giovedì 4 settembre 2014

SIMENON SIMENON. UN ROMANZIERE CHE HA LASCIATO IL SEGNO, MA CHE NON... CI LASCIA


Georges Simenon attraversa il 1900 quasi nella sua interezza essendo nato nel 1903 e morto esattamente 25 anni fa. Una produzione letteraria, la sua, vasta e variegata tanto da far quasi "impazzire" i suoi piu assidui biografi, appassionati e/o collezionisti.
Certamente il suo nome è legato in modo indelebile al commissario Maigret, ma questa abbinamento ha per troppo tempo fatto torto allo scrittore belga, offuscando i numerosi altri romanzi da lui scritti senza il commissario parigino. E come non ricordare gli inizi della carriera in cui, barcamenandosi (o quasi nascondendosi) sotto decine di pseudonimi, Simenon ci ha lasciato numerosissimi romanzi popolari, di genere avventuroso, semi-poliziesco e sentimentale, senza contare i racconti da lui scritti. Già, perchè Simenon era anche un grande autore di novelle, sapendo creare un'atmosfera, un'ambientazione anche in poche pagine. Troppi sono, nel loro complesso (per nostra fortuna), i capolavori che ci ha lasciato: bisognerebbe nominare metà della sua sterminata produzione col rischio ancora di fare torto a qualche opera non nominandola. Ancora oggi Simenon è uno degli scrittori piu letti e tradotti al mondo, il piu' apprezzato tra i non contemporanei tanto da non temere paragone alcuno con altri autori. I suoi scritti sono ancora costantemente adattati sia per fare film, sia per la tv, sia per le pellicola sul grande schermo: tutto ciò fa di lui e delle sue opere un immortale, tanto è vero che nel 25° anniversario della sua scomparsa, pur essendoci un grande vuoto, lo sentiamo  vivo e vicino a noi
Andrea Franco

Nessun commento: