giovedì 1 settembre 2011

SIMENON. SETTEMBRE 1929, IL "CAPITANO" VEDE... MAIGRET A DELFZIJL E DOPO 37 ANNI...

Negli ultimi anni venti, la passione di Simenon era quella di andar su e giù per i canali francesi e non solo. Capitan Simenon infatti, come lo raffiguravano certi caricaturisti dell'epoca, faceva scorribande tutto l'anno arrivando in Belgio, Olanda fin al Mar del Nord, prima con una piccola imbarcazione di quattro metri e poco più larga di un metro e mezzo, La Ginette, e poi l'Osthrogoth un'imbarcazione di ben altro cabotaggio, lunga dieci metri e larga fino a quattro.
In queste sue peregrinazioni, proprio a settembre, mentre si trovava a Delfzijl (porto olandese) dovette fermarsi per far riparare lo scafo. In quella pausa forzata Simenon narra come via via gli sia apparsa sempre più chiara la figura del suo nuovo eroe... un certo commissario di polizia... che si sarebe poi chiamato Maigret.
Questa, come abbiamo scritto, è la nascita del personaggio secondo le parole dell'autore, ma forse le cose non sono prorpio andate così (vedi i post del 28 marzo Nasce Maigret. La versione di Georges  e quello del 29 marzo Nasce Maigret. Come è andata davvero. ).
Ci interessa Delfzijl anche perchè lì, qualche anno dopo, ci fu il suggello del successo mondiale del personaggio di Maigret con l'erezione di una statua dedicata al celebre commissario, con tanto di presenza dl Simenon e di quasi tutti gli attori di tutto il mondo che avevano interpretato Maigret sul piccolo schermo,
dal nostro Gino Cervi al giapponese Kinya Aikawa, dall'inglese Charles Laughton al francese Jean Richard al russo Boris Ténine...Trentasette anni dopo che Simenon aveva, come sosteneva lui, immaginato il commissario, nello stesso luogo si celebrava non tanto quel piccolo monumento, ma l'imprimatur della speciale e rarissima, se non unica, qualità di Simenon. Quella di essere riuscito a divenire un romanziere, apprezzato dalla critica, amatissimo dai lettori, ad un passo dal Nobel per la Letteratura e nello stesso tempo capace di creare un personaggio popolare e famoso in tutto il mondo. Talmente famoso, da essere ripreso al cinema da attori come Jean Gabin e da godere di un grande successo di pubblico sulle televisioni di quasi tutto il mondo.

Nessun commento: