mercoledì 8 giugno 2016

SIMENON SIMENON. UN EROE DIVERSO DA MAIGRET: YVES JARRY

Presentazione del personaggio creato da Simenon alla fine degli anni '20 e protagonista di quattro romanzi 

SIMENON SIMENON. UN HEROS DIFFERENT DE MAIGRET: YVES JARRY 
Présentation du personnage créé par Simenon à la fin des années '20, et protagoniste de quatre romans 
SIMENON SIMENON. A HERO DIFFERENT FROM MAIGRET: YVES JARRY 
Presentation of a character created by Simenon at the end of the 20s as a protagonist in four novels 
Simenon creò il personaggio del detective-avventuriero Yves Jarry durante il periodo dei romani popolari e lo tenne come "ruota di scorta" se Maigret non avesse avuto la fortuna che si meritava.Yves Jarry è un giovane proveniente da una famiglia di origini aristocratiche di difficile collocazione nel quadro della letteratura, ma che può essere inquadrato, a grandi linee, nei personaggi alla Robin Hood o alla Arsène Lupin: Jarry lo troviamo infatti in alcune circostanze ladro ma anche detective, è uno scrittore ed  un grande viaggiatore, amante delle donne e costantemente alla ricerca dell'avventura in  senso lato, dove c è il pericolo c 'è un grande richiamo per lui. Dotato di grandi capacità fisiche, Jarry è anche una persona colta e dall'animo nobile ma il suo desiderio di non annoiarsi mai lo porta talvolta ad infrangere la legge per poter provare il brivido del  proibito.I romanzi che lo vedono protagonista presentano una trama abbastanza complessa e articolata che si sviluppa per numerose pagine e le sue peripezie coprono il globo intero. 
Cosi diceva di lui il romanziere:"... Jarry ama vivere numerose vite in una, parigino dai gusti raffinati a Parigi, pescatore in Bretagna, uomo del popolo in certe circostanze, borghese in altre...". Jarry è protagonista di quattro romanzi: L'amant sans nom del 1929 (firmato Christian Brulls) Chair de beauté (Georges Sim), La femme qui tue e La fiancée aux mains de glace entrambi scritti  ancora nel '29 e sempre firmati Georges Sim. I romanzi non sono  in ordine cronologico, ma sono ordinati nella sequenza con sui andrebbero letti secondo le fasi della vita in cui si trova il personaggio (Simenon infatti alla sua terza apparizione fece diventare Yves più giovane e raccontò fasi della sua vita antecedenti quelle che erano già state pubblicate). Tra i vari personaggi con cui l'autore aveva cercato di far breccia nel cuore dei lettori è l'unico di cui per tutta la vita conserverà un ricordo vivido tanto da citarlo a  più riprese nelle sue memorie.Viene dunque in mente una domanda: se Simenon non avesse creato il personaggio del commissario Maigret, avrebbe avuto la stessa fama e lo stesso successo? Forse ci avrebbe messo un po' più di tempo, magari anzic agli albori degli anni trenta avrebbe raggiunto una grande notorietà e il benessere economico qualche anno più tardi, ma  credo che avrebbe ottenuto ugualmente un posto nel pantheon della letteratura. 

Andrea Franco

Nessun commento: