giovedì 5 marzo 2015

SIMENON SIMENON. CAPITANO DI LUNGO CORSO... DAI CANALI AI ROMANZI


Quattro metri di lunghezza per poco più di uno e mezzo di largezza, poco meno di una tonellata, motore Johnson da 3 CV e un tendalino: costo 5800 franchi. Questa, tutto sommato, modesta barchetta rappresenta nel 1928 l'inizio dell'attività di navigazione dello scrittore. Il nome è tutto un programma, La Ginette, sà di qualcosa fatto in casa... ed in effetti Simenon la completa con l'attrezzatura per il campeggio nautico, con una canoa al traino, con il necessario per cucinare. Equipggio: lui, il comandante Sim, Tigy sua moglie, Boule la loro femme de chambre e il cane Olaf (nell'equipaggiamento, anche una tenda da montare sulla riva durante le soste notturne, per far dormire a terra Boule e Olaf).
Il salto avviene l'anno dopo con quella che si fa costruire a Fécamp. E' l'Ostrogoth (già il nome ha un'altra importanza "perchè - dice Simenon stesso - ha la rudezza del nostro antico antenato"). Siamo su un altro livello, l'imbarcazione è lunga ben dieci metri e pesa più di 4 tonnellate, con una chiglia adatta ad affrontare il mare e non solo i canali. A bordo c'è anche una cabina riscaldata dove Simenon può scrivere e Boule nel frattempo può cucinare. Per  di più riesce a farlo battezzare dal curato di Notre Dame con una pomposa cemonia.
Con l'Ostrogoth, (e sempre lo stesso equipaggio) capitan Sim può far rotta sulle mete dell'Europa settentrinonale: Amsterdam, il mar del Nord, le coste olandesi e quelle tedesche. E poi ancora i Paesi Bassi, Stavoren e Delfzijl dove deve far sosta per alcune riparazioni allo scafo. E qui, secondo la leggenda, come poi la racconterà lo scrittore, sarebbe nata la figura del commissario Maigret. Ma non fu così in realtà, perchè questo protagonista era già stato inserito in altri romanzi brevi o racconti...  ma di tutto ciò ci siamo già occupati (Nasce Migret. La versione di Georges e Nasce Maigret. Come é andata davvero) e qui il nostro interesse è questa veste di un marinaio, che a poco più di venticinque anni, vuole iniziare a conosocere il mondo. Potremmo dire che l'Ostrogoth è il suo vero e proprio trampolino di lancio in quella dimensione del viaggio, che grande importanza avrà per lui stesso e per i romanzi che andrà a scrivere negli anni a seguire. Quei viaggi che lo porteranno in Africa, in Polinesia, nell'America del Sud, e che gli faranno conoscere popolazioni assai diverse tra loro, ma nelle quali Simenon andrà alla ricerca del famoso "uomo nudo", cioè di quell'insieme di elementi che a di là delle razze, della cultura, del colore della pelle, dello status socile, delle convenzioni e delle tradizioni, costituiscono l'uomo universale.
"... Io mi avvicino all'uomo, all'uomo nudo - diceva infatti Simenon nel saggio Le Romancier (1945) - dell'uomo faccia a faccia con il suo destino che io credo sia il meccanismo supremo del romanzo...".

Nessun commento: