venerdì 19 agosto 2016

SIMENON SIMENON. FUMARE, FUMARE, FUMARE...LA PIPA DI MAIGRET

Non ci potrebbe essere un Maigret senza pipa... ma perché?

SIMENON SIMENON. FUMER, FUMER, FUMER… LA PIPE DE MAIGRET
Il ne pourrait y avoir un Maigret sans sa pipe…. mais pourquoi ?
SIMENON SIMENON. SMOKING, SMOKING, SMOKING… MAIGRET’S PIPE
There could be no Maigret without his pipe…. But why?























Vietato fumare. Ormai ristoranti, uffici pubblici, bus, bar, taxi.... ovunque esiste un adesivo o un cartello con il divieto. Maigret oggi non avrebbe scampo, tutti "off-limits": i bistrot o le brasserie, il suo stesso ufficio a Quai des Orfévres, gli autobus che non hanno più piattaforme aperte, i taxi che prende al volo durante le emergenze...
Cosa farebbe allora? La terrebbe in mano in attesa di passeggiare sul Lungo Senna per fumarla? Oppure, contando le ore e i minuti per arrivare a casa, arrivare a sera, sedersi sulla sua poltrona preferita e fnalmente accenderla? In ufficio invece la terrebbe spenta tra i denti?
In realtà è difficile immaginare un Maigret senza pipa. E non si tratta solo di una questione iconografica. Certo la pipa è ai nostri occhi un elemento molto caratterizzante del personaggio, anche se all'epoca fumare la pipa era una pratica assai più diffusa rispetto ad oggi. Non solo, ma ricordiamo che anche altri famosi detective letterari erano fumatori di pipa: da Sherlock Holmes a Philip Marlowe ad Auguste Dupin solo per fare qualche nome famoso... Questo ci  fà supporre che quando Simenon  pensò alla pipa come un'appendice naturale del commissario, non voleva certo dare a questo elemento un'importanza particolare, nè caricarlo di un'originalità speciale. 
E allora? E' a noi umani degli anni 2000 che questo attrezzo sembra così importante e così preponderante per il profilo di Maigret  o invece sotto c'è dell'altro?
Propendiamo per la seconda ipotesi. 
Immaginiamo un commissario letterario nell'anno 2016, con tutti i divieti sul fumo che abbiamo citato più sopra. Cosa potrebbe avere sempre in mano? Ad esempio un telefono cellulare. Questo device mobile è talmente diffuso e utilizzato da così tanta gente che è divenuto un oggetto comune e comunque tale da non poter caratterizzare nessun personaggio.
Allora non verso è la pipa che dobbiamo guardare. Forse va osservato il rapporto che Maigret ha con il gusto e l'odorato. E' fuor di dubbio che il personaggio del commissario manifesti una predilezione per il cibo, pur non essendo un cultore della cucina raffinata come  Nero Wolfe (che invece fuma sigari costosi). Maigret è legato ai sapori semplici e talvolta decisi della tradizionale cucina francese campagnola ed è un gran mangiatore. Ma è anche un forte bevitore: birra, quella soprattutto che viene dalla Brasserie Duphine; calvados e les blancs (i bicchieri di vino bianco) nei bistrot e nei bar che incrocia sulla strada delle sue inchieste; addirittura la prunella, preparata dalla cognata alsaziana, sorbita a casa sua. E certo la pipa  (lo sa chi la fuma) ha differenti gradi di gusto. Quello che si percepisce in bocca, ad ogni tirata, è di un certo tipo, ma quello che si annusa nell'aria è tutto un'altro aroma. 
Quindi la pipa unisce palato e narici, gusto e odorato. E la voluttà con cui il commissario fuma (ma anche la frequenza) insieme alla sua indole di bevitore e di mangiatore, indica, secondo noi, una voglia di affondare nei piaceri più semplici della vita, condividendoli con altri milioni di persone, E questa comunanza la facciamo discendere dal fatto di fumare la pipa?In parte sì, ma non così in modo così esclusivo.Crediamo ad esempio che per uno concreto e diretto come Simenon (anche lui forte fumatore di pipa) Maigret fumi la pipa perché gli piace. Ma forse anche perché lo scrittore ha trasposto nel personaggio il proprio rapporto quotidiano con la pipa, un modo per rendere più naturale e più vero il personaggio.
Comunque se dobbiamo tirare le fila di queste ipotesi, il ruolo della pipa è, sotto sotto, quello di rappresentare il rapporto con i suoi piaceri della vita  (il sesso è fuori dall'orizzonte... ma prima o poi riparleremo anche di questo...). E come potremmo concepire un Maigret che beva solo Perrier, mangi carne bianca, e sorbisca tazze di brodino vegetale?
E come potremmo concepire un Maigret senza la sua pipa accesa tra i denti? (m.t.)    

Nessun commento: