giovedì 15 agosto 2013

SIMENON. SE MAIGRET INDAGA D'AGOSTO

Illustrazione di Ferenc Pintèr per la serie Maigret di Mondadori
"...le finestre, benchè aperte, non davano alcuna frescura: anzi, facevano entrare un'aria calda che sembrava salire dal'asfalto molle dalle pietre infuocate, dalla stessa Senna che pareva sul punto di fumare come una pentola sul fuoco. I tassì, gli autobus sul ponte Saint-Michel cammniavano più lenti del solito, sembravano trascinarsi....".
In Maigret tend un piége (Presses de La Citè - 1958), Simenon fa piombare il lettore, sin dalla prima pagina, nella torrida estate parigina e la sua afa di un agosto soffocante.
Eh già, perchè fanno da sfondo alle sue inchieste non solo le brume invernali dei canali, le nebbie notturne nei boulevard cittadini, o la pioggia battente sui marciapiedi e sullo scalone di Quai des Orfèvres. Molte delle inchieste si svolgono d'estate al caldo (a Parigi e altrove) con un commissario che, non solo dice ovviamente addio al suo cappotto con il collo di velluto e al suo chapeau-melon, ma che spesso si toglie, anche in ufficio, la giacca e addirittura la cravatta, come succede appunto in Maigret tend un piége. Il clima continentale non perdona e il caldo d'estate nella capitale francese dà del filo da torcere ai suoi abitabti.
Maigret, non rinuncia alla sua pipa, ma lavora con le maniche rimboccate. La birra fresca è un classico della stagione calda. Che venga su dalla brasserie Dauphine, che sia consumata da solo con uno dei suoi ispettori in qualche ombroso e riparato bistrot, o addiritura bevuta a casa, è la bevanda che ritroviamo più spesso nelle inchieste "bollenti" di Maigret.
Intanto spesso c'è una Parigi quasi disabitata.
"....in quel momento c'erano a Parigi, a causa delle ferie e del caldo, strade in cui passavano parecchi minuti prima di scorgere qualcuno. Maigret ricordava le strade del Mezzogiorno, l'estate all'ora della siesta, con le persiane chiuse, il  torpore pomeridiano di tutto il villaggio o di tutta una città, sotto il sole pesante. Oggi c'erano a Montmartre strade quasi simili...". E' la Parigi d'agosto in cui Maigret da la caccia ad un omicida seriale, cui si appresta a tendere un trappola con un'organizzazione in grande stile, che coinvolge molti tra ispettori, agenti e non solo di Quai des Orfevres.
Nonostante il caldo e l'afa, la macchina della polizia non si ferma... anche se con qualche pausa "....per circa un ora, solo nel suo ufficio, lesse e rilesse i verbali dell'interrogatorio... dopodichè sprofondò nella sua poltrona, con la camicia aperta sul petto, sembrò sonnecchiare davanti alla finestra...". E se al caldo estivo, si sommano lo stress degli interrogatori, il logorìo delle notti passate negli appostamenti, si capisce che la fine di un'inchiesta é una vera liberazione.
"...uno degli autisti gli chiese se desiderava la macchina, e lui fece cenno di no.
Aveva voglia prima di tutto di andarsi a sedere sulla terrazza della Birreria Dauphine...
- Una birra commissario?
Con ironia nella voce, un'ironia rivolta a sé stesso, rispose alzando gli occhi:
- Due!"

2 commenti:

  1. mi vengono in mente inchieste agostane oltre a quella citata come l ami d enfance de maigret,maigret s'amuse e maigret et l homme tout seul

    RispondiElimina
  2. Murielle Wenger16 agosto 2013 10:24

    Et "Signé Picpus", peut-être l'enquête, à part "Maigret tend un piège", la plus "aoûtienne" du corpus: voir en particulier ces quelques phrases tirées du premier chapitre, qui résument bien l'atmosphère de l'été parisien selon Simenon: "Maigret […] est debout dans le soleil et s'éponge.[...] On est en août. Paris sent le bitume.[...] Un soleil triomphant éclaire Paris qui grouille [...] Toujours du soleil, des teintes vives, des terrasses où il fait si bon vivre devant de la bière fraîche. "

    Maurizio, bravo pour ta très jolie analyse de "Maigret tend un piège", et de Maigret dans la chaleur de l'été !

    RispondiElimina

LASCIATE QUI I VOSTRI COMMENTI, LE VOSTRE IMPRESSIONI LE PRECISAZIONI ANCHE LE CRITICHE E I VOSTRI CONTRIBUTI.