lunedì 4 luglio 2011

SIMENON. IN ARRIVO UN ASSASSINO E UN OMICIDA... ESTIVI

Estivi non vuole avere certo essere una connotazione di giudizio. Si sa l'estate, sotto l'ombrellone o sotto un pino, con più tempo libero a disposizione, la gente legge di più, etc. etc. etc. Ed é un fatto che ogni anno, con l'approssimarsi delle vacanze, l'Adelphi sforna per il pubblico degli appassionati un romanzo e un Maigret di Simenon.
Insomma due dei quattro/cinque titoli simenoniani che l'Aldephi pubblica durate l'anno ormai da anni, con cadenza invariata, arrivano verso luglio.
E infatti da qualche giorno è uscito l'Assassino (L'Assassin - Gallimard 1937) un romanzo scritto nel dicembre di due anni prima, durante un soggiorno in Savoia.
L'altro è invece un'inchesta del commissario, che però deve ancora apparire sugli scaffali delle librerie, Maigret e l'omicida (Maigret et le Tueur - Presses de La Cité 1969).
L'accoppiata tra l'assassino del romanzo e l'omicida di Maigret non tragga in inganno. Sono due personaggi differenti e due storie su piani e toni differenti.
L'Assassino è Kupèrus, un medico stimato, ma marito ingelosito perché scopre, a causa di una lettera anonima, che la moglie Alice lo tradisce con un'altrettanto rispettabile esponente della sua stessa cittadina, l'avvocato Shutter (peraltro Presidente dell'Accademia del Biliardo che lui stesso frequenta). Un giorno decide di vendicarsi, uccidendoli entrambe. Da quel momento l'esistenza del dottore protagonista compie un salto e assistiamo  alle conseguenze di quel passaggio della linea, concetto che ricorre spesso negli scritti simenoniani. Kupérus cercherà di far prendere alla sua bonne, Neel, il posto della moglie, arrivando a farle indossare i suoi vestiti. Ma mentre tre i due si instaura una dinamica di attrazione-repulsione, nella cittadina girano sempre più insistenti le voci indicano il medico come responsabile della morte dei due amanti. Kupérus è pian piano lasciato sempre più solo, la gente mormora sempre più, sa ma non parla, eppure viene inesorabilmente emarginato e c'è chi vorrebbe che lasciasse la cittadina
Non potrà essere più lo stimato e riconosciuto medico della società, senza rumori e senza clamori la "sua" gente gli sta disconoscendo quello dignità e quel riconoscimento sociale che lo riducono in un estraneo.
Nell'inchesta di Maigret invece c'è un assassino che ha ucciso una persona che aveva l'abitudine di registrare i discorsi egli altri conun registratore nascosto. Nei bar, nei locali pubblici e nei luoghi poco raccomandabili. Chi lo ha ucciso con sette coletellate,sapeva che aveva registrtao qualcosa che doveva restare segreto?  La prima pista plausibile sembre quella di banda criminale, ma poi saltà fuori un personaggio che telefona spesso al commissario e scrive ai giornali per rivendicare come sia lui il responsabile dell'assassinio. che cerca quasi la comprensione del commissario il quale riesce a farlo uscire allo scoperto in un'inchiesta, se possibile, ancor meno poliziesca delle altre, che ha il suo epilogo in un colloquio tra il commissario e l'omicida seduto in un poltrona del salotto di casa Maigret, una scena e un tono che fanno pensare più ad una seduta di psicoanalisi che ad un interrogatorio vero e proprio.

Nessun commento: