mercoledì 9 maggio 2012

SIMENON E L'ISOLA DEL TESORO



Vista di Porquerolles anni '30 ripresa da un pallone aerostatico
In quei primi anni '30 Simenon stava vivendo una fase felice della sua vita. E' finito il periodo di apprendistato rappresentato dalla letteratura popolare. Passa infatti a quella che lui stesso chiama la semi-letteratura (o letteratura semi-alimentare) con il lancio del commissario Maigret che segna anche il momento in cui inizia a firmare i propri libri con il proprio nome, abbandonando gli pseudonimi. Ancora non lo sa, ma di lì a qualche anno entrerà nella prestigiosa maison Gallimard e il suo ingresso ufficiale nella letteratura si sarà compiuto.
E' sposato con Tigy, e con loro convive Boule con il ruolo di femme de chambre, ma anche di maitresse per "il padroncino Georges".
Lo scrittore aveva già scoperto l'isola di Porquerolles nella seconda metà degli anni '20, quando, tra i primi guadagni di Georges e la buona vendita di un paio di quadri da parte di Tigy, la coppia mise insieme un gruzzoletto che permise loro di passare alcuni mesi di vacanza nell'isola che allora era un vero paradiso naturale. Poi una lunga pausa e quindi il ritorno nel 1933. E da quell'anno fino al 1940 soggiornarono tutti gli anni diversi i mesi nell'isola qualche volta anche d'inverno in un casa chiamata Le Tamaris sulla strada per Langoustier.
Vediamo quello che Simenon ha scritto in proposito su Mémoires intimes
"... vi ho passato sette anni, svariati mesi all'anno e quache volta anche tutto l'inverno. Avevo una strana piccola casa proprio in riva al mare, alla fine del porto. A fianco delle casa si ergeva una torre quadrata, assai improbabile, sormontata da un minareto ancor più improbabile. Il gardino traboccava di tamaris. Avevo fatto costruire una banchina dove era ormeggiato il mio 'pointu', ossia la mia barca da pesca, oltre ad atre due barchette..."
Quest'isola era per Georges e Tigy un vero tesoro e segnò l'inizio della passione della pesca per lo scrittore. Che ben presto si fece costruire una barca da pesca più grande e iniziò ad avvalersi di quello che nell'isola era ritenuto il miglior pescatore, un certo Tado. Con lui via per mare, sia per le grandi battute di pesca sia per raccogliere lo stretto necessario per una ricca zuppa di pesce. Un'altra delle "impegnative" attività dell'isola erano le partite di pètanque sulla piazza del paese.
"...Eravamo a volte otto contro otto e le partite, sotto il sole cocente del Sud, duravano due ore e mezzo/tre ore - continua a raccontare Simenon in Mémoires intimesE lì si potevano sentire tutti gli accenti, tutte le imprecazioni in francese e in tutti i dialetti italiani della costa. A partita finita, tutti si andava Chez Maurice, all'Arca di Noè, un piccolo albergo con un simpatico bar...".
Però tra pesca, partite di petanque, bagni, grandi mangiate di pesce la produzione letteraria di Simenon non si fermava. Nemmeno d'estate quando nel suo studio, al piano basso della torre, iniziava a scrivere verso le quattro del mattino per sfuggire alla gran calura del giorno. Tra i titoli scritti sull'isola possiamo ricordare Les fiançailles de Monsieur Hire (1933), Maigret (iniziato a Porquerolles nell'estate del '33), L'évadé, Les clients d'Avrenos, Le coup de lune (tutti scritti nella primavera del '34) e Les demoiselles de Concarneau (iniziato anche lui nella primavera dello stesso anno), e poi nel '36 Le blanc à lunettes e Le testament Donadieu. E ancora, nel 1937 finiva la stesura de L'homme qui regardait passait les trains e scriveva Monsieur La Souris, Touriste de bananes e Le cheval blanc (1938).
Tra quelli citati ci sono alcuni tra i più bei romanzi di Simenon, segno che in quegli anni Porquerolles fu davvero l'isola di un tesoro, soprattutto letterario.
 

3 commenti:

Andrea Franco ha detto...

diverse opere di simenon sono ambientate a porquerolles:le grand lagoustier(scitto nel 31),un racconto lungo con mprotagonista g7/sancette,le clan des mahe,mon ami maigret

Andrea Franco ha detto...

naturalmente ho citato le prime che mi sono venute in mente,non appena avrò un attimo di tempo vedrò di completare il mio intervento

Andrea Franco ha detto...

nel frattempo vi segnalo un libro su porquerolles dell illustratore loustal (colui che ha illustrato vari simenon:menaces de mort,Le témoignage de l'enfant de chœur,On ne tue pas les pauvres types,ceux du grand café,le client plus obstine du monde,l inspecteur malgracieux,les freres rico e touristes des bananes).i primi sei sono racconti con maigret