giovedì 15 gennaio 2015

SIMENON SIMENON. L'INQUILINO CHE VIENE DA ISTANBUL

Dopo lungo digiuno, gli appassionati di Simenon, sembra porprio che tra meno di quindi giorni potranno trovare in libreria un roman-dur da divorare voracemnte. Si tratta de Il pensionante, Le Locataire, uno del primo periodo, iniziato nel 1932, quindi appena dopo il lancio fortunato del commissario Maigret, ma poi pubblicato soltanto un paio di anni dopo. Fu il primo a uscire per i tipi del NRF di Gallimard. Un Simenon giovane concepisce un romanzo che ruota attorno ad una trama poliziesca-amorosa, ma che s'intreccia con una situazione di notevole interesse psicologico che tocca i temi della rapina, della fuga e del nascondersi tra gente sconosciuta. 
I protagonisti sono un maldestro commerciante di tappeti turco che arriva a Bruxelles da Istanbul e la sua amante incontrata sul treno. La donna sta con lui per amore o per interesse? Lo sapremo alla fine della vicenda.
Lui sembra ricco, ma ben presto gli affari precipitano e allora ecco la soluzione brutale e banale: l'omicidio di un uomo ricco, per rapinarlo di tutti i suoi soldi. A cose fatte il bottino viene spartito dai due amanti. Ma siccome lui è ricercato dalla polizia, la donna gli offre rifugio a Charleroi, dove la madre tiene un pensionato per studenti. L'uomo affitta una camera lì, con la speranza di confondersi tra gli altri, ma...
A nostro avviso la parte più riuscita é il momento in cui il protagonista si nasconde nel pensionato e cerca di mimetizzarsi il più possibile iniziando a prendere le abitudini e i ritmi degli altri pensionanti. L'atmosfera di sospetto su di lui si allarga a  macchia d'olio... la dinamica psicologica all'interno di questo universo di pensionanti si articola di fronte al dubbio che l'uomo sia in realtà quello che i giornali indicano come l'assassino ricercato dalla polizia. 
La tensione generata in queste condizioni, tra la finzione del ricercato e i sospetti di chi lo circonda, sono un esempio di analisi psicologica che un Simenon appena trentenne manovra in modo magistrale. Possiamo dire che è uno dei primissimi romans-durs (il terzo in ordine di tempo) in cui l'autore dimostra tutte le sue capacità e fà intravedere lquale sarà la qualità dei romanzi che scriverà nei successivi quarant'anni. 
Per la cronaca, dal film fu tratto nel 1982 un film, L'Étoile du Nord, per la regia di Pierre Granier-Deferre interpretato da Philippe Noiret e Simone Signoret.

Nessun commento: