giovedì 28 giugno 2012

SIMENON. ANCHE MAIGRET TORNA IN EUROPA.

L'llustrazione è di Ferenc Pintér
Continuano i "rendez vous" con Maigret e Simenon, della nostra attachèe al Bureau-Simenon, Murielle Wenger, esperta ed assidua firma per Maigret su Trussel.com e autrice dell'autorevole Les enquetes du commissaire Maigret




6) Finisce il periodo americano. Ritorno trionfale in Europa: 1955 - 1967

1955 - Dopo aver terminato il suo ultimo romanzo americano, Maigret et le corps sans tête, Simenon con la sua famiglia lascia definitivamente l’America.  Si stabilisce provvisoriamente a Mougins, dove scrive in luglio il suo primo romanzo di Maigret dopo la rentrée europea: Maigret tend une piège.

*** 
1957 – Simenon e la sua famiglia si sistemano nella loro prima residenza in Svizzera, nel castello d’Enchandens. Il primo Maigret che sarà scritto qui s’intitola Maigret voyage, come fosse un’eco delle sue precedenti peregrinazioni. Questo romanzo inaugura anche una nuova veste editoriale. La copertina fotografica è sostituita da un disegno raffigurante il profilo di Simenon – o di Maigret? – con una pipa i cui sbuffi di fumo contornano il nome dell’autore e il titolo del romanzo.
*** 
 
29 gennaio 1958 – Esce i film Maigret tend un piège, primo dei tre dattamenti cinematografici in cui il ruolo di Maigret viene interpretato da Jean Gabin.
                
                
                 ***  

1960 -  A marzo Simenon è a Londra per firmare con la BBC il contratto dell’adattamento televisivo per cinquantadue Maigret. Il ruolo del commissario toccherà a Rupert Davies. Dopo il Festival del Cinema di Cannes, che lo scrittore presiede nel mese di maggio, scrive in giugno Maigret et les Veillards, il cui titolo riecheggia curiosamente quello del tacquino di note che inizierà qualche giorno dopo e cha sarà poi pubblicato con il titolo Quand j’ètais vieux.


***
  
1962 – Dopo aver presieduto in marzo a Londra il ballo annuale dei fabbricanti di pipe, Simenon scrive a maggio Maigret et le clochard.


***

1964 – I Simenon abitano ormai nella casa che l’autore ha fatto costruire a Epalinges. In luglio scrive Maigret se défend, che avrà un seguito ne La patience de Maigret, finito nel marzo dell’anno successivo. E’ il solo caso, in tutta la serie dei Maigret in cui un romanzo è il seguito di un altro. Questo stesso anno vede la messa in onda del primo episodio della serie televisiva italiana, dove Maigret è interpretato da Gino Cervi.


*** 

3 settembre 1966 – Simenon inaugura a Delfzijl una statua di Maigret in presenza di alcuni attori che hanno interpretato la sua parte.

***  
 
1967 – In marzo debutta la pubblicazione delle “Œuvres complete” di Georges Simenon per le edizioni Rencontre, sotto la direzione di Gilbert Sigaux. Per scelta editoriale, verrano pubblicate due collezioni in parallelo: da un parte i romans-durs i cui volumi saranno contraddistinti da cifre arabe, e dall’altra parte i romanzi di Maigret numerati con cifre romane. Il tomo "I" si apre con una prefazione firmata da Simenon, nella quale l’autore racconta la nascita di Maigret, secondo la leggenda di Delfzijl. In questo stesso anno la famiglia Simenon va in vacanza a Vichy e naturalmente l’autore ne approfitta per far venire anche… Maigret che condurrà un’inchiesta, Maigret a Vichy, scritta a settembre. In questo romanzo il commissario inizia ad avvertire, probabilmente come anche il suo autore, i primi problemi di salute che derivano dall’età. Su consiglio del suo amico, dottor Pardon, Maigret prova, non senza qualche resistenza da parte del proprio fisico, a moderare un po’ il consumo di alcolici. 
 
                                ***

1967 - Il 14 ottobre va in onda sull’emittente ORTF (il primo canale della tv d'oltralpe) il primo episodio televisivo francese delle inchieste del commissario Maigret. Si tratta di una lunga serie dove il ruolo di Maigret verrà interpretato dall'attore Jean Richard e che debutta con un episodio tratto dall'inchiesta Cècile est morte (1942). (Murielle Wenger)

1 commento:

Andrea Franco ha detto...

la caratteristica di questi romanzi è,a mio avviso,una differenza sostanziale rispetto a molti maigret soprattutto del primo periodo(chez les flamands,la guinguette a deux sous)ma anche dell ultimo(le marchand de vin,le tueur):
il colpevole spesso risulta antipatico e si copre di crimini efferati,anche maigret che spesso nella sua carriera mostra indulgenza non ha pietà per il moncin pluriomicida di m.tend un piege,per il melan di m se defend e per il barillard de la patience de maigret.gli starà anche molto a cuore la sorte del clochard keller nel romanzo a lui intitolato