mercoledì 13 giugno 2012

SIMENON. MAIGRET SU RAI 5... NESSUNA NOTIZIA, ANCORA

Il Maigret telvisivo italiano interpetato da Gino Cervi
Nonostante il nostro post del 26 maggio (Il caso Maigret Rai 5 risponde), in cui l'interruzione della serie delle inchieste del commissario programmata in seconda serata veniva spiegata dall'emittente televisiva con problemi inerenti ai diritti di trasmissione, dobbiamo notare che nulla è cambiato. La controversia non si è risolta? La trattativa sta prendendo più tempo del previsto? Solo ipotesi (nostre) perchè dalla televisione di Stato, dopo un ventina di giorni circa non è arrivata nessuna ulteriore spiegazione. E non è arrivato nessun cambiamento nemmeno nella pagina web che il sito di Rai 5 dedica alla serie dei Maigret. Nessun accenno all'interruzione e nessuna spiegazione.
Quello che invece è arrivata, qui a Simenon-Simenon, è una valanga di proteste di tutti i tipi, qualche insulto, pressanti inviti alla Rai a fornire qualche informazione, richieste afinché si riprenda al più presto la programmazione, addirittura l'augurio che i diritti dei Maigret vengano comprati da un'emittente che poi li trasmetta. Ma soprattutto dobbiamo constatare che in meno di un mese sono giunte quasi una cinquantina di commenti non certo teneri.
Cinquanta commenti per un solo argomento non sarà certo un analisi sofisticata dello share, ma, almeno per Simenon-Simenon, è un record. Ma soprattutto un segnale chiaro che tra i nostri appassionati utenti il ricordo e la voglia di quegli sceneggiati é forte. Il tono dei commenti, aldilà delle specifiche proteste è quello di chi si sente preso in giro da una televisione per la quale si paga il canone, la quale non sente nemmeno il bisogno di dare una spiegazione ufficiale. Non ci pare di aver letto e sentito alcunché da nessuna parte e, se non fosse stato per la richiesta specifica di Simenon-Simenon, non avremmo saputo nulla nemmeno della presunta questione dei diritti.
Certo Rai 5 non ci fa una bella figura. E nemmeno la Rai. Eppure i telespettatori fanno audience e l'audience fà pubblicità e la pubblicità è una delle due gambe  (l'altra è il canone) che dovrebbe far camminare l'ente radiotelevisivo di Stato.
Forse varrebbe la pena dare un po' più di ascolto a questi utenti.

Nessun commento: