lunedì 22 settembre 2014

SIMENON SIMENON. MAIGRET E LA PICCOLA ADÈLE

Simenon-Simenon torna oggi con un altro racconto maigrettiano, nella rubrica "...magari come Simenon!". L'autore è Paolo Secondini un nostro appassionato lettore, di cui forse avrete già letto altri brevi racconti. Anche questo è breve, addirittura una sorta di flash, una specie di istantanea che fotografa un momento clou di un'indagine di Maigret. Il suo merito è che nella sua brevità riesce a mettere insieme tutte caratteristiche essenziali di un Maigret... Certo chiunque di noi si metta a scrivere un apocrifo rimane sempre ben lontano dall'effetto-Simenon. Ma ne siamo ben consci e ne fa fede il titolo di questa rubrica che ristabilisce distanze e relazioni tra lui e gli altri... Buona lettura. 



«Lei afferma, signora Rouen, che sua figlia le ha preso denaro e gioielli.»
«È così, signor commissario. Sei giorni fa, tornando a casa dal mercato di rue Mouffettard, ho trovato, sul tavolo della cucina, un biglietto di Adèle...»
«Adèle? Chi sarebbe?»
«Mia figlia… Vi era scritto che se ne andava con Albert, e pertanto portava con sé…»
«E Albert?» la interruppe di nuovo Maigret.
«Un perditempo, un poco di buono. È inoltre più vecchio di Adèle di circa vent’anni.»
«Quanti ne ha sua figlia?»
«Diciannove… Praticamente è ancora una bambina. Proprio non so cos’abbia trovato in quel mascalzone.»
«Lei, signora, lo conosce molto bene?»
«Chi, Albert?»
Maigret annuì.
«Quasi ogni sera veniva a casa nostra,» disse la donna, «invitato da mio figlio Gérard, che Dio lo perdoni.»
«Perché?»
«È morto!... Ucciso durante una rapina in una gioielleria di rue Lepic.» Emise un lungo sospiro. «Anche mio figlio, purtroppo, era un poco di buono, signor commissario… Oh, guardi, glielo dico con tutta franchezza… Quante volte gli avevo raccomandato di cambiar vita, di trovarsi un lavoro pulito, di essere onesto, rispettoso della legge, come tantissimi giovani della sua età. Niente! Non ha mai voluto ascoltarmi. Nessuno dei miei figli mi ha dato mai retta.»
«Da quanto tempo è morto Gérard?»
La signora Rouen si soffiò il naso, quindi rispose:
«Da circa tre mesi… Come le stavo dicendo, era lui che portava Albert in casa nostra. Credo che fosse il capo di una piccola banda di ladri, tra cui mio figlio.»
«Albert come?» domandò Maigret. «Ne conosce il cognome? Sa dove abita?»
La donna scosse la testa.
«No, commissario. So soltanto che è un tipo pericoloso, aggressivo. Non riesco ancora a capire come la piccola Adèle se ne sia innamorata.»
«Sua figlia era sempre presente quando Albert veniva a casa vostra?»
«Sì, certo!… Pendeva dalle sue labbra appena  narrava le sue spacconate. Sembrava che lo divorasse con gli occhi. Non so proprio cosa passasse per la testa di Adèle. Sta di fatto che era profondamente attratta da quel furfante il quale, dopo aver rovinato Gérard, rovinerà anche lei. Ne sono certa, signor commissario.»
«Perché dice questo? Non crede che i due si amino davvero?»
La signora Rouen fece una smorfia eloquente con la bocca.
«Non penso che Albert sia capace di amare un’altra persona. Troppo egoista, troppo legato ai propri interessi. Io temo, signor commissario…»
S’interruppe. Era troppo agitata. Con le esili dita si tormentava sul petto un lembo della camicia color lilla.
«Che cosa?» la esortò Maigret. «Cosa teme, signora Rouen? Dica pure.»
«Che la costringa a battere il marciapiede. Adèle è una ragazza graziosa, ben fatta; una ragazza…» Rimase in silenzio e si nascose, per un momento, il volto tra le mani. Poi, in tono convulso: «La prego… faccia il possibile per ritrovarla… Le ho portato una sua foto… Spero che possa servirle… La scongiuro, mi aiuti. Ciò che chiedo è poter riabbracciare mia figlia. Spero non faccia la fine di Gérard.»
Bussarono alla porta. L’ispettore Lucas sporse la testa.
«Capo, c’è di là una ragazza che chiede di parlarle. Dice di chiamarsi Adèle Rouen. La faccio passare?»
Nel sentire quel nome, la donna ebbe un sussulto.
«Adèle! La mia piccola Adèle!»
«Falla entrare, Lucas,» disse calmo il commissario.
«Agli ordini, capo!»
Dopo alcuni secondi una ragazza slanciata, dalle forme armoniose, dai lunghi capelli corvini, entrò nell’ufficio di Maigret.
«Adèle!» gridò, alzandosi dalla poltrona, la signora Rouen.
«Mamma! Oh, mamma!» esclamò la ragazza scoppiando in lacrime.
Si abbracciarono.

* * *

Adèle sedeva, accanto a sua madre, dinanzi alla grossa scrivania del commissario. Aveva la testa china sul petto, le mani strette sulle ginocchia.
La signora Rouen piangeva sommessamente. Di quando in quando con il fazzoletto si asciugava le lacrime.
«Ha fatto bene a venire da me, soprattutto a confessare il suo delitto, signorina Adèle,» disse Maigret con lentezza.
«Crede, signor commissario,» disse la signora Rouen alzando la testa, «che per quel che ha commesso…»
«C’è di mezzo un omicidio, purtroppo!» la interruppe Maigret crollando la testa. «Sua figlia si è resa subito conto di esser finita nelle grinfie di una canaglia. Si è ribellata con forza, vedendo infrangersi all’improvviso ciò che provava per quello che aveva creduto l’uomo della sua vita. In nessun modo è voluta stare al suo gioco.» Fece una pausa, poi continuò:  «Contrariamente al fratello Gérard, ha saputo reagire con determinazione, non esitando a uccidere Albert con un coltello da cucina, dopo che lui aveva cominciato a insultarla, a picchiarla, a umiliarla, per piegarne ogni resistenza e indurla a prostituirsi… Credo che quell’uomo fosse davvero un individuo spregevole, come lei, signora Rouen, ha sempre considerato; un individuo abietto, violento, senza scrupoli. Sono sicuro che già da un pezzo, da quando cioè frequentava la vostra casa, aveva deciso il futuro di Adèle… quello della prostituta. Come suo protettore ne avrebbe ricavato un proficuo guadagno.»
«Lei pensa,» disse la signora Rouen, «che la condanna di mia figlia, per l’omicidio di Albert,  sarà…»
«Be’, signora,» la interruppe di nuovo Maigret, «molto dipenderà dal giudice, dai giurati… Ma credo che Adèle, con un buon avvocato, potrà anche sperare in un atto di clemenza.»
Trasse un lungo sospiro, poi, sorridendo appena, appoggiò la schiena alla spalliera della sedia.

Paolo Secondini

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Molto bello il racconto. Sì, davvero nello stile di Simenon.
Chiunque può inviarne qualcuno? Mi piacerebbe collaborare con un mio racconto.

Maurizio Testa ha detto...

Certo, caro Anonimo. Un racconto non lungo, che si può spedire a simenon.simenon@ temateam.com