sabato 2 luglio 2011

SIMENON. LA PICCOLA MARIE E' LA PIU' FORTE

"...Dimostrava a malapena quindici anni nel suo talleurino nero che si era fatta fare due anni prima per la morte della madre... Marie, serviva, soffiandosi di tanto in tanto il naso, ma....in tutta la mattina nessuno l'aveva vista piangere...con la sua aria di non guardare nessuno, sempre con lo sguardo perso nel vuoto e le palpebbre che si abbassavano non appena qualcuno la osservava".
Così Simenon ci presenta la protagonista nelle prime pagine di uno dei suoi migliori romanzi (ma quante volte abbiamo potuto non usare questa espressione?). Sono tutti al funerale del padre, pescatore pure lui, i cinque fratelli orfani abitano in Normandia, in un paesino di gente di mare, Port-en-Bessin, facce dure segnate dal sole e dalla salsedine, abituati agli schiaffi delle onde dell'oceano, alle reti che spesso tornano su vuote, a stringere la cinta e ad un bicchiere, quando sbarcano, buttato giù al caffè del porto.
Al funerale sono venute le famiglie degli zii, consapevoli che dovranno discutere per dividersi gli orfani. Non tutti però. La più grande, Odile, che Simenon ci presenta come una sorta di contraltare della piccola Marie, che in realtà ha più di diciassette anni, é invece già sistemata con un amante, proprietario di un caffè, di un cinema a Cherbourg e che si sposta con una bella macchina.
"...Odile che si era messa in lutto stretto per venire a Cherbourg, ma che sotto il velo era truccata come un'attrice". E questo già inquadra il personaggio. Se poi qualcuno ricorda come Simenon non amasse le donne con trucchi e belletti, si capirà a fondo il tonon e il significato di quel "truccata come un'attrice".
Ma torniamo a Marie che nella spartizione è giudicata troppo grande per essere mantenuta da qualcuno e che gli zii pensano possa sistemarsi a servizio in una famiglia della città.
Ma già qui viene fuori il carattere di Marie, lei un posto già ce l'ha. Lavora al Cafè De la Marine di Port-en-Bassin e lì vuole restare. Cento franchi al mese per  le pulizie e per qualsiasi altra cosa di cui ci fosse bisogno. E' diversa dalla sorella Odile non solo fisicamente "...quasi piatta di seno, e con i fianchi lunghi e il ventre bombato, i capelli dritti e quasi sempre spettinati, non si curava degli altri e meno ancora  di compiacerli. Li guardava di sottecchi. Sicuramente pensava qualcosa ma se lo teneva per sè...".
Tutt'altra musica per Odile
"...era una bombolotta, con le carni tenere e rosate, la pelle fina, gli occhioni infantili e l'aria docile e sottomessa. Arrossiva o piangeva per un'inezia e si arrabbattava per accontentare tutti...".
Marie la vince su tutti, anche su Chatelard, che l'avrebbe voluta a lavorare al suo locale, il Café Chatelard a Cherbourg, ma anche a vivere casa con lui e Odile. La ragazza, nonostante fosse ancora giovanissima e non avesse certo charme, aveva risvegliato in lui dei desideri e non gli sarebbe dispiaciuto fosse diventata la sua amante. Intanto Marie la spunta anche sulle insistenze della sorella, resterà a Port-en-Bassin.
Ma ormai Chatelard le ha messo gli occhi addosso. Se non può averla a casa, sarà lui ad andare a Port-en-Bassin, avendo appena acquistato un barca lì, dovrà ogni settimana andarla a controllare.
E per Chatelard ogni occasione per fare il filo a Marie è buona. Ma lei ha un fidanzato, non un vecchio (in realtà Chatelard aveva trentacinque anni), ma un suo coetaneo, un certo Marcel Viau, che altri non era che il figlio della proprietario della barca che proprio Chatelard aveva acquistato, dal proprietario che, sommerso dai debiti, l'aveva dovuta mettere all'asta dopo una vita lavoro e sacrifici.
Marie e Marcel sono coetanei, e lui si accorge di quel grassone che non solo ha portato via la barca a suo padre, ma non fà che gironzolare intorno a Marie. Lui si fa insistente e geloso e lei inizia a respingerlo. Marcel alla fine decide di uccidere il rivale. Ci prova, gli spara, ma manca il colpo, segue una colluttazione in cui Cahtelard ha la meglio, ma spezza un braccio al ragazzo.
La situazione è complicata, certo Marcel ha cercato di ucciderlo, ma ha forse ecceduto nella leggitima difesa e poi Chaterlard è quello che ha portato via la barca al padre. A nessuno dei due conviene che la polizia ci metta il naso. Così se lo porta a casa lo fa curare e lo affida per la convalescenza alle mani di Odile.
Marie un giorno scopre a letto sua sorella con Marcel ed è l'inzio della fine per Odile che allontanta da Chatelard va a vivere con la sorella a Port-en-Bassin non sospettando che sarà proprio Marie, che pian piano prenderà il suo posto e che coronerà il suo sogno di aver un marito, un pescatore, (Chatelard è stufo del cinema e del bar), che le costruirà una di quelle case rosse, come lei aveva sempre sognato. E Odile finirà a Parigi. La vera perdente del romanzo è lei.
Marie invece tiene testa a tutti, ha un suo obiettivo sin dall'inizio o anche lei è guidata dal destino? Anche lei passa la linea, ma questa volta il salto è benefico, la sua vita cambierà in meglio da una trasparente e insignificante cameriera ad un donna che vedrà soddisfatti i propri songni. E Chatelard che all'inizio sembra attirare il disprezzo del lettore, alla fine cambia o lo fa cambiare Marie?

1 commento:

Anonimo ha detto...

generic carisoprodol where to buy soma bikes - soma drug carisoprodol