venerdì 7 settembre 2012

SIMENON E L'ANNOSA QUESTIONE DEL SUO RAPPORTO CON I NAZISTI

E' sempre stata un'ombra che ha gravato sull'uomo Simenon, la sua presunta collaborazione con i nazisti durante l'occupazione della Francia. Ora ci torniamo su grazie ad un'intervista che il figlio John ha rilasciato quest'estate al quotidiano elvetico La Croix.
E' un lungo articolo dei gornalisti Sophie Laurant e Olivier Born (AFP), intitolato John Simenon : "Jamais mon père, Georges, n’a soutenu les idées fascistes",
in cui si toccano vari temi e tra gli altri anche quello delle idee politiche del pardre Georges.
Alla domanda di come abbia vissuto il periodo dell'occupazione John risponde:
"... ha vissuto momenti difficili: la paura di essere bombardato, il che lo spinse a lasciare La Rochelle a rifugiarsi nella regione di Marais Poitevin. Poi i momenti in cui dovette dimostrare che non era ebreo (il suo cognome Simenon derivava per inazisti dal ebraico Simon n.d.a.), e, infine, il problema dell'inchiesta aperta su di lui con la Liberazione. Ma fu presto chiusa perché il dossier era vuoto. Mio padre non ha mai sostenuto le idee fasciste...".
E poi continua "... quello che lo irritava è che gli si chiedeva di giustificarsi davanti a zelanti personaggi che non avevano partecipato alla Resistenza, ma ne chiedevano conto agli altri!...".
Certo c'erano dei precedenti, gli articoli che aveva scritto, ai tempi in cui faceva il giornalista al quotidiano di Liegi, sul pericolo giudaico e altri temi del genere. A questo proposito John Simenon aveva già avuto modo di dichiarare, in un suo intervento alla Fiera del Libro di Torino, nel 2009, come "...Il suo antisemitismo è messo nero su bianco negli articoli che scrisse sulla "Gazette de Liège". Ma aveva 16 anni. In seguito lo riconobbe. E se ne pentì amaramente. Per quanto riguarda il populismo, in Francia il “povero” era unicamente identificato con l’operaio. Lui invece si interessava alle tribolazioni di impiegatucci, piccoli commercianti, les petites gens. Si immergeva in quel mondo, perché lo riteneva più vero. E forse per rivincita sulla madre, che non lo lasciava giocare con i figli dei proletari..."

2 commenti:

Andrea Franco ha detto...

Alcuni critici sostengono che l antisemitismo di simenon si possa trovare in alcune sue opere letterarie,come ad esempio il racconto "les trois clients"in ric et rac del 21 settembre '29 firmato christian brulls.il protagonista è l ispettore sancette e deve indagare su un falso furto messo in atto proprio da un gioielliere ebraico

Andrea Franco ha detto...

Va segnalato che in una prefazione ad un libro dedicato ai suoi anni da giovane giornalista alla gazette de liege (datata 1985)simenon dichiarò di non essere mai stato antisimenita e alcuni lavori che potevano sembrarlo gli venivano commissionati