venerdì 1 luglio 2011

SIMENON. DENYSE PASSIONE E MATRIMONIO

Cercava una segretaria, trovò un'amante e una moglie da cui ebbe tre figli. E in più dall'incontro trasse un romanzo, uno dei suoi capolavori. Detta così potrebbe sembrare riduttiva, magari espressa in modo un po' troppo scarno, ma il succo della faccenda é questo, anche se si tratta di uno dei momenti nodali della vita di Simenon. 
1945. Simenon con la moglie Tigy e il figlio Marc è in fuga dalla Francia (accusato non proprio di collaborazionismo ma di una certa familiarità con il governo Petain) e dopo un soggiorno in Inghilterra, s'imbarca per l'America. Arrivato a New York si rende conto che per il suo lavoro, e non solo, avrà bisogno di una segretaria personale bilingue francese-inglese. Così mette annunci sui giornali, ma senza risultati soddifacenti, mentre un suo amico giornalista gli dice che ne conosce una che farebbe proprio al caso suo.
Il 4 luglio Simenon riceve una telefonta. E' lei. Decidono di incontrarsi al Brussel's, un ristorante non lontano da Central Park.
Lei sembra effettivamente la persona giusta. Denise Ouimet, giovane, magra, non ancora 25 anni, buona famiglia, ricca borghesia cattolica di Ottawa, avvocati, alti funzionari, giornalisti... E' perfettamente bilingue, non a caso lavora presso il servizio d'informazione britannico a Philadelphia. Il carattere non le manca.
Appena Simenon arriva, lei mette subito in chiaro:
"E' mezz'ora che vi aspetto. Se nella borsetta non avessi avuto solo uno cheque, me ne sarei già andata da un bel po'. Ma mi hanno servito un cocktail, poi un altro e io non avevo contanti per pagare... - fece senza nemmeno sapere chi era Siemenon e quanto fosse famoso -  Non so se voglio fare la vostra segretaria e alle tre e mezza ho un appuntamento all'hotel Astoria con il direttore per il Canada di Air Liquide... Cercano una segretaria.."
Partiti con il piede sbagliato, non ci misero molto a recuperare. Dopo qualche ora erano di nuovo insieme per un drink al Drake e alle 19, poco più tardi, cinque ore da quando si erano conosciuti, stavano già facendo l'amore. Per Simenon era stato davvero uno shock: "...conobbi per la prima volta quello che si chiama passione, una vera e propria febbre che qualcuno, compresi psicologi e medici, assimilano ad una malattia... e io che non credevo ai colpi di fulmine...".
In realtà si stava ripetendo quello che era successo con Josephine Baker, ma allora lui era un ragazzo di poco più di vent'anni, lei una grande star... Adesso era lui un affermato scrittore quarantenne e lei la giovane.
Giovane ma già molto sicura di sè. Infatti quel discorso al Brussel's era una tattica, lo racconta lei stessa: "...fin da quando sentii la sua voce per telefono rimasi incantata. Volevo dimostragli che non ero la solita giovane canadese pronta a correre dietro agli europei. Dopo mezz'ora mi ero già innamorata...".
Prese posto in casa Simenon (allora a Sainte -Marguerite-du-Lac-Masson, Canada) come segretaria personale, cercando di far sembrare tutto come una prassi normale. Ma Georges era completamente frastornato da quel rapporto. Si sentiva scombussolato, per uno preciso, abitudinario e un po' maniacale come lui quella donna cambiava tutto.
L'impellenza di scrivere, l'état de roman, il desiderio di confrontarsi con un tema nuovo come quello della passione lo spinse a scrivere Trois chcambres a Manhattan, che è in gran parte la trasposizione romanzata di quel loro primo incontro: "Scrissi il romanzo a caldo. E' uno dei rari romanzi che ho scritto a caldo e questo mi fece un po' paura..." Già, l'ingresso di Denise nella sua vita aveva cambiato addirittura il suo rituale di scrittura?
Altro cambiamento Trois chambres a Manhattan fu il primo romanzo non pubblicato da Galliamard, ma da quella che sarà la sua casa editrice fino al suo ultimo libro, Presses de La Cité.
Ma torniamo a Denise che Simenon ribatezzò Denyse con la "y", come volle che lei lo chiamasse Jo, dopo che aveva saputo che aveva avuto un fidanzato che si chiamva Georges come lui. Una questione di nomi, di un qualche gelosia, ma forse anche un modo per iniziare la loro storia come fossero una coppia nuova.
La loro relazione si fa sempre meno clandestina, Tigy stessa si rende conto che uno dei motivi del declino della loro unione é proprio Denyse. La situazione si ufficializzò in due momenti. Il primo fu settembre del '49 quando Denyse dette alla luce Johnny, che così fu il secondo figlio di Georges e il secondo a giugno del 1950 quando Georges divorziò da Tigy e il giorno dopo sposò Denyse.
La loro fu una relazione in cui il sesso, al contrario di quanto era successo con Tigy, contava molto. Denyse sapeva delle pulsioni sessuali di Georges, le assecondava, capitava anzi che lo accompagnasse ai bordelli e che addirittura prendesse parte talvolta alle performance sessuali del marito con l'amante di turno (segue).

Nessun commento:

Posta un commento

LASCIATE QUI I VOSTRI COMMENTI, LE VOSTRE IMPRESSIONI LE PRECISAZIONI ANCHE LE CRITICHE E I VOSTRI CONTRIBUTI.