sabato 14 maggio 2011

SIMENON: I MIEI ROMANZI QUESTI SCONOSCIUTI

Sette-otto giorni di media per terminare un romanzo. Questi sono i tempi ormai noti. E dopo? Simenon aveva sempre una gran fretta. Mentre scriveva, perché era in état de roman e quindi doveva finire prima che questa condizione teminasse. Quando per una malattia o per qualche grave impedimento li era capitato di smettere, dopo non era più stato in grado di continuare. Un lasso di tempo di tre quattro giorni di pausa e non riusciva più ad entrare nella vicenda, nei personaggi, si sentiva estraneo a quello che lui stesso aveva scritto.
Così come, una volta terminata la sua storia, nel giro di tre/quattro giorni doveva fare la revisione perché anche qui altrimenti non si riconosceva più in quello che aveva appena finito.
"...per esempio adesso non credo più al mio ultimo romanzo, che per quello che mi riguarda ha smesso di esistere - spiega Simenon in un'intervista - Ci credo mentre lo sto scrivendo e ci credo anche subito dopo. Allora occorre che mi sbrighi a fare la revisione... finita la quale, vengono fatte delle fotocopie, per spedirle all'editore e per inserirle nel mio archivio. Non ho mai riletto uno dei miei romanzi..."
In effetti tutto il lavoro editoriale veniva poi fatto dalla casa editrice e Simenon se ne disinteressava del tutto. Tanto era la concentrazione e lo sforzo nella fase creativa, tanto era il distacco da quella che lo scrittore considerava un'esperienza vissuta e terminata, sulla quale non c'era alcun motivo di tornarci sopra.
Però spiegava che una sorta di ritorno, ad un certo punto, si verificava.
"... dopo tre, quattro anni dalla pubblicazione, quando è stato tradotto in un trentina di lingue e le critiche sono arrivate da ogni parte. Bene, allora mia moglia mi fa vedere le più significative e così conosco la reazione del pubblico dei diversi paesi. E in qualche modo il romanzo mi ritorna, si ripropone visto dagli occhi degli altri, di tutti quelli che l'hanno letto... Allora mi capita di ricominiciare ad amarlo...".

2 commenti:

Alex B. ha detto...

A wonderful blog, thanks very much for regular updates.

Maurizio Testa ha detto...

Tanks, Alex!