venerdì 29 luglio 2011

SIMENON. QUANDO MAIGRET INDAGA E AGGIUSTA I DESTINI

Era luglio, precisamente di ottanta anni fa' e Simenon a bordo del suo Ostrogoth aveva raggiunto Morsang navigando sull'Orge, (un affluente della Senna, nell'Ile de France ad una ventina di chilometri da Parigi). Qui si ferma per qualche tempo, più o meno quello necessario a scrivere la sua nona inchiesta: Maigret au rendez vous des Terre-Neuvas.
Questo libro è importante non solo perchè il personaggio si delinea più chiaramente, ma anche perché fà la sua comparsa una di quelle che sarà le una delle sue caratteristiche peculiari: "comprendere e non giudicare". E in conseguenza a questa sua convinzione gli verrà affidato il soprannome di riparatore di destini. Il commissario infatti, spesso nelle inchieste seguenti, quando potrà e riterrà che legge e giustizia non coincidano, decide di non agire o di dare un piccolo aiuto in modo che le cose si aggiustino, appunto, secondo giustizia. Certo qui si apre l'interminabile dibattito se un poliziotto possa o no interferire nel ruolo di giudicare che spetta alla magistratura. Ma questa è un'altra storia e questo non è il luogo adeguato per aprire una tale discussione.  Comunque per Maigret comprendere vuol dire conoscere, andare a fondo delle motivazioni umane, capire le mentalità, i significati più profondi di certe azioni e quindi talvolta giustificare certe situazioni.
Questa è una della differenze su cui, rispetto ai gialli in voga in quegli anni, Simenon costruisce il personaggio di Maigret. Ed é uno di vari motivi per cui Fayard in un primo momento non voleva  pubblicare le storie di quello strano funzionario di Quai des Orfévres. E quindi non è solo nei romans-durs che Simenon scava nell'animo delle persone, cercando il famoso uomo nudo, anche nelle inchieste del commissario  si avverte questa esigenza. Insomma anche se il romanziere aveva deciso di dedicare la seconda fase della sua produzione letterariaria al genere giallo (a proposito leggi il post del 21 gennaio scorso Ma perchè Simenon iniziò a scrivere polizieschi?) non rinuncia alla sua impronta narrativa anche se una produzione seriale come quella di Maigret gli imponeva dei paletti e dei limiti.
La trama racconta di un commissario in vacanza con la moglie in Alsazia dove viene coinvolto in un'inchiesta che sarebbe fuori la sua giurisdizione, ma dove agisce coinvolto da un vecchio amico. E' la storia dell'omicidio di un capitano di un peschereccio e di un sospettato accusato senza prove. Il Rendez-Vous des Terres-Neuvas è un caffè di Fécamp dove il commissario inizia le sue discrete e sornioni indagini tra rude gente di mare, di poche parole e ancor meno confidenze. Intanto Maigret inizia a scavare nel passato e scopre un'altro assassinio. Il colpevole alla fine viene stanato, ma una serie di motivazioni fanno decidere al commissario di non dar corso a nessuna denuncia e di tornare a Parigi lasciando la vicenda e i protagonisti al loro destino.
Va sottilineato il capitolo in cui il commissario chiuso in una cabina che, dopo aver assorbito mentalità e atmosfera del posto, ricostruisce tutto l'accaduto. E' un pezzo di bravura e molto, molto significativo per quanto riguarda il personaggio di Maigret e di come si svelerà man mano nelle successive inchieste.

Nessun commento: