martedì 12 aprile 2016

SIMENON SIMENON. LA TV INGLESE AMA SIMENON, DOPO IL MAIGRET DELLA ITV , THE BLUE ROOM DALLA BBC?

In cantiere una nuova produzione inglese per la televisione da un "roman dur" dello scrittore
SIMENON SIMENON. THE TV ENGLISH LOVES SIMENON, AFTER THE MAIGRET BY ITV, THE BLUE ROOM FROM BBC?
In view of a new English production for television by a "roman dur" of writer
SIMENON SIMENON. LA TELE ANGLAISE AIME SIMENON. APRES LE MAIGRET PAR ITV, LA CHAMBRE BLEUE PAR LA BBC?
En vue une nouvelle production par la télévision anglaise pour un "roman dur" de l'écrivain



La notizia è di oggi. La riporta Radiotimes nell'edizione di stamattina. La BBC starebbe pensando seriamente alla produzione di uno sceneggiato tratto dal romanzo di Georges Simenon "La chambre bleue", scritto in Svizzera nel 1963 e portato recentemente sul grande schermo dall'attore regista Mathieu Amalric.
Questo testimonia ancora una volta come  i romanzi di Simenon stimolino i cineasti in modo particolare. Anche se non va scordato che, il rapporto tra lo scrittore e i film tratti dai propri romanzi non era dei migliori.
"... dite bene, io non ho visto che che tre dei miei film (tratti dai miei romanzi n.d.r.) su circa ottanta e non considero i telefilm come li chiamano oggi - afferma Simenon in  un'intervista a Maurice Piron e Robert Sacré nel settembre dell'82 - E' impossibile che un attore o un regista possa vedere un personaggio come l'autore l'ha immaginato... io non vado mai a vederli né al cinema né alla televisione...".
Eppure alcune delle sue grande amicizie erano uomini di cinema che lo stimavano non poco. Possiamo citare registi come Pierre Renoir, oppure Charlie Chaplin o anche Federico Fellini e poi i quasi settanta film e gli innumerevoli sceneggiati tratti dalle sue opere, e prodotti in ogni parte del mondo, dovrebbero dimostrare come le vicende dei suoi romanzi, il profilo dei suoi personaggi e la struttura dei suoi dialoghi abbiano tutt'oggi un'attrazione particolare per chi utilizza il linguaggio cinematografico.
Poi c'è la storia di Maigret. E qui Simenon canta lo stesso ritornello "... prendiamo Maigret, perché ne sono stati fatti molti di Maigret: come volete che qualcuno veda Maigret o interpreti Maigret tale e quale l'avevo in mente quando l'ho creato? Per un autore vedere i suoi personaggi completamente trasfigurati, del tutto differenti da quelli concepiti, è talmente snervante che io una volta me sono uscito dalla sala e da allora non sono più andato a vederli...".
Certo. Ma ricordiamolo che Jean Gabin e Simenon erano amici, l'attore è stato un simenoniano vero, con al suo attivo una decina di film tratti dai romanzi di Simenon e, se non andiamo errati, ben quattro volte ha vestito i panni del commissario Maigret.
Bene, forse Gabin non è stato il più francese dei Maigret, qualche critico gli ha rimproverato di recitare un po' troppo all'americana, ciò non toglie che lo stesso Simenon affermava che da quando aveva visto Gabin interpretare Maigret non poteva più toglierselo dalla testa. E ogni volta che iniziava a scrivere una nuova inchiesta del commissario, affermava di aver davanti la faccia del suo amico Jean. E, un po' scherzando e un po' sul serio, affermava "...non vorrei che prima o poi questa cosa lo portasse a chiedermi i diritti d'immagine!...".
Forse non con tutte le produzioni cinematografiche che lo riguardavano Simenon aveva lo stesso atteggiamento?
Tornando alla nuova produzione della BBC, le informazioni per ora sono molto stringate. Questo è infatti solo un annuncio. Quando ci saranno elementi più corposi e interessanti, sarà il nostro David P. Simmons che vi riferirà i dettagli e gli aggiornamenti più completi. (m.t.)

3 commenti:

  1. Personalmente posso comprendere un vago disagio da parte dell'autore di un romanzo a veder agire i suoi personaggi "materializzati" e interpretati da attori. Però, a rischio di sembrar monotono, ogni volta che penso a Maigret, vedo la faccia e la "presenza scenica" di Gino Cervi.
    g.

    RispondiElimina
  2. Murielle Wenger12 aprile 2016 11:37

    Jean Gabin a revêtu à trois reprises le pardessus de Maigret: Dans Maigret tend un piège, Maigret et l'affaire Saint-Fiacre, et Maigret voit rouge (adapté de Maigret, Lognon et les gangsters).
    Quant à Simenon, s'il a aimé l'interprétation de Gabin (c'est au moins ce qu'il disait au moment des tournages... et faisons la part de l'amitié qu'il lui portait... et en plus il a reconnu par la suite qu'on voyait bien dans les scènes du film que Gabin n'était pas un vrai fumeur de pipe !), il aussi apprécié l'interprétation de Michel Simon, celle de Pierre Renoir, celle de Rupert Davies, celle de Gino Cervi... et celle de Jean Richard... au moins au début...
    De toute façon, on ne peut que remarquer le fossé entre ses déclarations enthousiastes au moment des tournages des films (que ce soit des Maigret ou non...), et ses déclarations ultérieures dans ses écrits de souvenirs...

    RispondiElimina
  3. I had already put this potential production in my tickler file for future tracking. Stay tuned.

    RispondiElimina

LASCIATE QUI I VOSTRI COMMENTI, LE VOSTRE IMPRESSIONI LE PRECISAZIONI ANCHE LE CRITICHE E I VOSTRI CONTRIBUTI.