mercoledì 9 febbraio 2011

SIMENON FA' IL COW-BOY?

Nelle sue pergerinazioni da uno stato all'altro degli Usa, Simenon trovò una relativa traquillità quando si stabilì a Shadow Rock Farm, nei pressi di Lakeville nel Connecticut. Era il luglio del 1950 e vi rimase (viaggi a parte) per ben cinque anni. Lì nacque la sua unica figlia  Maire-Jo e la vita, come si dice con una frase fatta, gli sorrideva, Nonostante le tensioni, il rapporto con la sua seconda moglie Denyse era ancora molto buono e lui ne era allora davvero innamorato. Anche Tigy, la prima moglie, era sistemata a qualche chilometro di distanza, con il figlio primogenito Marc e l'immancabile Boule. Dal punto di vista professionale ormai era un arrivato. La critica lo stimava, il pubblico ne rinnovava il successo all'uscita di ogni nuovo romanzo o di un Maigret che fosse, i guadagni erano in costante aumento.Shadow Rock Farm, letteralmente fattoria all'ombra della roccia, era in realtà una vecchia costruzione industriale (forse una fonderia). Ma quando Simenon decide di comprarla, lo fa da un giornalista che l'ha completamente ristrutturata, pagandola poco meno di quarantamila dollari. ll fabbricato è ad un solo piano, ma con ben diciotto stanze ed è baciato dal sole. E il suo nome si giustifica perchè è tutto costrutita sulla roccia. Intorno, un piccolo paradiso: più di venti ettari dove sorge un bosco, si trovano acquitrini, prati a distesa, una palude e addirittura vi scorrono due ruscelli. E come se non bastasse, dalle sue finestre c'è una meravigliosa vista sulla bella vallata sottostante.
Simenon gioca un po' a fare il cow-boy. Beve birra nel bar di Lakeville, cura la sua terra, fa' amicizia con il barbiere, va a cavallo, indossa camice a scacchi e cappellone a tese larghe. Fa una vita tranquilla, certo non alleva bovini, né si spezza le reni sui campi, ma l'immagine è quella di un uomo che si trova a suo agio nei panni del padrone del ranch.
Quindi perchè Simenon scelse questo remoto angolo del Connecticut?
"Somiglia ai Vosgi e alla foresta di Fontainbleau!" esclamò appena vide il posto. E poi quella solida casa sulla roccia gli dava un insolito senso di sicurezza. E poi quei meravigliosi venti ettari che la circondavano. Insomma si ha l'impressione che il romanziere avesse trovato il posto giusto per placare un po' la sua anima pellegrina. Sottolineiamo inoltre come questo non sia stato certo un periodo di sospensione della scrittura. In questo periodo infatti scrisse venticinque romanzi, tra cui ricordiamo Les Mémoires de Maigret (1950), La mort de Belle (1951), Maigret, Lognon et les Gangsters (1951), L'Horologer d'Everton (1954), Maigret chez le ministre (1954), ovviamente tutti siglati "made in Shadow Rock Farm".

Nessun commento: