giovedì 11 luglio 2013

SIMENON E IL MUSEO PERMANENTE A LIEGI. PARLA JOHN


Abbiamo avuto occasione di leggere un'intervista al figlio di Georges, John, sul quotidiano belga La Libre. Oltre ad alcune cose interessanti, come la donazione della propria eredità paterna di documenti ed oggetti alla Fondazione Re Baldovino (che collabora con la Fondazione Georges Simenon dell'Università di Liegi), si parla del prossimo museo permanente dedicato al romanziere che dovrebbe nascere nella sua città natale. Ne abbiamo scritto già parecchio tempo fa' e poi anche l'anno scorso (vedi i post 2015 un museo permanente a Liegi del 20/11/2010 e Opere e documenti... tutti insieme del 10/11/2012).
Oggi ci torniamo su grazie appunto all'intervista succitata. Ma che museo sarà? John preferisce parlare di un centro museale.
"...E' al di là del concetto statico e un po' polveroso dei musei tradizionali e dovrà offrire anche le nuove esperienze delle tecnologie interattive, la sua "mission" sarà anche il punto di forza e di partenza per un gran numero di attività turistiche e culturali per l'intera città di Liegi e la sua regione. Stiamo studiando in associazione con Lonely Planet la possibilità di una "Liege booktown" una città di scrittori, con delle lezioni, un abbinamento con "Chats Palace", la riunione annuale della magistratura e dei media al "Festival Simenon des Sables d'Olonne, la creazione di un premio letterario Simenon -  racconta John Simenon a La Libre - ... l'universo simenoniano è incredibilmente ricco, e
non sarà difficile fare appello a tutti gli argomenti (scrittura, viaggi, gastronomia ...) per alimentare tutti i progetti interessanti che non potranno mancare. E, indipendentemente dalla posizione centrale del museo, è necessario che la città intera vinca questa sfida...".
La sede del centro museale permanente Georges Simenon dovrà essere, secondo John, la Boverie la zona sud dell'isola Outremeuse (circondata dal fiume Meuse e da una sua derivazione), un luogo dove sorgono già il Palazzo delle Belle Arti e il Palazzo dei Congressi.
Secondo le previsioni l'opera avrebbe dovuto vedere la luce nel 2015, ma nell'articolo non si fa cenno se l'ipotesi sarà confermata o meno.
Comunque abbiamo riportato il link all'articolo completo nella nostra rassegna stampa in data 10/07/2013.

1 commento:

Andrea Franco ha detto...

è un bel progetto quello di riportare simenon nella sua liegi.la città belga riccorre spesso nelle sie opere,anche quando non è direttamente nominata diverse molte l ambientazione la ricorda
(tipo le temoignage d el enfant de choeur"un maigret intriso dei ricordi del simenon bambino)