaro, ognuno celebra gli annniversari che crede e si potrebbe obiettare che i 25 anni dalla morte di un personaggio non sia un anniversario così di rilievo. Sì insomma, noi qui a Simenon-Simenon tutti concentrati sul nostro romanziere, lo guarderemmo con un occhio molto più sensibile. I responsabili della cultura di giornali, tv, radio, internet invece relativizzerebbero molto più di noi sulla ricorrenza... ci sono altri anniversari, altri intellettuali da seguire e 25 anni non sono 50 e men che meno 100.
Come vedete cerchiamo di vedere aldilà della fitta nebbia della passione per Simenon che ci avviluppa costantemente.
Eppure... Eppure, visti certi argomenti trattati in questi giorni, ci saremmo aspettati, non certo paginate e paginate su questo 25°, ma qualche colonnino, dei box, una fotonews...
Eppure questa scarsa attenzione (motivata, poi?) fà un po' a pugni con lo spazio che le riedizioni delle opere di Simenon si prendono nelle classifiche dei libri più venduti. Già, la gente quando esce un Maigret o un romanzo simenoniano, corre a comprarlo. E la gente non è sempre la stessa. Pensiamo a titoli degli anni trenta o quaranta che ancora oggi si contendono il favore del pubblico con opere di oggi e con i loro odierni autori... Quelli che l'hanno letto allora, settanta/ottanta anni fa' oggi sono morti e sepolti. Come pure quelli della generazione successiva, e di quella dopo ancora. E le generazioni di oggi?  Continuano a comprare Simenon, anche se siamo nel 2000 inoltrato e lui è un romanziere del '900, il mondo è stato rivoluzionato dalla tecnica, dalla scienza, dal comabiamento dei costumi, dalla modo di intendere la cultura... eppure chi vive in questi nostri anni  trova ancora interessante e appassionanti i temi, i personaggi e lo stile di Simenon.
Forse questo sarebbe stato un motivo, o uno dei motivi, per cui ci saremmo aspettati un po' più di attenzione da parte dei media a questo benedetto 25°.
Beh, ci siamo sfogati... e un po' di amarezza ce la portiamo comunque dietro... ma domani, prenderemo in mano un libro di Simenon e ci scorderemo di tutto, così immersi in quel mondo che ci risucchia tra le sue pieghe ogni volta che apriamo le pagine di un volume del papà di Maigret.

1 commento:

Andrea Franco ha detto...

fa un po specie che sui media italiani la ricorrenza sia passata inosservata,noi però ci ricordiamo di simenon ogni giorno e credo che i lettori di questo blog siano numerosi