giovedì 5 gennaio 2012

SIMENON. PERICOLOSO SOVVERSIVO?

Abbiamo più volte detto della posizione tutto sommato conservatrice di Simenon, che pure non si esprimeva sulle questione squisitamente politiche. Certo, molti dei suoi comportamenti erano contraddittori. Ad esempio durante la seconda guerra mondiale da un parte svolse con grande coscienziosità e convinzione il suo ruolo di Commissario per i rifugiati belgi che arrivavano da un Belgio invaso dalle truppe di Hitler. D'altra parte però, durante l'occupazione in Francia, portò a termine diversi affari con una società di produzione cinematografica, la Continental, che tutti sapevano essere in mano tedesca, ma che forse non tutti sapevano che facesse capo addirittura ad Himmler. Questi rapporti  procurarono a Simenon denaro, e a quei tempi ce n'era bisogno, ma anche dei favori, come il lasciapassare per nuoversi in una Francia dove gli spostamenti erano vietati. Questo lo mise ovviamente in cattiva luce con il Fronte di Liberazione francese che, a guerra finita, aveva aperto un dossier su di lui, per la verità scarno, ma che per più d'uno doveva essere l'inizio di un'indagine per un'accusa di collaborazionismo.
Ma Simenon, che nella sua vita si tenne sempre lontano dalla politica attiva, non rinunciava però a proclamare le sue idee e anche nei suoi romanzi e persino nei Maigret. Non di rado dimostrava poca fiducia nella società o per lo meno nel sistema e nei valori su cui era fondata. Un'esempio è quello di aver fatto di Maigret un aggiustatore di destini, una cosa non da poco. La reponsabilità di un funzionario di polizia cui competevano solo le indagini, che si arrogava il diritto di giudicare, compito che competeva  alla magistraura. Ma in alcuni casi la sfiducia nel sistema giudiziario portava Maigret (o meglio portava l'autore a far agire Maigret) i n modo da sostituirsi al sistema giudicante.
Ma anche la società non girava, secondo lui nel modo giusto. Lo vediamo nei suoi romanzi, come i protagonisti sono trattati dal sistema sociale. Finché si trovano di qua dalla famosa "ligne" sono rispettati ben voluti e integrati, quando qualcosa va storto e la linea viene varcata, scatta l'emarginazione, si attivano alcuni meccanismi fondamentali di una società borghese che deve difendere la propria autoconservazionie che quindi li isola e talvolta li porta  all'eliminazione come fossero dei corpi dannosi per il sistema.
Ma non basta. Infatti, in modo se volete anche sorprendente, ci  sono anche affermazioni forti di Simenon che non possiamo non definire politiche e che in un periodo di crisi e di ripensamento dei modelli di governance economici-politici a livello mondiale, come quello che stiamo passando, tornano di grande attualità.
"...io sono anticapitalista e non mi nascondo certo. Credo di averlo già detto. Il capitalismo è uno dei rari fenomeni che non abbiamo importato dagli Stati Uniti. E' cominciato in Europa  con l'inizio dell'era industriale, con il lavoro dei banbini di dodici anni nelle fabbriche, con i tuguri di White Chapel, che per di più appartenevano non solo all'aristocrazia, ma in certi casi addirittura ai membri della famiglia reale..." (Dictées - 1975).

1 commento:

andreafranco ha detto...

in merito a questo post mi viene in mente il mio maigret preferito £cheaz les flamands",in cui il commissario preferisce tacere il nome della colpevole.per la verotà non è l unico caso ma stasera ho l influenza e la mente particolarmente annebbiata per ricordarmene