mercoledì 11 gennaio 2012

SIMENON. UN AVVENTURIERO METODICO E ORDINATO

Quante volte la vita di Simenon è stata definita movimentata se non avventurosa?  Il periodo delle navigazioni fluviali sui canali di tutta Europa. Quello dei viaggi ai quattro angoli del mondo. Il suo spostarsi continuamente da Parigi alla Vandea, da Porquerolles alla Normandia. E poi gli stati: il Belgio, la Francia, il Canada, gli Usa, la Svizzera. Le sue trenta abitazioni, le due mogli, i quattro figli, ma anche le diecimila amanti...
Si sarebbe portati a pensare ad una vita disordinata, di quel disordine creativo che nell'immaginario collettivo circonda gli artisti.
No. Siemenon era tutto tranne che disordinato. Preciso, ordinato, programmato al limite del maniacale, nelle piccole e nelle grandi cose. Basti pensare a tutti i rituali della scrittura che a prima vista sembrerebbero quasi dei preparativi propiziatori. Una minuziosa ripetizione di gesti e una metodica preparazione di oggetti e strumenti che non devono cambiare il procedimento della scrittura sia che si trovi a Tucson, a Parigi, in viaggio nella Nuova Zelanda o a bordo del suo Ostrogoth in uno dei porti europei.
Ma anche la programmazione della sua attività di scrittore, che aveva già chiara quando nel '22 sbarcò a Parigi, dimostra il suo ordine mentale. Diciannovenne infatti aveva già previsto le sue tappe letterarie: l'apprendistato con il romanzo popolare, la semi-letteratura e infine i romanzi. E per di più dichiarava che il Nobel non gli sarebbe arrivato prima dei quarant'anni (invece ci andò vicino un paio di volte, ma non l'ebbe mai).
Simenon era disciplinato, soprattutto quando scriveva, andava a letto presto, non beveva, usava sempre le due solite camicie, appuntava su un calendario il lavoro compiuto nella giornata. Tutto con una ripetitività e una costanza che non gli costavano fatica.
Anche dal punta di vista sentimentale la sua iperattività sessuale non interferiva minimamente con la sua famiglia, con i rapporti con le mogli, anche se alla prima Tigy, che era gelosissima,  era costretto a nascondere i suoi numerosi amplessi extra-coniugali, mentre nella seconda, Denyse, trovò quasi una complice che assecondava questa sua "impellenza" e gli favoriva una quieta e ordinata vita familiare. Anche i suoi rapporti sessuali con la Boule, la sua maitresse-femme de chambre di una vita, era fatta di appuntamenti puntuali e metodici, per anni dopo pranzo durante la siesta pomeridiana. Insomma nessun rapporto sentimentale che sconvlgesse il suo ordine precostituito. Una sola volta ci andò vicinissimo, con Josephine Baker, ma allora era ancora molto giovane, ancora in cerca della popolarità e con il timore di essere schiacciato dalla fama della diva del momento. Si fermò ad un passo dal precipizio e fuggì d Parigi con la prima moglie.
Lui stesso dichiarò più volte che "...una mia biografia darebbe l'impressione di una vita tumultuosa e brillante. Non c'è nulla di più falso. Ho viaggiato molto, é vero. Ho visuto in un certo numero di paesi, di case, di castelli. Dappertutto seguivo lo stesso orario. Ogni ora della mia giornata é programmata..." (Mes Dictées/2 - 1975).


1 commento:

Andrea Franco ha detto...

prendo spunto da una frase iniziale di questo post per permettirmi di consigliare il libro "long cours sur les rivieres et canaux",li si potrà apprendere dai reportages di simenon la vita sull ostrogoth e si potrà sapere di piu sul suo viaggio nei porti e canali francesi e del nord europa