lunedì 10 marzo 2014

SIMENON SIMENON. QUANDO SI SPENSE LA PIPA DI GEORGES

Torniamo con la nostra celebrazione 
dei 25 anni dalla scomparsa di Simenon. 
Questa volta ci occupiamo di quello che
il 7 settembre 1989 il quotidiano "La Repubblica" 
dedicò allo scrittore.
Fà parte di quelle testimonianze 
che ogni tanto abbiamo dato e che 
continueremo a dare nel corso dell'anno 
per ricordare e capire come in quel momento 
fu accolta la morte di Simenon dai quotidiani italiani e stranieri.


E' il paginone centrale de La Repubblica, quello dedicato alla cultura, che titola le due pagine affiancate: "Si è spenta la pipa di Simenon". Il quotidiano fondato da Eugenio Scalfari, di cui era allora direttore, affida il pezzo di apertura a Corrado Augias, il cui titolo recita "Un Maigret con i miliardi", dove afferma "...ha dato al nostro secolo 225 o forse 246 romanzi (sulla cifra esatta esistono contrastanti opinioni) quasi tutti di eccellente qualità. Alcuni addirittura dei capolavori... Con la gente comune non si fanno grandi romanzi; neanche grandi romanzi polizieschi. E infatti la sua abilità di costruttore di plot sta nel far trovare questa gente comune proiettata di colpo in una vicenda che la supera, scagliandola al di là del destino che si credeva stabilito per lei. E nel fargli toccare il fondo di questa condizione inattesa...".
Augias, dopo aver ripercoro le tappe più significative della vita del romanziere, chiude accennando al suo essere, in fin dei conti, un borghese proprio come Maigret, ma purtroppo, secondo lui, rovinato, come uomo, dai troppi miliardi che il suo successo di scrittore gli aveva procurato. Sulla pagina di destra, Irene Bignardi ci parla de "L'uomo dai cento volti", riferendosi ai tanti attori che hanno interpretato il celebre commissario in televisione e al cinema, ma trattando anche delle numerose pellicole tratte dai romanzi di Simenon. In un riquadro centrale in basso  senza titolo, vengno passati in rassegna i titoli più famosi e popolari dei romanzi e dei Maigret.

Nessun commento: