mercoledì 18 maggio 2011

SIMENON. FOTOGENICO O FOTOFANATICO ?

Sono tante. Le immagini fotografiche di Simenon, almeno da quando viveva a Parigi documentano, potremo dire, passo passo la sua vita, la sua scalata alla popolarità, i suoi spostamenti e i numerosi viaggi.
Abbiamo già detto che Simenon era molto attento alla comunicazione, o meglio alla comunicazione di tutto ciò che lo riguardava, e la fotografia era il mezzo più immediato, a volta più espressivo e completo per far passare un messaggio. 
Non scordiamo che fu lui a puntare i piedi perché Fayard, per la prima collana dei Maigret, utilizzasse delle copertine fotografiche, assolutamente inedite per l'epoca.
La fotografia insomma sembra fosse tenuta in una notevole considerazione dallo scrittore.
Però, se dovessimo dar retta a quanto scriveva, dovremmo affermare il contrario.
Mentre era in America, a Brenton Beach infatti in una lettera a Frédric Dard si lamentava "Ecco io non ho foto. Ho sempre avuto orrore dei fotografi".
E' difficile dare credito a queste parole, quando constatiamo che quasi ogni momento della sua vita pubblica, ma anche di quella privata, è fotograficamente documentata.
Volete una foto del giovanissimo "Sim" alla macchina da scrivere? Eccolo bello in posa, sorridente, con la pipa in bocca. Lo volete un po' più maturo a 30 o 40 anni? Nessuna problema, anche qui con pipa in bocca o in mano. Appena anziano o già vecchio, sempre al tavolo da lavoro con le pipe, le matite, la busta giallla... tutto al completo? Ci sono anche queste. E nell'intimità, a giocare con Marc il primo figlio? C'é pure quella. E poi insieme a Jospehine Baker in una cave a far baldoria... Nessun problema, un bel gruppo dove è compresa anche la moglie Tigy. E ancora con Tigy e la sua femme de chambre in barca sui canali della Francia e non solo? A disposizione quante ne volete. E nel backstage dei film con Gabin? Un buona serie di scatti. Come pure con Fellini e Giulietta Masina a Cannes, c'è da scegliere. Molte foto anche con la seconda moglie Denyse. In America soprattutto, sui translatantici, nei quadretti familiari a Rock-Shadow-Farm con Denyse, Johnny e Marie-Jo. E poi lui. Lui scrittore al tavolo della creatività. Lui giovane dandy del giro culturale parigino. Lui nobil signore di campagna a La Richardière o a Fontenay-le-Comte. Lui in tenuta da cow-boy in camicia a scacchi, cappellone e stivali a sorvegliare una delle sue tenute americane. Lui con kepi e sahariana nel bel mezzo dei suoi viaggi nel cuore dell'Africa. Lui a Quai des Orfévres, fuori, dentro, nell'archivio, nella sala operativa, nell'ufficio del commissario capo. Lui ormai vecchio, quasi in carrozzina accanto all'ultima donna della sua vita, Teresa.
Insomma si potrebbe continuare quasi all'infinito. E per uno che affermava di odiare i fotografi, pare un paradosso. Sembra infatti che quando si verificasse qualcosa di importante, i fotografi lo sapessero e stessero lì pronti a coglierlo nella posa più significativa. Ma la cosa che fa davvero un certo effetto è che, in ogni foto che possiate vedere, con lui c'è sempre un pipa. O stretta tra i denti, o tenuta in mano, o poggiata vicino, o che spunta da una qualche parte, insomma siate pur certi che nell'inquadratura una pipa viene inevitabilmente fuori. Insomma, a parte le rare istantanee scattate quando Simenon era bambino, è quasi un sfida impossibile trovare un suo ritratto fotografico dove la pipa non sia in primo piano, come comprimario dello scrittore. E non crediamo fosse casuale. Averla con sé era così essenziale? Senza forse Simenon non si sarebbe sentito Simenon? Almeno in foto...

Nessun commento: