martedì 13 gennaio 2015

SIMENON SIMENON. L'INCREDIBILE STANDARD DEI ROMANZI SIMENONIANI... RACCONTATO DALL'AUTORE



Quello riportato di seguito é un brano tratto da un incontro con André Parinaud (Radiodiffusion Française, ottobre-novembre 1955, testo pubblicato in « Simenon », di Bernard de Fallois - Collection Tel - Gallimard). Ecco alcune delle affermazioni  che riguardano la diffusione della sua opera.

« Quando un romanzo è terminato, quando ho finito di scriverlo, non lo considero come

completo. La rilettura lo conferma, non è ancora finito. Anche quando lo sembrerebbe. Ci vogliono due anni affinchè un romanzo possa considerarsi maturo. Dapprima è necessario che il publico l’abbia letto, che la critica ne abbia parlato. Occorre inoltre che sia stato tradotto in diverse lingue, perché io non scrivo per i lettori di un solo paese.

Mi sforzo di scrivere per il mondo intero. Detto in altre parole, voglio che un libro abbia la stessa risonanza a New York come a Londra, a Liverpool come a Parigi. Finché un romanzo non ha compiuto  tutti questi passaggi, minimo in sei o sette anni, ai miei occhi non ha terminato di nascere. Resta comunque incompleto, io non posso aggiungere nulla, né cambiare una parola, una virgola ».

Questa ricerca di universalità senza dubbio si traduce per lo scrittore nello « stile di scrittura » che ha adottato : riduzione a livello di vocabolario e richezza d’evocazione per le notazioni che riguardano le sensazioni. Interessante è soprattutto questa sua attenzione per le traduzioni e quindi per la diffusione dei suoi romanzi. E la prova del loro successo non si ha soltanto contando il numero delle parecchie traduzioni (a memoria ricordiamo che per i Maigret sono state censite 52 diverse lingue), ma  anche per la loro diffusione durante gli anni.

Più di ottanta anni dopo la pubblicazione dei primi romanzi sotto suo nome, le riedizioni continuano a susseguirsi, la sua opera ha superato brillantemente anche la virata dell’era digitale (gli ebook), senza parlare delle riduzioni cinematografiche più recenti.

La visione di Simenon era esatta : i suoi romanzi continuano a vivere, maturano decisamente bene, come un buon vino, e la diffusione "planetaria" va aggiunta a quella temporale : si continua a leggere Simenon malgrado (o forse proprio per questo…) sia un autore del secolo scorso. Si è detto spesso che nessuno meglio di lui abbia descritto le angosce dell’uomo del ventesimo secolo, ma forse bisognerebbe aggiungere che nessuno meglio di lui ha saputo raccontare l’universalità e l’atemporalità dell’animo umano…



Murielle Wenger - Illustrazione su base di un disegno di Giancarlo Malagutti

Nessun commento: