giovedì 15 febbraio 2018

SIMENON SIMENON. FERENC PINTER: L'ILLUSTRATORE PERFETTO

Mostra a Torino, MEF Outside, fino al 22 aprile 2018 

SIMENON SIMENON. FERNEC PINTER: L'ILLUSTRATEUR PARFAIT 
Exposition à Turin, MEF Outside, jusqu'au 22 avril 2018 
SIMENON SIMENON. FERNEC PINTER: THE PERFECT ILLUSTRATOR 
Exhibition at Turin, MEF Outside, till 22 April 2018 


Dubito esista lettore italiano che non conosca Ferenc Pintér. Anche senza saperlo. Anche ignorandone il nome. Perchè molto probabilmente il primo libro di cui si è innamorato, che ha segnato per sempre il suo amore per la lettura, è stato un Oscar Mondadori. E molto probabilmente aveva una copertina disegnata da Pintér, che da allora è rimasta impressa nella sua memoria, quasi emblema dell'essenza stessa di quell'esperienza. Di quell'avventura. Di quel primo amore. Di quel libro.
Tutto ciò è ben noto agli appassionati simenoniani, che di Pintér giustamente hanno fatto oggetto di culto, perché se è indubbio quanto la fortuna italiana di Simenon deve all’interpretazione televisiva di Gino Cervi, altrettanto lo è che le copertine mondadoriane dei Maigret, disegnate da Pintér, per un’intera generazione, e più, sono indissolubilmente legate al ricordo di quelle letture. Non è certamente un caso se queste copertine regolarmente ripropongono le fattezze di Gino Cervi. Decontestualizzandole però, sottraendole al bianco e nero degli studi televisivi, portandole all’aria aperta, donando loro la vitalità del colore puro. 
C’è una frase di Pinter su cui vale la pena riflettere: “Mi insospettiva la produzione industriale di Simenon, ma poi ho cambiato idea perché mi sono accorto che pochi come lui sanno raccontare una storia e dare un’anima ai personaggi utilizzando pochi elementi essenziali”. 
Dal proprio osservatorio privilegiato Pintér coglie due aspetti centrali della scrittura di Simenon, talmente centrali da condizionare il suo rapporto con i lettori. La serialità, la produzione “industriale”, che non va a discapito della qualità (anche se sicuramente esistono Maigret più o meno riusciti), con buona pace di certa casta di intellettuali tanto schizzinosi quanto, forse, invidiosi di un così clamoroso successo. La capacità di creare personaggi indimenticabili, di avvincere il lettore, di immergerlo fisicamente negli ambienti più diversi, “utilizzando pochi elementi essenziali”.
Ma si tratta di aspetti importanti anche per comprendere l’arte di Pintér, quasi che Pintér, nel parlare di Simenon, parli anche di sé stessoAnche la sua può essere definita arte industriale, sicuramente si tratta di arte applicata, ma sempre, o quasi, è un’arte di altissima qualità, e un’arte in grado di sintetizzare in una singola immagine l’essenza di un libro. Una capacità che però, come per Simenon, non si improvvisa, pur possedendo uno sconfinato talento, ma è il frutto di un lungo percorso. Il noto apprendistato di Simenon volto a prosciugare la propria scrittura dagli stereotipi letterari. Il passaggio dalle tavole dipinte da Pintér alle copertine che tutti conosciamo.
Merito della mostra torinese è appunto anche quello di permetterci di apprezzare tale percorso. Si prenda ad esempio il cartone relativo a “Maigret e la spilungona”, ove il personaggio femminile troneggia al centro in tutta la propria statuaria nudità, mentre nella copertina viene relegato a margine, ridotto ad un paio di gambe, un paio di gambe che però catturano la nostra attenzione, e, si direbbe, quella di Maigret, proprio perché in tale dettaglio, e nelle calze nere, e nelle giarrettiere, si sintetizza tutto il fascino del peccaminoso, lasciando spazio più ampio all’immaginazione del fuori campo. Ed a quella della lettura.
O il vero e proprio quadro all'origine della copertina di "Maigret al Convegno dei Terranova", dipinto su un foglio di giornale francese i cui caratteri traspaiono dall'acqua dello sfondo con un effetto straordinariamente suggestivo. Un effetto sicuramente debitore degli esperimenti delle avanguardie storiche, ma caratteristica di Pintér è la perizia nel declinarne la forza eversiva in immagini capaci di colloquiare intimamente con lo spettatore, senza che ciò significhi in alcun modo sminuirla, banalizzarla. Un'opera a mio parere di bellezza assoluta, dal valore estetico autonomo, ma forse troppo autonoma, troppo “artistica”, per essere posta a servizio del testo.
Ed infatti merito forse ancora maggiore della mostra è quello di farci conoscere la poliedricità di Pintér, non solo creatore di splendide copertine, ma anche artista svincolato dagli obblighi di una committenza, pur nobilissima nelle intenzioni e negli esiti quale quella mondadoriana, con le immagini ispirate ai Tarocchi, a Pinocchio, a Moby Dyck. Anch'esse illustrazioni, certamente. Anch'esse illustrazioni "perfette".  

Luca Bavassano 

2 commenti:

Andrea Franco ha detto...

Per gli appassionati dell'illustratore assolutamente consigliato il libro "tutti i maigret di pinter" curato da santo allligo e uscito per little nemo nel 2008(uscirono anche, in seguito,le raccolte "tutti gli oscar" e "tutti gli omnibus")

Luca Bavassano ha detto...

Ottimo, purtroppo al bookshop della mostra era possibile acquistare solo il cofanetto con i tre volumi, ad un prezzo non propriamente accessibile